Come creare un soffia-semi

Tramite: O2O 27/04/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

Quella per gli uccelli è una passione che coinvolge tantissime persone. Per questo motivo sono sempre di più gli appassionati che si muniscono di attrezzature sofisticate al fine di favorire sempre di più la permanenza dei volatili all'interno delle gabbie. Uno di questi è il soffia-semi, che è un impianto che serve ad eliminare i semi caduti accidentalmente all'interno della gabbia allo scopo di mantenere quest'ultima sempre pulita. Sebbene sia possibile trovare facilmente questo sistema nei negozi per animali, è altrettanto semplice costruirne uno con le proprie mani. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come creare un soffia-semi.

28

Occorrente

  • 1 bottiglia di plastica da 100 cl
  • 1 calzino di cotone da uomo
  • 0,50 m circa di filo di ferro
  • 2 elastici di altezza media
  • 1 chiodo di ferro lungo
  • Pinze
  • Forbici appuntite
  • Asciugacapelli
38

Prendete una bottiglia di plastica

Ai giorni d'oggi diventa dunque fondamentale garantire ai propri uccellini una gabbia opportunamente igienizzata e pulita. Questa condizione, che di solito si raggiunge attraverso azioni mirate e costi alquanto elevati, è possibile oggi realizzarla invece in poche, semplicissime mosse, che vi garantiranno inoltre un grande risparmio dal punto di vista economico. Per realizzare un soffia-semi sarà infatti opportuno che vi dotiate di pochi oggetti, che potranno agevolmente essere ricavati da ciò che di solito ogni famiglia utilizza nella sua vita di tutti i giorni. Munitevi innanzitutto di una normale bottiglia di plastica da 100 cl. Vediamo dunque come modificarla al meglio per realizzare ciò di cui abbiamo bisogno.

48

Praticate i fori lungo la bottiglia

Si avrà dunque l'opportunità di creare un soffia-semi impiegando una bottiglia di plastica vuota da 100 cl ed un asciugacapelli. Vi raccomandiamo di non utilizzare recipienti più grandi, in quanto il risultato della pulitura dei semi potrebbe compromettersi. Questo avverrà per colpa della elevata distanza tra la fonte di immissione dell'aria ed i semi. Attraverso un chiodo riscaldato e tenuto con una pinza, dovete praticare alcuni fori a 5 cm dalla base della bottiglia di plastica. Questi andranno distanziati di circa 1 cm e dovranno avere una larghezza di 0,5 cm, nonché un'altezza di 1,5 cm.

Continua la lettura
58

Costruite due anelli

Prendete un calzino di cotone da uomo ed infilateci dentro la bottiglia di plastica. Cominciate dal fondo di quest'ultima e lasciate l'apertura della calza verso l'alto. Attraverso un filo di ferro, dovete creare due anelli il cui diametro dovrà risultare leggermente superiore a quello della bottiglia di plastica, in modo che venga inserita al loro interno. Questi anelli bisogna posizionarli uno sopra e l'altro sotto l'area interessata dai fori realizzati in precedenza. Mantenete bloccato il calzino di cotone da uomo, adoperando due elastici. Uno mettetelo vicino al tappo della bottiglia di plastica, mentre l'altro posizionatelo sul fondo di quest'ultima. Sul fondo di questo recipiente praticate un foro con un paio di forbici, il quale abbia la stessa larghezza del becco dell'asciugacapelli. Ecco realizzato un soffia semi fai da te, che avrà la stessa funzione e l'identica affidabilità di uno acquistato nei negozi specializzati per volatili. Ora potrete provarlo, per verificare il suo corretto funzionamento.

68

Versate il mangime

Adesso potete dunque verificare il corretto funzionamento del vostro soffia-semi artigianale. La prova sarà davvero molto semplice: dovrete infilare il mangime per uccelli dal tappo della bottiglia di plastica e chiuderla bene. Nel foro praticato sul fondo, introducete il becco dell'asciugacapelli ed azionatelo scegliendo l'opzione dell'aria fredda. Il soffio introdotto dal phon formerà un turbine d'aria all'interno della bottiglia di plastica. In questo modo, le bucce dei semi escono dai fori praticati e rimangono imprigionate nella superficie compresa tra la plastica ed il cotone. Una volta puliti i semi, dovete aprire il tappo del recipiente e versarli dentro a un contenitore, per rimetterli successivamente nella mangiatoia.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per garantire un'accurata pulizia dei semi, non introducetene troppi all'interno della bottiglia
  • Non prendete una bottiglia di plastica da oltre 100 cl, altrimenti non riuscirete ad ottenere l'effetto desiderato
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come alimentare i canarini

In questo articolo vogliamo offrire una mano a tutti coloro che hanno in casa dei simpatici canarini, per imparare quale sia l’alimentazione corretta, da offrire a questi uccelli.Sono veramente in tante, le famiglie, che decidono di adottare un canarino...
Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

I pappagalli appartengono all'ordine dei Psittaciformi. Tutte le varietà hanno in comune il becco robusto ed adunco. Mediante la sua particolare conformazione possono manipolare qualsiasi oggetto con la massima precisione e delicatezza. Gli occhi del...
Volatili

Come alimentare i piccoli di canarino al momento del distacco

Gli uccelli sono da sempre degli animali scelti per tenere compagnia, ma hanno bisogno di molte cure ed attenzioni per poter vivere a lungo ed in armonia, in quanto sono molto delicati e richiedono molte attenzioni. Bisogna quindi avere delle conoscenze...
Volatili

5 alimenti da non dare al canarino

Se abbiamo appena acquistato una coppia di canarini, è importante alimentarli in modo corretto; infatti, ci sono tantissimi cibi naturali che sono di facile reperibilità, ognuno con una specifica funzione, oltre a quelli misti (semi), acquistabili...
Volatili

Come alimentare i pappagallini inseparabili

Per tutti gli appassionati di animali, all'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazioni della giusta procedura per comprendere come alimentare i pappagallini inseparabili. Proseguite pure nella lettura di questa breve guida e se necessario...
Volatili

Gli alimenti concessi e vietati per la tua calopsite

La calopsitta chiamata in gergo calopsite, è una specie di uccello appartenente alla famiglia dei Cacatuidi ed è simile ai pappagallini sia per forma che per dimensione. Nello specifico presenta un corpo piuttosto snello, delle ali decisamente affusolate...
Volatili

Pappagallo Cenerino: caratteristiche e cura

Tra gli animali domestici più amati, i pappagalli occupano una posizione rilevante. Si tratta di una specie di uccelli molto socievoli che riesce ad interagire facilmente con l'essere umano divenendo persino molto affettuoso. Le caratteristiche basilari...
Volatili

Come alimentare un pettirosso

Capita di trovare un pettirosso in difficoltà perché è caduto dal nido o che per qualunque altro motivo non riesce più a mettersi in volo. I pettirossi sono dei tipici uccelli che si distinguono dai normali perché possiedono un particolare petto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.