Come eliminare l'odore di puzzola

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'odore che emana la puzzola è molto intenso, ecco perché solitamente rimane vivo all'interno della casa. Esso può entrare all'interno a causa di contatto direttamente con le persone o con animali domestici. Qualora il suo odore fosse lieve, basterà areare i vani e non dovrebbe rimanere troppo tempo nell'habitat; se invece fosse molto intenso, l'argomento deve essere approfondito. Se leggerete con attenzione la guida che segue, vi sarà spiegato chiaramente come eliminare l'odore di puzzola.

26

Occorrente

  • Aceto
  • Acqua
  • Perossido di idrogeno
  • Bicarbonato di sodio
  • Prodotto per lavatrici
  • Spugna
36

Lavare immediatamente gli indumenti

Come prima cosa aprite le finestre e fate cambiare aria, possibilmente in una giornata di sole. In questo modo favorirete la sostituzione dell'aria contaminata, grazie anche all'azione dei raggi ultravioletti. Nel caso in cui anche i vostri vestiti e le vostre calzature si siano impregnati con il tipico odore della puzzola, lavate immediatamente il tutto con acqua molto calda e detergenti disinfettanti. Poiché la contaminazione tende a espandersi all'interno della casa, per non correre rischi è opportuno disinfettare anche le tovaglie facendo asciugare tutto al sole. Per quanto riguarda i tappeti, prima di lavarli provate ad aspirarli, per rimuovere eventuali pelurie dell'animaletto.

46

Utilizzare un vaporetto

Se siete in possesso di un vaporetto per la pulizia della casa, l'ideale sarebbe dopo il lavaggio e l'asciugatura, ricorrere anche a questo ulteriore metodo di disinfestazione. Per realizzare un prodotto disinfettante naturale versate all'interno di una pentola un litro di perossido d'idrogeno all'interno, circa 60 ml di bicarbonato di sodio, e 5 ml di un prodotto per lavatrici. Dopo aver mescolato questi ingredienti, prendete una spugna e passatela sulla pelle. Evitate i contatti con occhi orecchi o naso, risciacquare poi con acqua calda. Questa soluzione va adottata entro un paio d'ore dalla contaminazione.

Continua la lettura
56

Controllare i filtri del condizionatore

Nel caso in cui le giornate siano fredde senza sole, molte persone fanno uso di condizionatori d'aria in pompa di calore per asciugare i panni; in tale circostanza, finito il processo di asciugatura, controllate i filtri del condizionatore, infatti l'odore della puzzola potrebbe anche contaminare i carboni attivi del filtro. Fate quindi un test anche semplicemente annusandoli, qualora avessero subito un danno procedete subito alla sostituzione, onde evitare di propagare continuamente il fetore in casa. Un metodo antico ma di grande efficacia è sicuramente quello dell'aceto. Immergete i vestiti per circa due o tre ore in un litro di aceto agro con circa cinque litri di acqua; questo per consentire una maggiore penetrazione del prodotto all'interno dei tessuti.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso in cui anche i vostri vestiti e le vostre calzature si siano impregnati con il tipico odore della puzzola, lavate immediatamente il tutto con acqua molto calda e detergenti disinfettanti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Gli animali domestici più strani del mondo

Chi ama gli animali, sa che senza di loro la vita non sarebbe la stessa. Anche se non sono dotati del dono della parola, spesso e volentieri potremo dire che riescano a capirci più di certi esseri umani. Fedeli compagni di viaggio, ci tengono compagnia...
Animali da Compagnia

Come insegnare ad un furetto a non mordere

Tra i moltissimi animali da compagnia poco convenzionali che abitano le nostre case, fa la sua comparsa il furetto, un mustelide carnivoro molto simile alla puzzola. Vista l'indole a volte aggressiva di questo piccolo animale, la domanda che spesso sorge...
Altri Mammiferi

Le più comuni patologie equine

Le patologie equine sono quelle malattie che colpiscono i cavalli tramite un vettore, come una zanzara e, successivamente, possono essere trasmesse non solo da cavallo a cavallo ma, in rari casi, anche dal cavallo all'uomo. I cavalli possono essere vaccinati...
Cani

Furetti: guida alla sterilizzazione

Il furetto è un carnivoro della famiglia dei Mustelidi: è un albino della puzzola, ha corpo slanciato coperto di peli biancastri e che termina con una coda di media lunghezza. La testa è piccola con muso appuntito; le orecchie sono arrotondate e poste...
Animali da Compagnia

Il furetto come animale da compagnia

Come amanti degli animali, vogliamo proporre a tutti i nostri lettori, una pratica guida, che vuole essere d'aiuto per tutti coloro i quali vorrebbero avere in casa propria un animale ed in particolare modo il famoso furetto. Occorre subito sapere che...
Cura dell'Animale

5 cose da sapere sull'alimentazione del furetto

Il furetto appartiene ai Mustelidi, una famiglia di mammiferi di cui fanno parte anche la faina e l'ermellino. Il nome scientifico del furetto, Mustela putorius furo, significa "faina puzzolente ladra", in riferimento al forte odore che emana se non sterilizzato...
Animali da Compagnia

Regole per portare a spasso un furetto

Sono sempre più numerose le persone che decidono di adottare un furetto come animale da compagnia. Risulta infatti necessario sfatare un vecchio mito secondo il quale questi animali siano considerati selvatici e non adatti per stare a stretto contatto...
Animali da Compagnia

I 10 animali più strani che puoi tenere a casa

Ancora oggi cani e gatti rappresentano gli animali da compagnia più amati dagli italiani, tanto che la loro presenza nelle case aumenta di anno in anno. Tuttavia, non sono pochi coloro che hanno deciso di fare scelte più "alternative", ospitando nella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.