Come Distinguere Un Calamaro Da Un Totano

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ad un disattento osservatore, potrebbe capitare un giorno di imbattersi in un disonesto pescivendolo, il quale vuole vendere un comune totano (conosciuto anche con il nome di todaro) per un pregiato calamaro, e credo che a nessuno di noi piaccia essere presi in giro e soprattutto spendere soldi a vanvera. Così in questa guida vedremo insieme quali sono le caratteristiche principali che ci permetteranno di distinguere questi due molluschi cefalopodi. Dunque, iniziamo.

27

Occorrente

  • Conoscenze basilari dei due molluschi
37

Caratteristiche del calamaro

Come possiamo osservare dall'immagine in alto che mette a paragone un calamaro (a sinistra) e un totano (a destra), il primo è caratterizzato da un corpo cilindrico (mantello) molto più lungo di quello di un totano. Il corpo di un calamaro è infatti costituito da tessuto connettivo e presenta due "ali" (pinne) che, partendo dalla punta della coda, arrivano fino ad oltre la metà del corpo, detta anche sacca, del mollusco (come mostrato nell'immagine), per poi finire con 10 tentacoli (più sottili di quelli del "rivale") di cui 2 più lunghi e con più ventose per riuscire maggiormente a catturare le prede, a differenza di quelli del totano che oltre che di ventose, sono provvisti anche di un paio di uncini. Non dimentichiamoci anche che il calamaro, dentro la sacca, contiene inchiostro, quindi l'esterno di quest'ultima si presenterà con un colore metallico, di consistenza oleosa.

47

Caratteristiche del totano

Osservando un totano, invece, dobbiamo notare la sostanziale differenza che c'è proprio in queste pinne laterali, esse si sviluppano solamente sulla punta della coda, e non arrivano quindi alla metà del corpo del mollusco; potremmo dire, semplificando, che nel totano le pinne laterali formano una sorta di triangolo all'apice della coda, mentre nel calamaro abbiamo due triangoli ai lati del corpo (quasi a formare un romboide). Come colore infine il totano, presenta delle striature rosso-violacee, a differenza del calamaro che è più biancastro, e al buio assume una certa fluorescenza.

Continua la lettura
57

Differenze principali

Come ultima curiosità, possiamo dire che le dimensioni dell'apparato tentacolare di un totano sono generalmente maggiori di quelle di un calamaro, così anche per l'osso interno del calamaro, che è più grosso rispetto a quello del totano che è fine e stretto. Concludendo possiamo dire che la sostanziale differenza tra questi due molluschi è da ricercarsi nelle pinne. Quindi, la prossima volta che chiedete al pescivendolo un calamaro o un totano, prestate maggior attenzione alle pinne, e non fatevi abbindolare. Alla prossima!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Le specie ittiche del Mediterraneo

Il Mar Mediterraneo si contraddistingue come uno dei mari più pescosi del mondo. Sono infatti numerose le specie ittiche che lo abitano. Proprio ai fini di preservare la vita delle varie specie ittiche presenti in questo mare, risultano molto rigide...
Pesci

Le principali specie di pesci del Mediterraneo

Il mare è uno dei paesaggi più belli che potrete ammirare nella vostra vita: osservarlo vi regalerà un infinito senso di pace e di gioia. Esso non è solo ricco di bellezza ma anche di vita, date le specie marine che lo popolano e che variano in base...
Pesci

Come riconoscere il sesso dei pesci

Determinare il sesso di un pesce può essere meno facile di quello che si pensa. La difficoltà dipende in gran parte dalla razza di pesce che si prende in considerazione dal momento che alcuni pesci presentano delle caratteristiche fisiche particolari...
Pesci

Come riconoscere un riccio marino commestibile

Sulla spiaggia, sarà capitato di vedere qualche sub appena fuoriuscito dall'acqua. Ed a volte, ancora munito di maschera e pinne, reca con sé una cassetta colma della sua pesca. Il mare è generoso e, fra tutti i suoi prodotti, quella cassetta potrebbe...
Pesci

10 animali marini rarissimi

L'oceano e i mari sono luoghi bui, misteriosi ed inesplorati. Non si sa per certo quali e quante specie ancora non scoperte si nascondino nel profondo blu degli abissi. Tuttavia sono state scoperte alcune specie di animali assai bizzarre che, a prima...
Pesci

Come allevare le anguille

Se abbiamo la passione per l'itticoltura, possiamo cimentarci nell'allevamento delle anguille creando un habitat su misura per loro affinché possano svilupparsi regolarmente. Nello specifico si tratta di realizzare una vasca, munirla di un ossigenatore...
Pesci

Come riconoscere e allevare un orifiamma

Ogni appassionato di acquari, e del mondo marino in generale, sa bene quanto sia importante riconoscere le specie di pesci e sapere come trattarle ed allevarle. Tra le tante varietà che potreste scegliere per il vostro acquario, gli orifiamma coprono...
Pesci

Come preparare l'acquario in caso di assenza

Tempo d'estate, vacanze, mare, sole e persino tropici. Ci allontaniamo da casa per viverci in serenità e rilassatezza le nostre meritate ferie. Magari proprio in uno scenario tropicale, con tanti pesci colorati, coralli, alghe e fauna marina incantevole....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.