Come curare un geco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il geco è un rettile di piccole o medie dimensioni molto diffuso all'interno delle zone a clima temperato (in Italia è presente soprattutto lungo le zone costiere) che si caratterizza per la grandezza della testa rispetto al resto del corpo; quest'ultimo è robusto e piuttosto grassoccio e presenta il dorso coperto di tubercoli. Grazie al suo carattere pacifico è possibile allevare un geco in casa, seguendo determinate regole che permettano, anche in cattività, di allestire un habitat il più confortevole possibile. Nella presente guida, a tal proposito, verrà indicato come curare un geco.

25

Le specie di geco esistenti in natura sono molte e si distinguono sia per la colorazione della pelle che per il sistema di riproduzione, oltre che per la capacità di mimetizzazione. Ogni specie ha esigenze diverse; in termini pratici questo significa utilizzare teche di dimensioni e temperatura diverse, oltre che fornire un'alimentazione adeguata alla tipologia di geco. Solitamente la specie più allevata è quella del geco leopardino, che può essere acquistato sia in negozi che vendono animali esotici che direttamente dagli allevatori (anche attraverso siti internet). Quando si sceglie il geco, per essere certi della sua perfetta salute acquistarne uno con occhi vivaci e puliti, la coda grande, la bocca sana, le zampe dotate di tutte e cinque le dita e il corpo senza ferite e privo di macchie giallastre.

35

Per quanto riguarda la teca, sarà sufficiente munirsi di un acquario da circa 60 litri, che presenti un pannello di copertura affidabile, oppure di un terrario. Il fondo dovrebbe essere rivestito con carta assorbente, oppure con piastrelle o appositi tappeti per terrari; evitare assolutamente la sabbia, che potrebbe essere ingerita e causare un blocco, spesso letale, allo stomaco. Per permettere al geco una perfetta digestione è opportuno garantire un certo calore al fondo della cassetta; pertanto, utilizzare un tappeto riscaldante per terrari e, se l'ambiente in cui viene posizionato il geco è particolarmente freddo, impiegare anche una lampada riscaldante, da posizionare su uno dei due lati dell'acquario. La temperatura ideale per permettere una tranquilla attività digestiva è, infatti, di circa 32 gradi.

Continua la lettura
45

Posizionare una ciotola contenente acqua nella zona più fresca e cambiarla tutti i giorni; la ciotola dovrà essere di dimensioni sufficienti per garantire al geco di poter bere e fare il bagno. Passando al cibo, dovrà essere somministrato solamente una volta al giorno; nutrire il geco con vermi, grilli e scarafaggi, fornendone una quantità tale da consentirgli di consumare tutto in circa 15 minuti. Prima di mettere gli insetti nella ciotola cospargerli con degli integratori di calcio e vitamina D, che permetteranno alle ossa di crescere senza problemi. Sarà necessario pulire l'acquario dagli escrementi del geco una volta al giorno, mentre una pulizia generale (vetri compresi) andrà effettuata almeno ogni 7 giorni, utilizzando acqua e sapone. Il fondo dovrà essere cambiato ogni 3-4 mesi o, comunque, quando l'odore inizierà ad essere sgradevole.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Caratteristiche e curiosità del geco

Il geco è un rettile di dimensioni piuttosto piccole che ama vivere in climi temperati, e dal punto di vista morfologico appartiene alla famiglia delle lucertole. Contrariamente a queste ultime, il colore però varia di tonalità anche se tendenzialmente...
Rettili e Anfibi

Come allevare il geco leopardino

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale...
Rettili e Anfibi

Come Allontanare I Gechi

I gechi, sono piccole lucertole che generalmente non danno alcun fastidio all'uomo, anzi, sono degli ottimi cacciatori di ragni e di insetti che, invece infestano le nostre case, depositando le uova e gli escrementi ed inoltre se pungono possono trasmettere...
Rettili e Anfibi

Come allevare dei gechi in casa

Ti piacciono i gechi e vuoi provare ad allevarli? Intanto devi sapere che i gechi sono rettili, di piccole o medie dimensioni. Sono molto simili alle lucertole. Si tratta di animaletti pacifici, innocui per gli umani. Particolare è la grandezza della...
Rettili e Anfibi

I 5 animali che si mimetizzano meglio

La natura, specie quella del mondo animale non finisce mai di stupire; infatti, in rifermento a quest'ultimo, è importante sapere che ci sono delle specie che riescono a mimetizzarsi talmente alla perfezione, che difficilmente è possibile individuarli,...
Rettili e Anfibi

Centri di recupero italiani per tartarughe

Il Mediterraneo è particolarmente popolato da un esemplare di tartaruga chiamata Caretta Caretta che ne fa il suo habitat naturale per deporre le uova, ed ogni anno dopo aver percorso migliaia di chilometri ritrova con precisione chirurgica lo stesso...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Serpenti da appartamento: quali scegliere

Cani e gatti sono senza dubbio tra gli amici più apprezzati. Esistono anche molti amanti dei piccoli roditori, di criceti e conigli. E poi tanti adoratori dei pesci, che trovano rilassante e stimolante curare i piccoli ospiti e il loro habitat artificiale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.