Come eliminare le blatte dalla cucina

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Con il caldo purtroppo arrivano spesso anche insetti poco graditi. Tra questi ci sono sicuramente le blatte, animali infestanti e certamente poco igienici. Riescono a intrufolarsi dappertutto, sono veloci ed escono solo la notte. Può capitarci, quindi, di fare lo sfortunato incontro se ci alziamo a prendere, ad esempio, una bottiglia d'acqua.
La cucina è la stanza che prediligono. Infatti qui possono trovare residui di cibo con cui nutrire la colonia. Fanno il nido nelle crepe dei muri, nelle intercapedini (ad esempio tra il muro e il battiscopa, se non aderiscono perfettamente) oppure possono risalire dagli scarichi.
Esistono degli insetticidi chimici che possiamo utilizzare per debellare questi fastidiosi insetti. Tuttavia non sempre si rivelano efficaci perché le blatte sono animali davvero resistenti. Oppure abbiamo animali e bambini in casa e non vogliamo esagerare coi prodotti chimici.
Ecco quindi come eliminare le blatte in cucina con un metodo naturale e poco dispendioso.

27

Occorrente

  • aceto di vino
  • polvere di borace
  • zucchero
  • bicarbonato di sodio
  • sale grosso
37

La prima cosa da fare per eliminare efficacemente le blatte è operare una pulizia a fondo. Svuotiamo tutti gli scaffali della nostra cucina ed eliminiamo tutti i residui di cibo. Laviamo poi ogni superficie con acqua e aceto e rimettiamo tutto a posto. Prestiamo attenzione di aver sigillato bene tutte le confezioni e che non perdano.
Puliamo con l'acqua e l'aceto anche i pavimenti.
L'aceto terrà le blatte lontane dagli scaffali (e anche da altri insetti), oltre a disinfettare per bene.
Se trovate l'odore dell'aceto di vino sgradevole, potete provare con l'aceto di mele, che ha un odore più delicato.

47

Prepariamo ora delle trappole naturali per eliminare le blatte che hanno colonizzato la nostra cucina.
Prendiamo della polvere di borace (potete reperirla facilmente in farmacia) e mischiatela con dello zucchero. A questo punto spargiamo la polvere così ottenuta sul pavimento, in prossimità delle pareti. Facciamo in modo di ripercorrere tutte le pareti, in modo che non esista una via per evitarla. In particolare, copriamo bene le zone più vicine agli scaffali con gli alimenti e intorno al lavello.
Le blatte passando sopra la polvere di borace (e ingerendola perché attratte dallo zucchero) infetteranno tutta la tana. In questo modo moriranno non solo le esploratrici, ma anche le blatte rimaste nella tana.

Continua la lettura
57

L'ultimo passaggio per eliminare in maniera definitiva le blatte dalla nostra cucina è quello di occuparci dello scarico del lavello. Infatti esiste la possibilità che non abbiano nidificato in casa ma che risalgano dagli scarichi.
Mischiamo del bicarbonato di sodio con del sale grosso. Gettiamo la polvere così ottenuta nello scarico e lasciate agire per pochi minuti. Versate poi nello scarico dell'acqua bollente ed evitate di usarlo per qualche ora.
In alternativa al sale, possiamo usare anche l'aceto. Mischiamo quindi del bicarbonato di sodio con l'aceto ed eseguite la stessa operazione.
Con queste tre semplici mosse possiamo essere certi di aver eliminato le blatte dalla nostra cucina. Possiamo utilizzare questi metodi anche in bagno.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per evitare l'arrivo delle blatte evitare assolutamente di lasciare briciole e rimasugli di cibo sul pavimento e sul tavolo
  • Chiudere eventuali crepe e fessure sui muri
  • Procedere ad una disinfestazione condominiale periodica
  • La polvere di borace non è del tutto innocua per l'uomo e per gli animali. Occhio quindi se avete bambini piccoli.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come allevare il ragno crociato

I ragni nella catena alimentare sono molto più importanti di quanto si possa immagginare. Sono sostanzialmente animali predatori con due precise caratteristiche: anno una forte capacità di adattamento, anno una marcata diversità fra specie e famiglia....
Invertebrati e Insetti

Come nutrire un geco leopardino

Se decidiamo di ospitare in casa nostra un geco leopardino, è molto importante documentarsi a fondo in modo da poter poi prendersi cura del nostro nuovo amico nel migliore dei modi. È di vitale importanza approfondire al massimo il capitolo alimentazione...
Rettili e Anfibi

Come allevare il geco leopardino

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale...
Rettili e Anfibi

Come allevare il drago barbuto australiano

Negli ultimi anni, sempre più persone decidono di acquistare, come animali domestici, rettili ed anfibi. Tra i più desiderati, c'è sicuramente il drago barbuto australiano, un rettile a sangue freddo a cui bisogna prestare particolare attenzione, soprattutto...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi degli scarafaggi

Gli scarafaggi, stanno rimpiattati ogni qualvolta sentono dei rumori in casa, quindi di giorni è raro vederli a giro; ma la notte quando il silenzio la fa da padrone, essi si muovono liberamente all'interno della casa, in cerca di cibo, come ad esempio...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere La Grammostola Rosea

La Grammostola rosea è uno dei ragni più docili e resistenti, adatto ad essere tenuto in casa. Si tratta di una tarantola molto tranquilla, proveniente da una delle zone più aride del mondo, ovvero dalla regione settentrionale del deserto di Atacama,...
Altri Mammiferi

Tutto sul castoro

Il castoro è un roditore tipico dell'emisfero nord, ma è quasi completamente scomparso del tutto in Europa poiché vittima del bracconaggio per la sua pregiata pelliccia. In natura esistono due specie di castoro ovvero quello europeo e americano, che...
Cani

10 trucchi per mantenere il vostro cane sano

Ormai è scontato il fatto che il cane sia il miglior amico dell'uomo, un fatto che ha una storia molto lunga di almeno 15.000 anni. Esso ha grande impatto nella vita umana, perché è un leale amico che non ci abbandonerà mai. Ci fa sorridere e ci...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.