Come costruire una casetta per tartarughe

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono essere di acqua o di terra e c'è chi ne ospita diverse in giardino. Ovviamente le tartarughe che stanno all'aperto hanno bisogno di un riparo dagli agenti atmosferici, indispensabile per il letargo invernale o anche semplicemente per del riposo in tranquillità. Per garantire protezione alle tartarughe è certamente possibile costruire una bella casetta adatta a loro. Vediamo insieme come procedere passo dopo passo.

26

Occorrente

  • Pannelli in truciolato.
  • Chiodini per legno.
  • Vaso in terracotta.
  • Scatolone robusto.
  • Tappetino erboso sintetico.
  • Cutter.
36

Se siete in possesso di un giardino ben delimitato e recintato, le tartarughe non sono esposte a molti rischi. In questo caso potete adottare una soluzione estremamente semplice ed economica. Procuratevi innanzitutto un vaso in terracotta, abbastanza grande per accogliere le tartarughe. Scavate una buca in giardino delle stesse dimensioni del vaso in termini di lunghezza e larghezza. Posizionate quest'ultimo all'interno della buca e iniziate a ricoprire con la terra fino a metà vaso. Livellate per bene attorno al vaso, pressando la terra con l'aiuto delle mani. Per dare un aspetto più naturale, coprite il vaso con altro terriccio e alcune foglie.

46

Se invece avete esperienza col legno e il fai-da-te potete costruire una casetta molto più elaborata. Per farlo potete usare i pannelli in truciolato di legno. Cominciate disegnandola su carta. Segnate tutte le misure della costruzione, adattandole alle dimensioni delle vostre tartarughe. Dopo che avrete realizzato il disegno con tutti i dettagli secondo la vostra idea, recatevi dal falegname. Fate intagliare ogni componente per la casetta secondo le misure da voi suggerite. Quando avrete tutti i pezzi non resta che assemblarli. Potete usare dei chiodini per truciolato, oppure della pratica colla a caldo. L'ultimo tocco sarà una passata di vernice per legno, secondo il vostro gusto. Posizionate la casetta per tartarughe nel terrario o in giardino e circondatela di erba e rametti.

Continua la lettura
56

Infine potete usare anche il cartone per una casetta da interni. Servitevi di uno scatolone piuttosto robusto. Questa idea è consigliabile a chi tiene le tartarughe in casa, in un ambiente abbastanza riparato. Cominciate procurandovi un piccolo manto di erba sintetica. Le dimensioni devono essere identiche a quelle del fondo della scatola. In alternativa usate del terriccio. Disegnate un ingresso abbastanza grande sul cartone e ritagliate col cutter. Potete decorare il resto della casetta per tartarughe come preferite. Buon lavoro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per dare un aspetto più naturale, coprite il vaso con altro terriccio e alcune foglie.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

5 modi per proteggere le tartarughe dal caldo

Le tartarughe, essendo rettili, sono creature eteroterme, il che significa che la loro temperatura corporea è la stessa dell'ambiente in cui vivono. Esse non sono, a differenza dei mammiferi, dotate di strutture che permettono di regolare il calore del...
Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Animali da Compagnia

Come allevare una tartaruga di terra in giardino

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.