Come e quando staccare i gattini dalla mamma

Tramite: O2O 01/01/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel mondo animale, come in quello umano, i cuccioli hanno bisogno delle cure della madre, almeno per il primo periodo di vita. La fragilità e l'arrivo in un mondo totalmente sconosciuto potrebbero creare parecchi problemi. Quindi bisogna prima comprendere quando è il momento giusto per sottrarre i piccoli alle cure materne. I gatti non fanno eccezione. Se la vostra gatta è in dolce attesa, forse state già pensando che non potrete tenere tutti i gattini. Vediamo allora come e quando staccare i gattini dalla mamma.

25

Valutare l'età giusta

La prima cosa che occorre valutare è l'età giusta. A tal proposito, dovrete attendere che i gattini compiano almeno otto settimane di vita; a questa età, sono ancora molto tranquilli e adorabili e di conseguenza più adottabili, ma al tempo stesso abbastanza forti per allontanarsi dalla loro mamma. Se invece si tratta di gattini selvatici o randagi, le regole sono diverse: in questo caso dovrete staccati dalla mamma in età più giovane (5-6 settimane), prima che imparano a fuggire dagli esseri umani non appena li vedono. I gattini selvatici imparano molto presto che le persone sono il loro maggior nemico, per cui vi sarà molto difficile conquistare la loro fiducia oltrepassato questo periodo.

35

Prestare cure sanitarie

Anche se la mamma si occuperà sicuramente dei suoi piccoli, è importante prestare delle cure aggiuntive. Assicuratevi che i cuccioli siano sani e valutate la necessità di una visita veterinaria.
Non dimenticate di sverminare i gattini e procedere alle dovute vaccinazioni. Cercate di affiancare sempre di più la vostra presenza a quella della madre, in maniera tale da stabilire un buon contatto. Coccolate e fate giocare i gattini. Li aiuterete a superare la mancanza della mamma. Se è necessario, cercate di tenere il gattino almeno insieme ad un fratellino, in modo che possa trarre sicurezza dalla sua presenza.

Continua la lettura
45

Nutrire i gattini

Durante la 12a settimana, cercate di cibare i gattini per rendere l'allattamento meno indispensabile. A quel punto, anche la mamma, vedendo i suoi piccoli sempre più forti e indipendenti, inizierà a distaccarsi da loro rendendoli più autonomi e lasciandoli spesso da soli; in questo modo, non soffriranno. Se invece doveste sbagliare i tempi o avere troppa fretta, la situazione potrebbe complicarsi, anche perché la mamma stessa potrebbe rifiutare di lasciare andare i gattini, chiamandoli disperatamente. Siate sempre attenti alle loro esigenze e non dimenticate mai che sono degli esseri viventi e non dei peluche.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come accudire un gattino di pochi giorni che ha perso la mamma

Purtroppo ogni tanto capita di trovare un piccolo gattino rimasto solo. Questo può essere causato da più di un motivo: qualcuno lo ha abbandonato, la mamma lo ha perso oppure lo ha abbandonato perché debole. Come comportarsi allora in questi casi?...
Gatti

Consigli per svezzare i gattini

I gatti, come tutti i mammiferi che per un certo tempo della loro vita si nutrono solo con il latte materno, una volta passato tale periodo vanno svezzati. Svezzare significa infatti passare gradualmente dall'allattamento alla progressiva introduzione...
Gatti

Gattino appena nato: consigli su latte e cure

Soprattutto per chi abita in campagna, ma ormai anche nei centri cittadini, è molto facile trovare dei gattini neonati che non hanno più la loro mamma a prendersi cura di loro e che necessitano di nutrimento e attenzioni. Molto spesso i gatti randagi...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Gatti

Come educare un gattino in casa

Chi di voi non ha mai sognato di aver a che fare con un gattino durante l'arco della vostra vita? Sembrerebbe che continua ad esistere qualcuno che nutre un po' di timore o di astio nei confronti degli amici a quattro zampe, ma probabilmente il tutto...
Gatti

Come alimentare un gattino orfano

Ci sono tanti gatti di strada che se la cavano ogni giorno. I più fortunati si ambientano in colonie all'interno di un parco, quelli più a rischio invece stanno vicino ai cassonetti. Questi ultimi, sono sempre esposti alle auto e può succedere che...
Gatti

Come prendere in braccio un gatto

Chiunque abbia in casa un gatto sa quanto essi siano sfuggenti: quando vogliamo fare una fotografia con loro fanno di tutto per correre da ogni parte e nel momento dello scatto si trovano sempre nelle pose più improbabili! Però sappiamo anche quanto...
Gatti

Come comportarsi quando la vostra gatta deve partorire

Tutti gli animali come gli esseri umani si accoppiano ma, è doveroso fare una premessa. Ci sono taluni animali che sono più delicati di altri e fra questi ci sono i gatti. Dovete sapere che la gatta durante il periodo della gravidanza (che va dai 58...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.