Come curare congiuntivite al gatto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Prendersi cura dei propri animali domestici è fondamentale per mantenere il loro benessere. Chi possiede un gatto sa anche bene che possono capitargli a volte alcuni piccoli malanni. In questo caso bisogna, onde evitare dei peggioramenti, agire prontamente, adottando le giuste cure e le giuste attenzioni. In questa guida focalizzeremo la nostra attenzione su un problema specifico che può colpire gli occhi del nostro piccolo felino. Infatti, attraverso dei passaggi chiari, vedremo come poter curare in maniera efficace la congiuntivite al gatto. Ovviamente, prima ancora di adottare qualsiasi procedimento illustrato in questa guida, sarebbe il caso di rivolgersi ad un ottimo veterinario che si prenderà certamente cura del nostro gatto.

24

Poiché il quadro sintomatologico di questa patologia risulta essere piuttosto chiaro e facilmente interpretabile, è abbastanza semplice riconoscerne la presenza nel nostro amico a quattro zampe: una lacrimazione eccessiva, degli arrossamenti delle membrane oculari, un leggero strabismo, un gonfiore eccessivo o l'esistenza di secrezioni mucose e crosticine in corrispondenza dei dotti lacrimali sono tutte manifestazioni di questo disturbo. Poiché un'eventuale congiuntivite non curata potrebbe tramutarsi in cronica e determinare l'insorgere di complicazioni ben più gravi come la formazione di cicatrici permanenti sulla cornea o, in casi estremi, la perdita parziale della vista, è buona norma evitare di trascurare la presenza di uno di questi sintomi.

34

La cosa più corretta da fare in una situazione del genere consiste nel portare il proprio gatto da un veterinario, il quale sarà in grado di stabilire con molta più precisione l'entità del problema e di prescrivere dei medicinali specifici come pomate antinfiammatorie e colliri da applicare diverse volte al giorno in base alle indicazioni ricevute (eventualmente, se la causa della patologia è di tipo batterico, anche antibiotici topici).

Continua la lettura
44

Nonostante il consiglio di un veterinario risulti essere indispensabile per risolvere una problematica di questo tipo, esistono però anche dei rimedi naturali che consentono di alleviare le sofferenze del proprio animale e di incentivarne la guarigione. Infatti, utilizzando anche più volte al giorno degli impacchi che possono essere facilmente eseguiti appoggiando sugli occhi infetti del gatto un tessuto morbido o del cotone imbevuti di acqua calda o camomilla, sarà possibile smorzare i sintomi della patologia e migliorarne il quadro complessivo. Effetti analoghi possono essere ottenuti anche impiegando delle piccole quantità di soluzione salina o di acido borico, sostanze caratterizzate dall'elevata forza disinfettante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come curare la congiuntivite al pappagallo

Le nostre case accolgono diversi tipi di animali domestici, che sono entrati, ormai da anni, a far parte della famiglia, considerati a pieno titolo amici e componenti del nucleo. C' è chi sceglie un cane, ritenendolo il più fedele tra gli amici a quattro...
Cani

Come mettere il collirio al cane

I motivi per cui mettere il collirio al cane sono molti e diversi tra loro. Si parte dalle patologie più frequenti e meno serie fino ad arrivare a quelle più rare ma molto più gravi per la salute del nostro cane. Di solito bisogna mettere il collirio...
Volatili

Malattia dell'occhio del canarino: sintomi e terapia

Il canarino, un uccellino domestico solitamente di colore giallo, prende il nome dalle isole Canarie, luogo da cui proviene. Prendersi cura di un canarino è relativamente poco impegnativo, ma a volte esso può manifestare una malattia infettiva, chiamata...
Gatti

Come fare se il gatto ha l'occhio infiammato

Se stiamo decidendo di adottare un animale, la cosa più importante prima di procedere con l'adozione sarà quella di capire se saremo veramente in grado di prenderci sempre cura del nostro nuovo amico, garantendoli sempre tutte il cibo di cui ha bisogno...
Cani

Patologie oculari nei cani: cosa fare

Molte persone possiedono a casa propria un amico a quattro zampe e, potrebbe capitare che gli occhi del cane necessitino di cura, quindi bisogna fare molta attenzione ed essere in grado di capire se il proprio animale sta bene ancor prima di chiamare...
Rettili e Anfibi

5 segnali dell'ipovitaminosi nelle tartarughe

Tra le malattie che possono colpire le tartarughe domestiche, l'ipovitaminosi è una delle più comuni. Con questo termine è denominata una patologia dovuta alla carenza di vitamina A nell'organismo delle testuggini. Ad esserne maggiormente colpiti sono...
Cura dell'Animale

Le principali malattie delle oche

Con il termine "oca" si vuole intendere un nome comune di diversi palmipedi della famiglia Anatidi, appartenenti soprattutto ai generi Anser e Branta, che comprende anche le anatre e i cigni. In particolare, con detto termine si indica generalmente l'oca...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il coniglio dal veterinario

Forse non tutti lo sanno, ma il coniglio è l'animale domestico più diffuso, dopo il cane e il gatto. E non c'è motivo di farsene meraviglia perché il coniglio è un animale affettuoso ed intelligente, con una grande capacità di integrazione nelle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.