Come distinguere una vipera da un altro serpente

Tramite: O2O 31/01/2016
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Con l'arrivo della bella stagione sono in tanti ad organizzare qualche escursione in campagna. Stare a contatto con la natura migliora l'umore e regala momenti di relax. Durante queste gite, tuttavia, potremmo andare incontro ad alcuni pericoli. La presenza di creature velenose, infatti, non è esclusiva dei paesi tropicali. In Italia tra i più pericolosi troviamo la vipera. Si tratta di una specie presente in tutto il Paese, ad eccezione della Sardegna. Per tutti coloro che amano le giornate nella natura è importante riconoscerla. Ma come distinguere una vipera da un altro serpente? Per i meno esperti tutti i serpenti possono sembrare uguali. Nel nostro paese sono comuni altre specie non pericolose. È dunque fondamentale distinguere le une dalle altre.

27

Occorrente

  • Osservazione delle caratteristiche tipiche della vipera.
37

La vipera è un serpente che preferisce non attaccare. Di fronte ad un umano la sua prima reazione è quella di scappare e nascondersi. Tuttavia potrebbe sentire la minaccia ed attaccare. Il morso della vipera è mortale solo in rari casi. Diventa molto pericoloso sui soggetti deboli, sui bimbi e sugli anziani. Trovandoci accidentalmente faccia a faccia con un serpente seguiamo alcune "regole". Evitiamo i movimenti bruschi o qualsiasi atteggiamento che possa spaventare il rettile. Ogni azzardo, infatti, potrebbe indurlo all'attacco. Manteniamo la calma ed osserviamo attentamente il suo aspetto. La vipera ha un corpo tozzo e la sua lunghezza è tra i 60 e gli 80 cm. La coda, a differenza delle bisce o delle serpi, è corta e si restringe in maniera brusca.

47

La forma della testa della vipera è visibilmente triangolare, con il naso in su. Si distingue in modo evidente dal resto del corpo. La forma delle pupille è ovale, come nei gatti; negli altri serpenti è generalmente rotonda. La vipera possiede denti retrattili, visibili solo nel momento in cui decide di azzannare la preda. Dietro la testa possiede una ghiandola che produce un veleno potenzialmente letale. Ciononostante non sempre decide di impiegarlo durante l'autodifesa. Il veleno è una risorsa per i casi di serio pericolo per la vipera.

Continua la lettura
57

Il corpo del serpente presenta delle striature nere a forma geometrica continua. La livrea non è un elemento utile per il riconoscimento, poiché cambia a seconda del mimetismo. Solitamente va dal grigio al marrone. In ogni caso la vipera è un serpente di indole docile e schiva. Prima di mordere tenta la fuga in tutti i modi possibili. Reagisce con vigore ad urti e ferimenti, anche accidentali. Per tale ragione è importante non agitarsi. In caso di morso mettere un laccio emostatico a monte della lesione. Subito dopo rechiamoci al pronto soccorso più vicino per avere un antidoto.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se ci addentriamo in una fitta boscaglia, potrebbe essere saggio dotarsi di un lungo bastone con cui smuovere il fogliame di fronte a noi. In questo modo, in presenza di vipere, il bastone ci proteggerà assorbendo eventuali attacchi al nostro posto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Cosa fare se si incontra una vipera

La vipera è un rettile che possiede due vistosi e appuntiti denti velenosi, una testa triangolare e a punta, un corpo molto tozzo e robusto, tendenzialmente più largo che lungo. Tuttavia in questa guida ci occupiamo di cosa fare se si incontra una...
Rettili e Anfibi

Come intervenire in caso di morso di vipera

Non c'è nulla di più sgradevole del rimanere vittima di un morso di vipera mentre ci si accinge a raggiungere un bel rifugio di montagna o mentre si è accampati in un prato consumando la meritata colazione al sacco dopo una sgobbata su aspri sentieri....
Rettili e Anfibi

Come riconoscere una vipera e come comportarsi in caso di avvelenamento

I serpenti nella maggior parte dei casi sono velenosi e si possono suddividere in due principali grandi categorie, per cui imparare, a distinguerli e soprattutto a capire se ci troviamo in pericolo o meno, è importante sapere che ad esempio i colubri,...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente a sonagli

Tra i rettili che popolano la Terra troviamo i serpenti. Questi ultimi sono dei rettili affascinanti ma soprattutto letali. Esistono varie razze di serpenti, come ad esempio il pitone reale, il boa, il corallo e infine il serpente a sonagli. Il serpente...
Rettili e Anfibi

Come catturare un serpente

La natura ha molti aspetti: a volte è dolce e incantevole a livello empatico, altre ancora invece, la fauna incute timore, una sorta di paura ancestrale come nel caso dei rettili in generale, dei serpenti in particolare.La simbologia di questo animale...
Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

Serpente domestico, come prendersene cura

Il serpente è un animale impegnativo da tenere in casa, sia per la cura sia per quanto riguarda la questione economica, più di quanto si possa immaginare. Importantissima è la scelta del serpente, perché non possono essere allevati tutti allo stesso...
Rettili e Anfibi

Tutto sul serpente del grano

Il Serpente del grano, conosciuto anche come serpente rosso, è un serpente di dimensioni modeste il cui manto è a scacchi e da l'impressione del granturco. È tra quelli più facili da mantenere in cattività, che è probabilmente il motivo per cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.