Come distinguere il sesso delle tartarughe

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi, ma le tartarughe soffrono il caldo: sono facilmente in grado di procurarsi riparo scavando delle piccole buche nel terreno. Prima dell'inverno vanno in letargo, per poi risvegliarsi affamatissime i primi giorni di marzo. Per nulla difficili da allevare, sono perfette per chi ama la tranquillità e vorrebbe cominciare a prendersi cura di un animale. È possibile che chi possiede una tartaruga da tanti anni possa averlo già scoperto, ma chi ne ha acquistato o ricevuto in regalo una da poco, saprà qual è il suo sesso? Questa guida spiegherà proprio come distinguere il sesso delle tartarughe.

25

Innanzitutto, è possibile discernere tra tartarughe (acquatiche e carnivore) e testuggini (terrestri ed erbivore). Per convenzione, spesso si fa riferimento al termine "tartaruga" per indicare entrambe le specie. La loro più rinomata caratteristica riguarda la durata della loro vita: sono animali estremamente longevi, in media infatti vivono dai 50 ai 60 anni, alcune addirittura riescono a raggiungere i 150 anni di vita. Se individuare le caratteristiche generali di questo animale può risultare semplice, capire il genere della propria tartaruga non sarà certo impresa da poco, poiché bisognerà prestare particolare attenzione ad alcuni dettagli che fanno la differenza.

35

Ovviamente, confondersi è facilissimo, soprattutto se si è alle prime armi. Sarebbe meglio avere la possibilità di osservare più esemplari, poiché il confronto diretto è sempre la migliore conferma. Prima di qualsiasi controllo, bisognerà aspettare che le tartarughine raggiungano i 10-12 centimetri di lunghezza; solo allora cominceranno a svilupparsi i tratti tipici che distinguono i due sessi. La prima differenza sta nella coda: nei maschi è più lunga, grossa e robusta. Quella delle femmine invece risulta più corta e piccola. Si passa poi ad un controllo accurato delle unghie.

Continua la lettura
45

Per facilitare l'accoppiamento, il maschio ha in genere le unghie delle zampe anteriori più lunghe, contrariamente a quelle della femmina che sono più piccole. Ulteriori segni di differenziazione si trovano nella grandezza della tartaruga (le femmine sono difatti notevolmente più grandi dei maschi) e nel muso (nei maschi più allungato e nelle femmine più tondo). Ultimo, ma non per importanza, la parte ventrale del guscio, il piastrone, la parte a contatto col terreno: nei maschi risulta essere concavo per facilitare la salita sulla femmina durante la fase dell'accoppiamento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: 5 cose utili da sapere

Se in casa abbiamo deciso di allevare delle tartarughe d'acqua, è importante sapere che per farle vivere a lungo e crescere bene, sono necessari alcuni fondamentali accorgimenti. Si tratta infatti, di quelli strettamente strutturali, ma anche funzionali...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.