17

Come eliminare il cattivo odore dalle orecchie del tuo cane

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Quando decidi di adottare un cane, sei consapevole del fatto che esso avrà bisogno di cure e di molte attenzioni. Inoltre, è necessario che il caratteristico odore emanato dal suo pelo, non arrechi disturbo al tuo olfatto. Tutti i cani, a seconda della razza, emanano un odorino talvolta sgradevole, che è proprio della loro natura. Lungi dal lavare continuamente il tuo cane, dovresti piuttosto imparare ad abituarti al suo odore, in modo tale che, qualora ci fosse una variazione in questa nota olfattiva, tu possa riconoscerla e portare il tuo amico a quattro zampe dal veterinario. Se il cattivo odore proviene dalle orecchie, potrebbe trattarsi di otite oppure di sporcizia accumulata. In questa guida, capirai come eliminare la puzza proveniente dalle orecchie del tuo cane. Iniziamo!

27

Occorrente

  • gocce specifiche
  • garza sterile
  • batuffolo di cotone
  • alcool
37

Innanzitutto, appena ti accorgi del cattivo odore, è consigliabile portare il tuo cane dal veterinario, in modo da capirne la principale causa. Potrebbe trattarsi ad esempio di cerume o di sporcizia accumulata. Invece, nel caso in cui l'odore cattivo sia derivato da una brutta otite (ti accorgerai di questa infiammazione del tratto uditivo, perché il cane si lamenterà e scuoterà la testa ripetutamente nell'arco della giornata), dovrai seguire le indicazioni che ti saranno date dal veterinario ed utilizzare i farmaci che solo lui può indicarti. Una volta accertato che non si tratta di un corpo estraneo, né di una brutta infezione, il cattivo odore che fuoriesce dalle orecchie del tuo cane, potrebbe dipendere da un accumulo di cerume e sporcizia.

47

In questo caso, dovrai recarti in una farmacia veterinaria e acquistare delle gocce specifiche per la rimozione del cerume negli animali. Quando hai a disposizione il flacone, lascia cadere 2-3 gocce nell'orecchio del tuo animale e inizia a massaggiarlo con movimenti delicati e circolari: questo permetterà al prodotto di raggiungere il cerume accumulato. Dopo aver massaggiato per alcuni minuti, prendi una garza sterile e pulisci il padiglione auricolare del cane, raccogliendo l'eventuale sporco e cerume che potrebbe fuoriuscirne. Infine, asciuga per bene tutto e ripeti l'operazione per l'altro orecchio.

Continua la lettura
57

Ecco alcuni accorgimenti di fondamentale importanza per evitare di incorrere in queste sgradevoli situazioni: quando lavi il tuo cane, fai attenzione che nelle orecchie non entri acqua o sapone. Se dovesse entrare dell'acqua, non asciugare le orecchie del cane con i cotton fioc, bensì con una garza asciutta: il condotto uditivo del cane infatti, ha una forma a L e con il cotton fioc riusciresti solo a spingere la sporcizia verso l'angolo, favorendo l'insorgenza di un tappo. Una volta terminato il bagnetto al tuo amico a quattro zampe, prendi un batuffolo di cotone imbevuto di alcool e passalo dentro le orecchie: questo permetterà di pulire il padiglione auricolare, senza correre il rischio che rimanga dell'umidità nell'orecchio.

67

Guarda il video

14

Come pulire le orecchie al tuo cane

tramite: O2O
Difficoltà: difficile

Introduzione

Avere un animale domestico in casa non significa soltanto giocarci e fargli le coccole, ma è necessario provvedere anche alla sua salute, al suo benessere e alla sua igiene corporea. Per quanto riguarda i cani, le orecchie solo una parte che l'animale non può pulirsi da solo e che spesso viene trascurata anche dagli esseri umani che lo ospitano in casa. È molto importante curare l'igiene delle orecchie, poiché potrebbero formarsi tappi di cerume e creare disagi all'animale. Tuttavia, esistono rimedi che permettono di eseguire una pulizia rapida ed efficace, senza provocare alcun disagio all'amico a quattro zampe. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come pulire le orecchie al tuo cane.

24

Prodotti da usare

Di solito la pulizia delle orecchie del cane va effettuata almeno una volta ogni due settimane. In commercio esistono diversi prodotti, tra lozioni e salviette detergenti. Ce ne sono tuttavia alcuni oleosi ed acquosi che ungono molto meno. Chiedi in tal caso consiglio al veterinario su un prodotto delicato, adatto nello specifico al tuo cane. Alcune razze infatti, come quelle a pelo lungo e con orecchie pesanti e cadenti, necessitano di una pulizia più scrupolosa dai peli, dal cerume e dalle polveri in eccesso che possono accumularsi nelle orecchie con più facilità.

