Come distinguere un coccodrillo da un alligatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il mito del coccodrillo è conosciuto soprattutto dai bambini con la famosa favola di Peter pan, ma anche come dominatore delle acque della savana. Appartiene alla famiglia dei rettili, ma con una corporatura molto più grande e maestosa e con una bocca adatta per azzannare la sua preda, aprendo le sue grosse fauci. Ma il coccodrillo appartiene a livello scientifico ad una famiglia ancora più grande, distinguendosi dagli alligatori. Infatti si tende spesso a mettere in paragone le due tipologie di rettili ma in realtà sono diversi, e nella guida vedremo come distinguere l'uno dall'altro.

24

Innanzitutto, all'interno di quello che, in genere, viene chiamato coccodrillo rientrano 3 diverse famiglie: la prima comprende il coccodrillo vero e proprio, la seconda caimani e alligatori, mentre dell'ultima fanno parte i gaviali. La prima differenza più evidente riguarda le dimensioni; il coccodrillo raggiunge misure maggiori dell'alligatore, potendo toccare i 7 metri di lunghezza.
Passando a considerazioni meno immediate, partiamo dalla testa; quella del coccodrillo è molto più a punta, con il collo più lungo e affusolato e presenta una mascella decisamente sottile e con le parti superiori ed inferiori simmetriche. Per quest'ultimo motivo i denti risultano, a bocca chiusa, ben sporgenti e visibili. Nell'alligatore, probabilmente per motivi legati strettamente al tipo di alimentazione (necessitando di molta forza per rompere i gusci di tartaruga), la mascella è molto più larga e massiccia, e la parte inferiore risulta più larga. I denti, pertanto, sono nascosti, una volta serrata la bocca, dalla parte interna della mandibola.

34

Le due specie hanno in comune degli organi localizzatori che prendono il nome di tegumentari: il coccodrillo ne è munito su tutto la parte superiore del corpo dove si trovano le grosse squame, mentre l'alligatore ne è munito solo sul muso. Il compito di questi organi è quello di individuare le prede anche sott'acqua, uscendo all'ultimo istante ad attaccarlo, come se fossero dei felini d'acqua.

Continua la lettura
44

Un'altra differenza sostanziale, infine, riguarda la capacità, più o meno sviluppata, di sopravvivere in un ambiente particolarmente salato. I coccodrilli sono, infatti, dotati di ghiandole del sale che consentono di espellere la quantità in eccesso e, pertanto, di stare per lunghi periodi anche in alto mare, con migliori possibilità di migrare facilmente in altri luoghi. Gli alligatori, invece, possono sopravvivere in ambienti marini per poco tempo, proprio a causa della scarsa propensione ad eliminare il sale. L'aggressività invece non dipende dalla loro differenza di specie, ma dal tipo di habitat in cui vivono, agli anni che possiedono e al periodo di anno in cui si trovano.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Tutto sul coccodrillo cubano

Il coccodrillo cubano è una specie in via di estinzione per via dell'uomo che lo ha cacciato fino a ridurne la popolazione. Possiamo trovarlo solo su territorio cubano e nella palude di Zapata e nell'isola della Gioventù ma un tempo era presente anche...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una rana da un rospo

Sapete come distinguere una rana da un rospo? Se la risposta fosse negativa, allora siete arrivati nel posto giusto al momento giusto. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come distinguere questi due animali all'apparenza...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come distinguere un orbettino da un serpente

L'orbettino è un piccolo rettile che ti sarà sicuramente capitato di incontrare durante una passeggiata in campagna e forse anche nel giardino di casa tua! Purtroppo, pur essendo un animale completamente innocuo per l'uomo, viene spesso confuso con...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una vipera da un altro serpente

Con l'arrivo della bella stagione sono in tanti ad organizzare qualche escursione in campagna. Stare a contatto con la natura migliora l'umore e regala momenti di relax. Durante queste gite, tuttavia, potremmo andare incontro ad alcuni pericoli. La presenza...
Rettili e Anfibi

Come distinguere una tartaruga femmina da una maschio

Questo tutorial semplice, utile ed interessante spiega in che modo è possibile distinguere un esemplare di tartaruga maschio da una femmina. A volte quando si compra una tartaruga si ha la curiosità di sapere se è un maschio oppure una femmina. Per...
Rettili e Anfibi

Come distinguere la natrice dai colubridi

In Italia vivono serpenti appartenenti a due sole famiglie, quelle dei colubridi e quella dei Viperidi. I Colubridi sono la famiglia di serpenti più vasta al mondo e sono diffusi in tutti i continenti tranne l'Antartide.I Colubridi, tranne i generi Macroprotodon,...
Rettili e Anfibi

I rettili più pericolosi al mondo

Studiare gli animali è un qualcosa di molto bello e di molto divertente. Tra i vari animali, ce ne sono alcuni molto belli ed affascinanti che spesso vengono sottovalutati, ad esempio i rettili. Molti dei rettili che ci sono in natura sono estremamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.