Come e dove catturare granchi di scoglio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Tra i cibi sofisticati e prelibati c’è il comune granchio di scoglio, che si distingue da quello di sabbia considerato di qualità più bassa. Si tratta di crostacei presenti nelle scogliere marine, utilizzati anche come esca per i predatori, analogamente alle orate e alle spigole. In cucina, lo troviamo come ingrediente di molti piatti di mare, e grazie alla delicatezza delle sue carni, che lo rendono appetibile e versatile, viene proposto in numerose ricette diverse una dall'altra. Catturare il granchio di scoglio è quindi un'attività frequente dovunque sia possibile trovarlo, soprattutto nel Sud dove esso viene denominato ‘fellone’. Vediamo in questa guida dove e come catturare granchi di scoglio.

26

Occorrente

  • Un guadino o altro tipo di retino
  • Un secchio
  • Un'esca
36

Per pescare i granchi esistono varie tecniche. Per quanto riguarda l'attrezzatura, un guadino o un altro tipo di semplice retino possono essere sufficienti; bisognerà poi pensare a riporli in un secchio con pochissima acqua di mare. Tenete presente che, anche se comunemente si crede che il granchio sia di piccole dimensioni, in realtà ce ne sono pure di grandi dimensioni, quindi il secchio non dovrà essere troppo piccolo.

46

Un esempio di cattura ci viene dagli ‘ scugnizzi ‘ campani che usano un sistema di forma assai semplice ma efficace, che consiste nel legare una sarda ad un filo di ferro rigido (di circa un metro e mezzo di lunghezza) facendo attenzione che rimanga bloccata e visibile al pescatore. Il filo verrà agitato fra gli scogli, in modo da attirare l'interesse dei granchi e localizzarli, con uno spago sottile. Intanto con l’altra mano viene sorretta una canna oppure un bastone munito di cappio, realizzato con una lenza della lunghezza della stessa canna.

Continua la lettura
56

Se fra gli scogli ci sono dei granchi, arriveranno immediatamente per gettarsi sulla preda. E’ questo il momento di avvolgere con destrezza e velocità il cappio su una chela del granchio, stringerlo e portarlo fuori dall’acqua per riporlo in un secchio. Oppure, se si vogliono usare le mani, afferrare i granchi dal retro quando le chele sono in posizione di riposo. Da questo momento sarà continua e costante la pesca, grazie a questa semplice tecnica.

66

Altra tecnica di pesca è l’utillizzo dell'esca per invitarlo ad entrare in un retino già pronto per l’uso. Ci spieghiamo meglio. Il retino è facile da usare, sarebbe anche possibile scuotere il granchio per farvelo cadere all'interno, ma c’è da tener conto degli scogli che rendono difficile fare manovre per la cattura e consentono ai granchi di nascondersi e scappare. In questo caso, pur se sembrerebbe efficace, è consigliabile non usare arpioni perché si danneggia irrimediabilmente l' integrità del crostaceo. L’unico sistema è quello di impegnarsi con pazienza a catturarli col guadino in cui sarà inserita l'esca, per poi conservarli vivi in secchio con acqua marina anche diversi giorni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come catturare una rana

Se abbiamo un giardino e con esso un piccolo stagno, è importante sapere che può essere visitato dalle rane che con il loro tipico gracchiare specie nelle ore notturne, potrebbero dare non pochi fastidi, per cui bisogna trovare la soluzione adeguata...
Rettili e Anfibi

Come catturare un serpente

All'interno della presente guida, andremo a parlare di serpenti. Nello specifico, come avrete notato dal titolo dell'articolo, ora andremo a spiegarvi Come catturare un serpente.Può capitare a volte, in campagna o in giardino di avvistare qualche serpente....
Invertebrati e Insetti

Gli invertebrati che possono vivere in terrari

Gli invertebrati sono degli animali senza ossa o meglio senza uno scheletro interno. Infatti, molti invertebrati sono di un corpo molliccio mentre altri hanno uno scheletro o meglio una casa come ad esempio una conchiglia. Questa specie di animali tendono...
Cura dell'Animale

Guida ai principali animali onnivori

Gli animali hanno conquistato il dominio del pianeta grazie all'adattabilità del comportamento e alle notevoli capacità di movimento. A secondo del cibo di cui si nutrono, essi si classificano in tre grandi gruppi: carnivori, erbivori e onnivori. Mentre...
Invertebrati e Insetti

Come si suddividono gli invertebrati

Gli invertebrati sono una categoria di animali che si accomuna in base ad una caratteristica specifica, ovvero il fatto di essere privi di colonna vertebrale e scheletro interno. Spesso, infatti, si utilizza il termine "invertebrati" senza avere ben chiaro...
Invertebrati e Insetti

La famiglia dei crostacei: caratteristiche e suddivisione

Chi ama il mare conosce bene quali meraviglie celano le acque del nostro pianeta. Dai pesci più grandi alla barriera corallina, i colori e gli immensi fascini lasciano a bocca aperta per lo stupore chiunque si avventuri in mare. Tra gli abitanti delle...
Pesci

Squalo goblin: caratteristiche e distribuzione

Lo squalo goblin, che secondo la classificazione scientifica si chiama “Mitsukurina Owstoni, è l’unico pesce ancora in vita appartenente alla famiglia dei “Mitsukurinidi. È denominato dagli esperti di squali con il nome di “alieno degli abissi”...
Pesci

Come decorare l'esterno del tuo acquario

Nella maggior parte delle case possiamo trovare facilmente un acquario perché sta diventando un hobby molto diffuso. È vario l'uso che se ne fa: c'è chi lo riempie di pesci tropicali, chi di pesci d'acqua dolce e chi, invece, sceglie, sbagliando, di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.