34

Massaggio

I cani che hanno le orecchie corte e dritte hanno un maggior ricambio d’aria, per cui sono meno inclini a contrarre infezioni in quanto non c’è un ambiente umido e stagnante che favorisce la proliferazione di germi e batteri. I cani impiegati per il salvataggio in acqua sono invece maggiormente esposti al rischio di otite da cerume, perché producono molto sebo. Dopo aver scelto il prodotto più indicato, lava per bene le tue mani e versa nel condotto uditivo dell'animale qualche goccia della lozione, massaggiando dolcemente con le dita affinché possa distribuirsi uniformemente.

Continua la lettura
44

Lozioni

Tuttavia, puoi anche chiedere al veterinario di applicare la lozione per la pulizia dell’orecchio, almeno le prime volte. Non bisogna mai introdurre l’erogatore della soluzione igienizzante a fondo nell'orecchio del cane, per evitare che si possano verificare delle pericolose lesioni. Ricorda infine, che quando si applicano le gocce contro l’otite o altri farmaci, è bene aver prima liberato il condotto dal cerume poiché potrebbe minare l’efficacia del farmaco stesso. Se il tuo cane si gratta spesso le orecchie, ciò significa che sono infiammate e specie se emanano un cattivo odore, è bene consultare il veterinario per valutare se ci sono infezioni o altre malattie in corso.

15

Come pulire occhi e orecchie al cane

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Tutti gli animali tenuti in casa oppure in un giardino (ad esempio, cani, gatti, coniglietti e molti altri) necessitano di cure, ed in ogni caso hanno bisogno di essere accuratamente puliti, spazzolati ed alimentati a dovere. Anche i cani, pertanto, così come gli essere umani, richiedono una pulizia profonda ed eseguita in maniera accurata, al fine di non dar luogo a sgradite conseguenze. Per questo motivo devono essere lavati periodicamente, e preferibilmente trattati con agenti anti parassitari. Inoltre, gli occhi e le orecchie devono essere mantenuti puliti, mentre le unghie vanno tagliate con una certa frequenza, in modo da conservare una lunghezza opportuna. In questa semplice ma esauriente guida vi daremo alcuni utili consigli su come poter pulire le orecchie e gli occhi del proprio cane.

25

Occorrente

  • Ovatta
  • Panno morbido
  • Olio d'oliva
  • Pinzetta
  • Gocce apposite per le orecchie che sciolgono il cerume
  • Gocce per gli occhi
  • Lavaggio normale
35

L'animale, e non soltanto il cane, non ama particolarmente questo genere di pulizia che riguarda il condotto uditivo, il padiglione auricolare ed ancor meno gli occhi. Tuttavia, sono delle operazioni che devono essere effettuate ugualmente e periodicamente. La pulizia delle orecchie deve procedere con molta attenzione, in particolar modo nel caso dei cani che presentano le orecchie pendenti (come nei bassotti, nei cocker, nei levrieri, negli afgani, solo per citarne alcuni), questi organi sensoriali diventano dei veri e propri nidi di polvere e di parassiti. Non a caso, proliferano facilmente gli acari. Un cane perfetto stato di salute deve presentare le orecchie di colore rosa ed asciutte internamente. Non devono mai essere lavate con l'acqua ed il sapone, ma deterse con delle apposite soluzioni che andranno successivamente versate anche nel canale uditivo, e che servono per rimuovere il cerume prodotto in eccesso.

45

Per quanto riguarda il padiglione auricolare, è possibile utilizzare un batuffolo di cotone, simile a quelli che non lasciano peli (oppure della carta assorbente o un panno in cotone), imbevuto di olio di oliva, di vasellina filante o di glicerina. È anche possibile utilizzare i comuni bastoncini per pulire il condotto uditivo, anche se si tratta di un qualcosa di più complesso, spesso sconsigliato. In ogni caso, siccome il canale uditivo del cane è fatto a forma di "L", il rischio di provocare delle lesioni alla membrana è praticamente nullo. Questa operazione è possibile delegarla al proprio veterinario di fiducia, dal momento che per pulire il condotto sono necessarie delle pinze o dei bastoncini abbastanza lunghi. Nel caso dei cani barboncini, vi ricordiamo che si deve procedere anche alla rimozione dei peli presenti nel canale. Questi ultimi, esattamente come il pelo del cane di questa razza, tendono infatti a crescere. Se sono rimasti dei peli morti nelle orecchie, è necessario rimuoverli delicatamente, avvalendosi dell'ausilio di una pinzetta. Un cane non deve scuotere le orecchie, nemmeno grattarsele per tutto il giorno. Se lo fa, significa che presenta qualche disturbo. In questo caso, è necessario sorvegliare il suo atteggiamento e non tardare a consultare un veterinario.

