Come curare la malattia dei Punti Bianchi

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Possedere un acquario comporta una serie di impegni che non bisogna sottovalutare: infatti, trascurare o dedicarsi sporadicamente ai piccoli esseri viventi che dimorano al suo interno può portare a delle conseguenze, spesso, piuttosto gravi per i pesci e le piante che lo popolano. In questa guida, avremo l'opportunità di apprendere delle nozioni molto utili su come agire e curare quando compare, improvvisamente, un problema che riguarda i nostri amici pesci. Certo anche loro, come tutti, possono ammalarsi e contrarre diverse malattie: una di queste è quella chiamata dei Punti Bianchi che colpisce, principalmente, i pesci che vivono all'interno del nostro acquario. Naturalmente la guida è a scopo informativo ma se il problema dovesse persistere ed aggravarsi è consigliabile, comunque, chiedere ulteriori consigli e chiarimenti ad un professionista del settore.

26

Occorrente

  • Acquario
  • pesci
  • blu metilene
  • formalina
36

Osservare il comportamento del pesce

Come già accennato nel passo precedente, questo tipo di malattia è facilmente riscontrabile nei pesci d'acqua dolce e, più frequentemente, in quelli che vivono nell'acquario. Benché sia conosciuta come malattia dei punti bianchi, il suo nome scientifico, è ictioftiriasi: è provocata da un parassita e la grande pericolosità della malattia (che può portare anche alla morte) è dovuta all'alto grado di contagiosità che vede i pesci appena introdotti in acquario infettare gli altri. I puntini bianchi compaiono su tutto il corpo, sulle pinne e il pesce appare come se fosse coperto da fiocchi di neve. Inoltre respira un po' a fatica e mostra una spossatezza generale.

46

Eseguire dei trattamenti per curare il pesce

Il primo suggerimento, per tentare di sconfiggere questa malattia e, in primo luogo, i parassiti sul corpo del pesce, consiste nel somministrare un primo ciclo di trattamento a base di blu di metilene con dosi da stabilire insieme al veterinario, da somministrare per circa tre giorni. Un altro tipo di trattamento, questa volta non farmacologico, è quello che prevede l'innalzamento della temperatura interna dell'acquario fino al raggiungimento di 30°C circa. Questa metodologia però, sortisce degli effetti positivi, solitamente, quando la malattia è sul nascere e, quindi, i batteri non hanno totalmente intaccato le difese dei pesci e deve essere applicata per un periodo più lungo, per circa tre settimane.

Continua la lettura
56

Controllare se i pesci sono sani al momento dell'acquisto

Infine, un ultimo tipo di cura, utilizza come agente principale la formalina che esercita la propria azione nel giro di un'ora ma che, essendo un elemento molto forte, costringe sovente a cambiare l'acqua all'interno dell'acquario per evitare che i livelli d'ossigeno scendano eccessivamente. È consigliabile, quando si acquistano i pesciolini da porre dentro l'acquario, osservarli attentamente per assicurarsi che stiano bene.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
Pesci

Pesci rossi che cambiano colore: quando e se preoccuparsi

Il Pesce rosso rappresenta molto spesso il primo contatto, ossia la prima presa in cura di un animale domestico. Durante l'età infantile è necessario responsabilizzarsi ed il Pesce rosso rappresenta uno dei migliori animali domestici in questo senso....
Volatili

Malattia dell'occhio del canarino: sintomi e terapia

Il canarino, un uccellino domestico solitamente di colore giallo, prende il nome dalle isole Canarie, luogo da cui proviene. Prendersi cura di un canarino è relativamente poco impegnativo, ma a volte esso può manifestare una malattia infettiva, chiamata...
Gatti

Gatto: le principali malattie degli occhi

Scegliere di ospitare un animale in casa, comporta sicuramente numerosi benefici a tutti i componenti della famiglia. I nostri amici a quattro zampe, riescono infatti a donare un amore incondizionato alleggerendo le lunghe giornate faticose. Tale scelta,...
Volatili

Le malattie più comuni dei pappagallini

Tra gli animali domestici, i pappagallini sono molto gettonati: sono di compagnia ed è abbastanza semplice gestirli. Tuttavia, come tutti gli uccelli, sono animali delicati: anche loro possono presentare delle malattie che, se non curate in tempo, possono...
Cura dell'Animale

Le principali malattie delle pecore

Le pecore sono animali bellissimi, ma al tempo stesso possono rivelarsi degli animali particolarmente delicati, soprattutto per quanto riguarda il rischio di contrarre delle speciali malattie, talvolta anche molto gravi e debilitanti. Le pecore, infatti,...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del cane

Il cane è un animale generalmente molto forte e resistente, ma anche lui può ammalarsi in modo più o meno grave. Per fortuna molte malattie vengono scongiurate dai vaccini, ma a volte non basta. Alcune patologie purtroppo colpiscono ugualmente i nostri...
Cani

Come riconoscere nel cane i sintomi della leishmaniosi

Si dice che il cane sia il miglior amico dell'uomo e proprio come l'uomo, anche il cane non è immune da malattie più o meno gravi. Una di queste è la leishmaniosi. La leishmaniosi è una malattia che colpisce i cani, ma non solo, molto grave e che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.