Come e quando effettuare la nutrizione dell'alveare

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'apicoltura, è una tipologia di allevamento di api a tutti gli effetti, essa risale a dodici mila anni fa. Infatti l'uomo, ha sempre usufruito di questo prodotto, sin dagli albori dell'umanità. Questa pratica viene appunto effettuata, sia a livelli amatoriali, che quindi, ciò che viene prodotto e raccolto, viene utilizzato per se stessi. Ma viene anche utilizzato, come attività commerciale, infatti, molti apicoltori, vendono il proprio raccolto. Chiaramente, prima di poter diventare un apicoltore, bisogna essere ben istruiti a riguardo. Infatti esistono tantissime cose da dover sapere, per poter far produrre alle api un miele di buona qualità. Una di queste, sicuramente, è la nutrizione delle api stesse. Quindi, andiamo a vedere più nel dettaglio, come e quando effettuare la nutrizione dell'alveare.

25

Le tipologie

Innanzitutto cercheremo di spiegare in maniera semplice quando si deve intervenire, chiarendo le motivazioni e specificando le varie tipologie di nutrizione da fornire. Essa può essere: 'essenziale' quando bisogna procurare agli insetti le scorte necessarie sino ai mesi primaverili successivi, senza lasciare che essi ne rimangano sprovvisti; 'di emergenza' quando in occasione di cause o eventi climatici fortemente avversi, viene a manifestarsi una carenza di provviste; 'stimolante' per solleticare l'appetito dell'ape Regina e spingerla a produrre covate anticipate, e questo è utile per poter sfruttare nella maniera migliore le fioriture prescelte relative alla produzione di miele.

35

Il controllo

È sempre bene controllare con attenzione gli alveari per poi passare eventualmente a nutrirli, infatti tale operazione potrebbe anche non essere necessaria. Il ragionamento da fare è semplice: approsimativamente, calcolando la quantità di tempo in cui le api non potranno procurarsi il cibo all'aperto per motivi di clima (è un fattore che varia secondo la zona) dobbiamo tenere presente che una 'famiglia' media necessita mensilmente di 2 di kg di nettare (cibo 'essenziale').

Continua la lettura
45

Il cibo di emergenza

La migliore integrazione di cibo di emergenza oppure durante lunghissimi periodi di inattività all'aria aperta, si ottiene somministrando a questi insetti il 'candito' (alimento acquistabile in negozio o realizzabile senza alcuna difficoltà anche in casa) da sistemare direttamente sui telai. Si può inoltre distribuire in appositi nutritori, dello sciroppo (speciale come stimolante) composto da acqua con aggiunta di zucchero, in proporzione di 1:1 oppure 1:2; si prepara bollendo l'acqua e versandovi lo zucchero a fiamma spenta (per non rischiare di caramellarlo).

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Artiodattili: ambiente di vita e nutrizione

Gli Artiodattili è un ordine di mammiferi erbivori ungulati, provvisti di arti le cui estremità (le dita) sono ricoperte da zoccoli. Quest'ordine di mammiferi si caratterizza per la particolare forma del piede. Essi, infatti, hanno un piede con dita...
Invertebrati e Insetti

Come identificare un'ape regina

L'ape regina si diversifica dalle api operaie in quanto è l'unica femmina dello sciame che può riprodursi. La sua vita si aggira in media fra i 2 ed i 5 anni ed è in grado di deporre fino a 2000 uova ogni giorno. Garantisce il benessere di tutto l'alveare...
Volatili

Come alimentare i pappagallini inseparabili

Per tutti gli appassionati di animali, all'interno di questa guida ci soffermeremo sulla spiegazioni della giusta procedura per comprendere come alimentare i pappagallini inseparabili. Proseguite pure nella lettura di questa breve guida e se necessario...
Gatti

10 consigli per accudire un gattino

Cosa c'è di più tenero e morbido di un gattino? Ci sciogliamo subito di tenerezza di fronte ad una cucciolata di micetti. Ed è irresistibile la voglia di tenerne in mano almeno uno. Giusto per accarezzarlo e vezzeggiarlo. Che sia un trovatello o il...
Gatti

Come occuparsi di un gatto appena nato

Diverse sono le situazioni che possono portare all'esigenza di occuparsi di un gatto appena nato. La scomparsa o la morte prematura della madre ad esempio, così come il trovare cuccioli rimasti orfani è purtroppo un'eventualità abbastanza frequente....
Invertebrati e Insetti

Come Fare Un Casetta Per Api

Oggi vogliamo dedicare un po' d'attenzione a degli animali molto particolari, senza le quali non potremmo gustare un prodotto buono e genuino come il miele. Come avrete capito stiamo parlando delle api, questi meravigliosi animali che non solo producono...
Invertebrati e Insetti

Come proteggersi dalle vespe

Con l'arrivo della bella stagione è tempo di mandare in soffitta l'abbigliamento pesante. Facciamo spazio a T-shirt, pantaloncini e top. Il modo migliore per accogliere il primo sole di primavera. Questo ci espone però al rischio di scottature. Un rischio...
Volatili

Come nutrire un pipistrello appena nato

Molto spesso i pipistrelli sono animali che incutono paura. Questi mammiferi in realtà sono animali molto interessanti. Nel caso in cui trovaste un pipistrello, ci sono alcune cose da ricordare. I pipistrelli sono animali protetti. Dunque, è bene chiamare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.