Continua la lettura
55

Per effettuare la pulizia degli occhi si potrà utilizzare dell'acqua imbevuta in un batuffolo di cotone, mentre in caso di arrossamenti e di secrezioni, occorre procedere con degli impacchi alla camomilla. È necessario agire nel senso del pelo, ossia dal naso verso l'esterno, senza dimenticarsi di asciugare la zona trattata con una pezzuola morbida al termine dell'operazione. Nel caso in cui si dovesse avere qualche dubbio che possa trattarsi di un'infezione, è fondamentale consultare un veterinario. Potrebbe, infatti, trattarsi di una fastidiosa allergia o di una vera e propria infezione. Alla fine di queste operazioni poco gradite all'animale in questione, è buona regola dargli un bel premio, in modo tale da incentivarlo positivamente alle prossime sedute. Un biscottino, oppure un bastoncino gustoso da sgranocchiare o un nuovo gioco, faranno sicuramente felice il proprio cane.

111

10 consigli per pulire le orecchie al cane

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La salute e il benessere dei nostri amici animali passano anche dalla loro igiene. Fare il bagno al cane e spazzolarlo non è sufficiente per garantirgli il massimo della protezione. Alcuni organi sono molto delicati e richiedono attenzioni quotidiane. Le orecchie del cane sono soggette a otiti e infezioni più o meno gravi. Per questo daremo 10 consigli utili per pulire l'orecchio del nostro amico a 4 zampe.

211

Controllare attentamente l'orecchio

La prima cosa da fare è osservare che le orecchie non presentino anomalie. Talvolta pulire le orecchie del cane in presenza di problemi può aggravare la situazione. Cerchiamo dunque segnali anomali, come rossori, irritazioni o sgradevoli eccessi di cerume.

311

Annusare l'orecchio

Se notiamo odori particolarmente sgradevoli potrebbe essere presente un'infezione. Gli odori pungenti e fastidiosi possono indicare otiti e attività batterica. Il cane tende a grattarsi e spesso a ferirsi. Questo richiede l'uso di farmaci specifici. Prima di pulire le orecchie consultiamo il veterinario.

Continua la lettura
411

Verificare l'eventuale presenza di parassiti

Per pulire con cura le orecchie dovremo prima sbarazzarci di eventuali parassiti. Questi potrebbero attaccare le orecchie, soprattutto il padiglione esterno. In estate sono molto comuni le zecche. Prima di pulire le orecchie consigliamo caldamente di rimuovere simili parassiti.

511

Verificare l'eventuale presenza di cisti o protuberanze

Se sono presenti dei rigonfiamenti anomali consultiamo il veterinario. Pulire le orecchie in loro presenza, infatti, potrebbe essere pericoloso. Il più delle volte si tratta di cisti di grasso sottocutanee. Ma potrebbero essere masse tumorali da analizzare più approfonditamente.

611

Usare solo soluzioni detergenti adatte

Per la pulizia delle orecchie del cane esistono moltissimi prodotti. Alcuni di questi agevolano la fuoriuscita spontanea delle impurità mentre il cane scuote la testa. Affidiamoci al consiglio del nostro veterinario di fiducia per un acquisto affidabile.

711

Utilizzare preferibilmente garze sterili

Per pulire le orecchie di un animale è meglio usare garze sterili. Si possono introdurre in profondità senza rischi. Il batuffolo di cotone potrebbe lasciare qualche residuo nelle aree più interne. Bagniamo la garza con la soluzione e avvolgiamola ad un bastoncino flessibile. Introduciamo nelle orecchie per una pulizia profonda.

811

Pulire con cura il padiglione esterno

Anche il padiglione esterno ha bisogno di cure. Anche in quest'area esposta possono annidarsi batteri capaci di provocare infezioni. In questo caso possiamo utilizzare un batuffolo di cotone, trattandosi di una zona esterna. Inumidiamo il batuffolo con qualche goccia di soluzione detergente.

911

Evitare di lavare con acqua

Non laviamo mai l'orecchio interno con acqua. Il condotto uditivo del cane è piuttosto tortuoso. È facile che vi rimangano dei ristagni di acqua. Questi potrebbero provocare infezioni, otiti e seri problemi al nostro cane. Durante il bagnetto stiamo sempre attenti a non introdurre acqua nelle orecchie.

1011

Pulire le orecchie settimanalmente

Dopo una prima, profonda pulizia ripetiamo il controllo una volta a settimana. Per mantenere sane le orecchie basteranno poche gocce di soluzione autopulente. Facciamo colare in profondità massaggiando la base dell'orecchio. Lasciamo che il cane scuota la testa.

1111

Dare un croccantino dopo la procedura

Dare un piccolo premio al cane lo aiuterà a fare associazioni positive. Gli permetterà di essere collaborativo durante la pulizia, cosciente del premio finale. Usiamo un croccantino o un biscotto per cani per coccolarlo e permettergli di rilassarsi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.