Come estrarre il pungiglione di un'ape

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Tutti noi purtroppo prima o poi abbiamo avuto a che fare con le api e con le loro punture. Vediamo con questa guida come rendere questo "incidente" un po' meno spiacevole. L'aggressività delle api si manifesta in diverse situazioni: quando vengono disturbate, se vedono movimenti bruschi o colori scuri, se sentono odori forti o vibrazioni. Generalmente, una delle reazioni più immediate è dovuta dall'istinto di proteggere la loro colonia dai nemici e l'ape operaia, essendo dotata di un'arma da difesa, ossia il pungiglione, può estrarlo nel momento del bisogno.
Il pungiglione, grazie all'uncino, penetra nella nostra pelle, dove si ancora, rilasciando del veleno. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come estrarre il pungiglione di un ape, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie e qualche utile suggerimento su come effettuare questa operazione nella maniera più semplice e indolore possibile. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • Pinzetta
37

La puntura

Come prima cosa, quando si viene punti da un'ape, si sente immediatamente un forte dolore, dovuto al veleno rilasciato, e subito dopo potete notare, intorno al piccolo foro, del rossore che si va espandendo, del gonfiore e la formazione di una piaga, causata dal liquido sotto pelle. Dopo qualche minuto il dolore si trasforma in prurito che durerà almeno per un paio di ore. La piaga dopo poco scomparirà. Le punture delle api possono essere molto pericolose per i soggetti allergici, il post-puntura è molto più accentuato, il rossore sembra quasi una scottatura ed il gonfiore è maggiore. Si consiglia in questi casi di andare direttamente in pronto soccorso.

47

Estrarre il pungiglione

Per estrarre il pungiglione, è assolutamente sconsigliato premere la pelle intorno al foro, perché questo non farebbe altro che mandare maggiormente in circolo il veleno. Contrariamente a quanto si pensa, la puntura d'ape ha un livello di acidità molto basso, per cui mettere la parte interessata a contatto con acqua o con aceto e soda bollente, darà solo un sollievo momentaneo, perché il dolore tornerà subito dopo. Per ottenere un po' di sollievo può essere utile appoggiare nella zona del ghiaccio o qualcosa di molto freddo, per calmare il prurito e il gonfiore. Per estrarre il pungiglione in modo corretto, si può usare una pinzetta o un ago sterile, ma quello che è importante, è che l'operazione venga effettuata con la massima attenzione, deve essere fatto nello stesso modo in cui togliamo una scheggia rimasta sotto pelle.

Continua la lettura
57

La prevenzione

Per evitare di essere punti, sopratutto in ambienti esterni, si possono prendere alcune precauzioni.
Bisogna prestare particolare attenzione soprattutto in estate. Ad esempio quando si trascorrono momenti in luoghi aperti, evitare di bere senza aver prima controllato nel bicchiere, e prestare molta attenzione alle cavità di tronchi o muri, luoghi favorevoli per la costruzione di nidi. Prestate attenzione anche ad eventuali nidi che si possono essere creati sotto a tavoli e sedie all'aperto. Seguendo questi 3 semplici passi, riuscirete in pochissimo tempo ad estrarre il pungiglione d'ape qualora foste stati punti, ovviando a questo fastidioso quanto doloroso problema.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Borsa del ghiaccio
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come difendersi dalla vespe

A volte, i momenti di relax vengono guastati da vari insetti molesti, che possono tramutare le nostre vacanze in un vero inferno. Infatti, l'aria è piena di zanzare, che hanno la nomina di pungere le persone durante il loro riposo notturno, sebbene la...
Invertebrati e Insetti

Gli insetti più pericolosi del mondo

Generalmente alcuni insetti come lo scorpione incutono terrore solo a vederli in foto. Da sempre gli insetti sono protagonisti di film avventurosi e horror per due motivi. Il primo è che solitamente strisciano e sono silenziosi per cui sono temuti dall'essere...
Invertebrati e Insetti

La famiglia degli aracnidi: caratteristiche e suddivisione

Gli aracnidi sono una specie animale appartenente alla famiglia degli artropodi, che comprende esemplari tipo ragni, zecche, scorpioni e acari. Sulla terra ne esistono più di 60 mila, ed il nome è di origine greca che significa ragno, poiché questo...
Cani

Come eliminare le zecche dal cane

Almeno una volta durante la loro vita i cani prendono una zecca. Anche se vengono prese delle precauzioni questo insidiosissimo insetto si infila tra i peli dell'amico a quattro zampe. Non è sicuramente una questione di pulizia, ma incide l'ambiente...
Volatili

Come nutrire una rondine appena nata

Chi non ha mai trovato un povero uccellino caduto dal nido e dimenticato dalla mamma? Questo capita perché non appena si schiudono uova gli uccellini possono cadere dal nido posizionato in luoghi anche un po' scomodi e questo è sufficiente a determinarne...
Invertebrati e Insetti

Come liberarsi dagli scorpioni

Gli scorpioni sono degli affascinanti, ma pericolosi aracnidi. Differenti per dimensioni, forma e colore, si nutrono di zanzare, mosche e scarafaggi. Sono degli abili predatori, tuttavia sono anche solitari, timidi e notturni. Il pungiglione rappresenta...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere le api dalle vespe

Le api e le vespe sono due tipologie di insetti molto simili tra di loro, entrambi presentano il pungiglione e hanno un colorito giallo e nero a strisce; presentano però delle differenze che sono molto sottilissime e sono riportate in questa guida. Le...
Cura dell'Animale

Api: come intervenire in caso di sciamatura

La sciamatura è un evento naturale molto importante nel ciclo vitale delle api, attraverso cui si verifica una divisione della famiglia d'origine, con il conseguente aumento degli elementi (se si riesce a recuperare lo sciame) ed una diminuzione dell'eventuale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.