Come educare il gatto a rispondere al suo nome

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se desideriamo adottare un animale per farlo vivere con noi nella nostra abitazione, prima di farlo dovremo essere sicuri di poterci sempre prendere cura di lui garantendogli sempre tutto il cibo e le cure di cui ha bisogno, oltre a dedicargli quotidianamente un poco del nostro tempo. Tuttavia in alcuni casi potrebbe essere molto importante riuscire ad insegnare al nostro animale, alcune regole, in modo da favorire una perfetta convivenza tra padrone ed animale. Per fare ciò potremo provare a seguire tutte le indicazioni riportate all'interno di una della moltissime guide reperibili su internet. In questo modo seguendo tutti i consigli riportati nella guida riusciremo con molta pazienza ad insegnare al nostro amico peloso, un particolare comportamento. Nei passi successivi di questa guida, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad educare correttamente il nostro gatto a rispondere al suo nome.

26

Occorrente

  • gatto e molta pazienza
36

Per educare il gatto a rispondere al suo nome, la prima cosa da fare è cercare di abituare l'animale all'ascolto del nome stesso, ripetendolo frequentemente durante i momenti positivi di coccole, di cure e di affetto, così come anche durante i momenti di pulizia, toelettatura e gioco. È importante scandire bene il nome del gatto, ripetendolo spesso a voce alta e con chiarezza, associando il nome del gatto ad una situazione piacevole e sicura.

46

Al contrario, per educare il gatto a rispondere correttamente al suo nome, è consigliabile non ripetere spesso il nome del gatto durante i momenti meno gradevoli, come quelli dei rimproveri, delle punizioni o delle visite dal veterinario, occasioni di spavento e risentimento per il piccolo animale. In caso contrario, il gatto potrebbe associare il suono del suo nome ad un'occasione di paura o di rancore ed aggressività, scappando via oppure attaccando il suo padrone con le unghie per evitare di rivivere un momento negativo come quello del suo ricordo.

Continua la lettura
56

Per riuscire ad educare il gatto a riconoscere il suo nome ed a rispondere ai richiami del suo padrone, poi, è fondamentale dimostrare all'animale che rispondere al nome, andando incontro al padrone, potrebbe essere l'occasione giusta per un bel premio, ad esempio una ciotola piena di croccantini o di cibo umido, oppure un nuovo giocattolo con il quale divertirsi. Se ad ogni richiamo con il nome del gatto seguirà una buona e gustosa ricompensa, il gatto sarà sempre ben disposto, anche ad un richiamo futuro, a rispondere al suo nome, nella speranza di una bella sorpresa e di una coccola in più da parte del suo padrone affettuoso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • proviamo varie volte per riuscire ad ottenere il risultato voluto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come educare il cane alla condotta

Non tutti sanno cosa sia la condotta canina. Questo tipo di esercizio a coppia tra animale e proprietario fonda le proprie origini in Gran Bretagna ed è approdato in Italia come specialità nelle gare incentrate sull' "Obedience" solo una dozzina di...
Cani

Come educare un Cocker Spaniel

Il Cocker Spaniel è uno dei più diffusi cani da caccia. Il suo carattere tendenzialmente allegro e gioioso lo rende il tipo di cane ideale per chi ha uno stile di vita attivo e dinamico o per chi ama trascorrere ogni giorno almeno un’ora in compagnia...
Cani

Come educare il cane a stare in pubblico

Le persone che possiedono un cane sanno che è difficile addestrarlo; qualche volta l'amore e la pazienza non bastano. Alcuni cani sono docili e riescono a capire subito gli ordini del padrone, altri sono più irrequieti e necessitano di qualche attenzione...
Cani

Come educare un boxer

Il boxer è un bellissimo cane di taglia media, molto muscoloso ed atletico. La sua razza, di origine tedesca, è stata creata incrociando un bulldog inglese con un cane di razza molto rara (bullenbeisser). Il suo carattere è molto giocherellone ed espansivo...
Gatti

5 segreti per educare i gatti

Il gatto è sempre più apprezzato e scelto come animale domestico da tante famiglie di tutto il mondo; il suo intuito, il suo caldo abbraccio peloso e la sua intelligenza ne fanno un compagno di vita affettuoso, curioso ed indipendente. L'istinto intraprendente...
Cani

Come educare un cane dominante

Così come per gli esseri umani, anche alcuni esemplari canini possono essere dei leader naturali nati. Se ti è capitato di adottare un cane dal simile comportamento, potresti correre il rischio di ritrovarti con un animale dominante che tende ad assumere...
Cani

5 dritte per educare un cucciolo a stare da solo

Se abbiamo deciso di adottare un cucciolo di cane, ma temiamo che possa sentirsi solo quando non siamo in casa o comunque non abbiamo molto tempo da dedicargli, è importante sapere che ci sono alcuni metodi molto funzionali per evitare ciò. In riferimento...
Cani

Come educare un cucciolo a non sporcare in casa

Adottare e allevare un cucciolo di cane o di gatto sono sicuramente un’esperienza molto bella. Imparare a prendersene cura è inoltre educativo per ogni uomo o donna, indipendentemente dalla sua età. Avere un cucciolo in casa può però anche comportare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.