Come educare un cucciolo a fare i bisogni fuori casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

È sicuramente molto piacevole, divertente ed entusiasmate avere un cucciolo in casa. Questo però potrebbe comportare molte noie, fastidi e problemi non sempre di facile ed immediata soluzione. Senza dubbio, uno dei più grandi problemi da risolvere, è quello di educare correttamente il cucciolo affinché non faccia i suoi bisogni dove gli viene più comodo. Questa cattiva abitudine, potrebbe divenire davvero un bel guaio per la casa, che andrebbe poi necessariamente pulita in continuazione con una grande perdita di tempo ed energie. Vediamo quindi come educare un cucciolo a fare i bisogni fuori casa nella maniera corretta.

27

Occorrente

  • Un giornale
  • Tanta pazienza
37

Come prima cosa, quando un piccolo animale arriva in una nuova casa per la prima volta, è naturale che si possa sentire un po’ solo. Per questo, avrà innanzitutto bisogno di un “suo” spazio, che rimanga sempre lo stesso, nel quale fare i suoi bisogni in tutta tranquillità. In questo spazio, dovrà essere collocato un giornale precedentemente bagnato da qualche goccia dell'urina dell’animale stesso. Un modo per recuperare qualche goccia di urina senza troppe difficoltà, è di ripulire con il giornale le “piccole pozze” che l’animale avrà quasi sicuramente lasciato in qualche parte della casa.

47

Inoltre, è molto importante educare l’animale ad osservare un buon comportamento fin dai suoi primi giorni di vita. Ogni volta che il cucciolo farà i bisogni fuori dal giornale, occorrerà fargli capire in modo energico che ha sbagliato e che non deve più rifarlo. Per mettere in atto questa correzione, sarà ad esempio sufficiente gridargli un forte “No”, portarlo vicino alla sua urina, fargliela annusare per qualche secondo, ed infine condurlo immediatamente vicino al giornale. Se il cucciolo capirà, farà la pipì sul giornale. Per prevenire il possibile danno al pavimento di casa, è poi fondamentale ricordarsi che di solito i cuccioli fanno i bisogni subito dopo aver mangiato.

Continua la lettura
57

Per questo motivo, poco dopo avergli dato la pappa, sarà necessario portarlo sulla sua lettiera predisposta con la sabbia, o comunque sul giornale. Quando l’animale avrà capito che in questo modo non viene punito, ma anzi addirittura ricompensato, farà automaticamente tutti i suoi bisogni sul giornale. In seguito, una volta imparate queste buone abitudini, sarà molto semplice fargli capire che i suoi bisogni dovranno essere fatti fuori dalla casa. Il giornale sarà quindi tolto dal suo spazio dedicato e messo all'aperto. Non trovando più il giornale, i cani capiranno quindi che i bisogni andranno fatti durante le loro passeggiatine quotidiane.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

5 regole per educare il furetto a fare i bisogni in lettiera

Se intendiamo allevare un furetto, ci sono alcune regole importanti da fargli rispettare, in modo da ottenere un addestramento che lo faccia abituare ad utilizzare la lettiera, e quindi evitare di sporcare altre parti della casa. Nei passi successivi...
Cani

Come insegnare al tuo cane dove fare i bisogni

Se hai intenzione di allevare un cucciolo di cane, è importante sapere che bisogna impartirgli alcune nozioni di carattere comportamentale come ad esempio di non abbaiare di continuo, oppure espletare le sue esigenze fisiologiche in un determinato luogo...
Animali da Compagnia

Educazione del furetto: errori da non commettere

Moltissime persone amanti dei piccoli animali domestici, oggi, scelgono di prendersi cura di un cucciolo meno comune ed ordinario del solito cane o gatto: il furetto si dimostra, solitamente, un ottimo e simpaticissimo animale da compagnia, da tenere...
Gatti

Come evitare che il gatto faccia i bisogni sul divano

Educare il gatto sin da cucciolo è molto importante per evitare che il nostro più caro amico danneggi i nostri mobili e renda la nostra casa un vero disastro. Quando i gatti sono molto piccoli o randagi è estremamente importante educarli a non utilizzare...
Cani

Come educare ed alimentare un rhodesian ridgeback

Il Rhodesian Ridgeback è un cane si origini africane molto muscoloso e forte, nato per dare la caccia ai predatori. Per questo era chiamato "cane leone", perché capace di seguire e cacciare la selvaggina con una buona agilità. Si tratta di una specie...
Gatti

Come educare un gattino in casa

Chi di voi non ha mai sognato di aver a che fare con un gattino durante l'arco della vostra vita? Sembrerebbe che continua ad esistere qualcuno che nutre un po' di timore o di astio nei confronti degli amici a quattro zampe, ma probabilmente il tutto...
Cani

Come educare un cane alla lettiera

Le passeggiate sono molto importanti per i cani, oltre che piacevoli e salutari anche per gli stessi padroni. Tuttavia, per via di impegni lavorativi o quant'altro può capitare che il cane resti solo più a lungo del dovuto e che, nei casi più estremi,...
Cani

Consigli per educare un cucciolo

Un cucciolo di cane è davvero impegnativo, può essere considerato un po’ come un bambino. Ha bisogno di cure e attenzioni costanti e di una buona educazione fin dal principio. Prima di adottare un cucciolo o un cane in generale, valutate bene di avere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.