Come dare una pastiglia al gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come ben sapete sia gli esseri umani che anche tutto il mondo animale, può ammalarsi. Ma in questo testo, tramite piccoli passaggi, non parleremo del genere umano, ma precisamente di quello animale, riferendoci ai gatti. Vi spiegheremo Come dare una pastiglia al gatto. Essa è prescritta dal veterinario, per un certo numero di giorni, ma non sarà facile dargliela facendogliela vedere, ma la dovete fargliela assumere nei seguenti modi. Quelli più gettonati ed utilizzati ce ne sono due, che man mano che leggerete tale guida vi si brilleranno gli occhi, proprio perché non li conoscevate affatto, facendo molto più fatica finora quando vi siete trovati in questa situazione.

25

Occorrente

  • Pastiglia prescritta dal veterinario; cucchiaino qualora la pastiglia fosse ridotta in polvere
  • Easy pill pasta
35

La pastiglia prescritta dal veterinario non deve essere miscelata

Il primo consiglio che ci teniamo a darvi è quello che La pastiglia prescritta dal veterinario non deve essere miscelata o tritata insieme al cibo o al latte che andrà ad assumere il vostro gatto: annusando il pasto, se ne accorgerà e rifiuterà di mangiare o di bere. Quindi occorre trovare dei modi alternativi per somministrarla. Di modi ce ne sono tanti, ma i migliori ed i più efficaci sono due, uno più rozzo e l'altro più scaltro, che vi spiegheremo man mano e che be presto potete adottare con molta più serenità e comodità.

45

Apritegli la bocca e inserite la pastiglia al centro della bocca

Il primo metodo, quello più consigliato ed utilizzato è: prendere il gatto e con molta delicatezza, apritegli la bocca e inserite la pastiglia al centro della bocca. Mettendo la pastiglia nella giusta posizione e tenendo la bocca del gatto chiusa per qualche secondo, la somministrazione sarà avvenuta e il gatto avrà ingoiato interamente la pastiglia. Potete anche dividere la pastiglia in tante piccole parti oppure ridurla in polvere e farla assumere al gatto aiutandovi con un cucchiaino, se nel caso il primo metodo non vi è utile.

Continua la lettura
55

Questo metodo è meno crudele del primo

Mentre il secondo metodo è: Prendete la pastiglia da somministrare, riducetela in polvere e miscelarla ad un composto apposito per la somministrazione adatta per gatti. Per prima cosa bisogna procurarsi questa pasta marroncina dalla consistenza simile al pongo e poi miscelare il tutto all'interno. Il suo profumo e la sua essenza, teoricamente, gli fa venire voglia di mangiarla all'istante. Questo metodo è meno crudele del primo, perché non bisogna forzare il felino, ma sarà lui stesso a mangiarla senza problemi, prendendola molto più facilmente e semplicemente. Insomma questo metodo funziona molto più del primo, ed è quello appunto che vi consigliamo di adottare quando si verificano situazioni del genere al vostro gatto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come trattare la congestione nasale nei cani

In questa bella ed utile guida, che abbiamo deciso di scrivere per voi, vogliamo cercare di capire insieme, come e cosa fare, per poter trattare, nel migliore dei modi, la congestione nasale nei nostri cani. Si sa che anche i nostri amici a quattro zampe,...
Cani

Come somministrare una compressa al cane

Attraverso questa guida spiegheremo alcuni semplici accorgimenti come somministrare una compressa al cane, per rendere questo momento meno faticoso e stressante sia per il padrone che per il proprio amico a 4 zampe. È probabile che sia necessario prestare...
Cani

Come mantenere lucido il pelo del vostro cane

La lucentezza e la morbidezza del mantello canino sono indice di un buono stato di salute e di una dieta alimentare perfettamente equilibrata. Tramite il pelo, il vostro cane si difende dagli attacchi degli agenti esterni, allontanando il rischio di contrarre...
Cani

Come lenire le irritazioni della pelle nei cani

La bella stagione è il momento perfetto per andare a fare delle lunghe passeggiate con i propri cani. Spesso però esistono molti fattori, come erba o insetti, che possono causare delle irritazioni fastidiose alla pelle dei cani. In questa guida vi insegneremo...
Cani

Come riconoscere le malattie della pelle del cane

I cani come gli esseri umani sono predisposti ad alcune malattie ed in particolare a quelle della pelle. E che sono particolarmente pericolose oltre che fastidiose sia per l'animale stesso che per noi che gli stiamo accanto; infatti, ad esempio troviamo...
Cani

Come Fare Un Clistere O Introdurre Una Supposta Al Cane

Decidere di prendersi cura di un animale, dona sicuramente molto gioia ma comporta anche delle forti responsabilità inerenti al suo stato di salute. Come tutti gli esseri viventi infatti i nostri amici a quattro zampe, non sono esenti da patologie e...
Cura dell'Animale

Come fare le flebo a un gatto

Alcune volte può capitare che il nostra gatto nonostante goda di un'ottima salute, perché controllato periodicamente dal veterinario con la somministrazione dei vaccini necessari a prevenire l'insorgere di malattie, può ammalarsi. In tal caso, bisogna...
Gatti

Come sapere se il gatto ha calcoli alla vescica

Il gatto è un animale molto bello esteticamente e affascinante, che può rivelarsi non solo un abile cacciatore di topi, ma anche un valido amico e compagno con cui trascorrere dei momenti magici e speciali della nostra giornata. Nonostante sia un animale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.