Come creare un terrario per i serpenti

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se siete appassionati di serpenti e desiderate tenerne in casa qualcuno, sappiate che è necessario disporre un terrario abbastanza grande e comodo per poterlo ospitare. In commercio potete trovarne tanti, generalmente dai fioristi, ma le cifre proposte sono abbastanza alte e, aumentano in base alle caratteristiche tecniche di ognuno. Per risparmiare potete creare uno di questi super contenitori di vetro con le vostre mani aiutandovi con le indicazioni fornite di seguito su come creare un terrario per i serpenti. Procuratevi dunque tutto l'occorrente, rimboccatevi le maniche e mettetevi a lavoro!

26

Occorrente

  • 3 fogli di compensato rettangolari
  • chiodini
  • tappetino sintetico
  • timer
  • cavetto riscaldante da 25 w
  • ciotola
  • lampada e portalampada
  • una vasca come quella che normalmente si usa per i pesci
36

Prendete innanzitutto una vasca simile all'acquario per i pesci e poi misurate la larghezza, la lunghezza e la profondità, misure che vi serviranno in seguito. Nel tappetino sintetico poi, mettete il cavetto riscaldante, a destra la lampada e il suo sostegno. Serviranno per riscaldare l'ambiente per il vostro rettile e renderlo più accogliente. Se volete potete aggiungere anche un'altra luce dall'altra parte e, nel punto in cui si trova la presa della corrente dovete attaccare un timer che provvederà ad accendere e spegnere la vasca come si è programmato precedentemente, in modo che il serpente abbia l'illuminazione sia di giorno che di notte. Sopra il cavo posizionate la ciotola del cibo.

46

A questo punto per rendere il più naturale possibile l'ambiente, aggiungete dei rami, un pezzo di albero che ricordino al vostro amico il suo habitat naturale. Il loro vero regno è costituito da boschi in cui vivono sopra e sotto il suolo, fra le radici e i cespugli, sugli alberi e fra i tronchi. Il legno è il materiale che amano di più per attorcigliarsi e nello stesso tempo nascondersi. Non a caso è importante la scelta del vetro di cui è composto il terrario. Aggiungiamo che il vetro è un materiale che non assorbe liquidi, particolare importante perché eviterà di trattenere odori che possano recare danni alla salute del serpente.

Continua la lettura
56

La parte superiore non va sigillata, sarà sufficiente mettete una griglia che non permetterà al serpente di uscire ma allo stesso tempo faccia entrare aria. Se poi siete abbastanza bravi potete aumentare l'aerazione all'interno facendo dei buchi col trapano ad altezze diverse per non creare spifferi. Questo era l'ultimo passaggio. Sperando di essere stato abbastanza chiaro nell'esporre la procedura da seguire, non vi rimane altro che mettere dentro chi lo abiterà, sempre con le dovute precauzioni.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Tutto sui serpenti

Negli ultimi anni, sempre più curiosi e appassionati di animali hanno scelto di accogliere alcuni rettili come animali domestici da coccolare e crescere con diligenza. Questo per avere il piacere di addomesticare un animale più unico che raro. Attualmente,...
Rettili e Anfibi

Serpenti da appartamento: quali scegliere

Cani e gatti sono senza dubbio tra gli amici più apprezzati. Esistono anche molti amanti dei piccoli roditori, di criceti e conigli. E poi tanti adoratori dei pesci, che trovano rilassante e stimolante curare i piccoli ospiti e il loro habitat artificiale....
Rettili e Anfibi

Come allestire un terrario per rane

Il terrario è una struttura che permette di ospitare differenti specie di animali, come serpenti o alcuni roditori, e anche piante; tra questi sicuramente può accogliere le rane, degli anfibi che molte persone decidono di acquistare come animali domestici....
Rettili e Anfibi

Come allontanare i serpenti da casa

I serpenti sono rettili da sempre temuti dall'uomo europeo, che spesso non ne sopporta nemmeno la vista. Per alcune religioni i serpenti sono animali sacri, per altre (come il cristianesimo) sono sempre associati a immagini di peccato o malvagità. Al...
Rettili e Anfibi

I serpenti più letali del mondo

I serpenti sono predatori formidabili ed estremamente evoluti. Pur essendo privi di arti, palpebre e orecchi esterni, si muovono agevolmente e riescono ad individuare le prede grazie a un sofisticato sistema sensoriale. Tutti i serpenti si nutrono di...
Rettili e Anfibi

Come organizzare il terrario per l'iguana

L'iguana è un animale simile alla lucertola scoperta da Darwin nelle isole Galapagos. In Italia non è possibile trovarle allo stato brado, ma solo in cattività; i negozi per animali, oltre a vendere questi rettili, sono forniti di materiali adatti...
Rettili e Anfibi

Serpenti: guida alla muta

Prima di adottare un animale si dovrebbero cercare più informazioni possibili sulle cure di cui ha bisogno. Per farlo potremo rivolgerci al nostro veterinario di fiducia, oppure, potremo ricercare su internet una delle moltissime guide che ci spiegherà...
Rettili e Anfibi

Come costruire un terrario per rane

Il terrario è una funzionale struttura che consente di ospitare diverse specie di piante e soprattutto di animali; infatti in riferimento a questi ultimi è importante sapere che è particolarmente indicato per rettili ed anfibi. Se dunque avete intenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.