Come far accettare ad un gatto l'arrivo di un cane in famiglia

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se in casa abbiamo un gatto e decidiamo di adottare anche un cane, non è un'impresa facile, poiché è difficile far accettare al felino l'arrivo in famiglia di un suo rivale storico. Tuttavia, ci sono dei particolari trucchi ed accorgimenti che a lungo andare riportano la quiete, e entrambi potranno coesistere e diventare quindi amici. Nei passi successivi vediamo, come far accettare ad un gatto l'arrivo di un cane in famiglia.

25

Per cercare di limitare i danni si dovrebbe far entrare in casa un cane ancora cucciolo; infatti, se è ancora in tenera età ed entra in contatto con un gatto per la prima volta, solitamente non manifesta nessun tipo di paura o aggressività, anzi il suo primo approccio sarà quello di invito al gioco. Il gatto ovviamente non comprenderà questo tipo di comunicazione, poiché i segnali del cane sono completamente diversi da quelli che utilizza il gatto.

35

Tipico ad esempio è lo scodinzolare, che nel cane è segnale di affetto e felicità, mentre nel gatto è sintomo di irrequietezza. Spesso quindi è il cane specie se giovane, a cercare un contatto col gatto, invitando quest'ultimo al gioco. Se il gatto non inizia subito a giocare, ma anzi soffia quando vede il cane, bisognerebbe posizionare il felino in un luogo riparato magari in alto, dove il cane non possa accedere, in modo che il gatto si senta al sicuro e possa osservare meglio il cane, mentre gira libero per casa. Il cane infatti ha bisogno di conoscere il nuovo ambiente in cui vive e di annusare l'odore del gatto, in modo da capire quali luoghi frequenta il suo nuovo conoscente. Dopo un primo momento di disorientamento dovuto alla nuova posizione, il gatto si tranquillizzerà e tenderà ad ignorare il cane. Solo a questo punto, bisognerebbe lasciare il gatto libero di circolare per la casa sotto stretta vigilanza del padrone, che non dovrebbe ancora fare avvicinare i due animali. Dopo averli tenuti a distanza sempre più ravvicinata, solamente quando il gatto smetterà di soffiare e di mostrare nervosismo, allora bisogna metterlo nella stessa stanza col cane.

Continua la lettura
45

Se i due animali si ignorano, è arrivato dunque il momento di sganciare anche il cane dal guinzaglio, stando sempre pronti a intervenire, soprattutto nei primi giorni. L'adattamento alla presenza, alle abitudini e al tipo di comunicazione dell'altro animale è lento e graduale, ma funziona solo se non si affrettano i tempi e se si ha tanta pazienza. Se dovesse instaurarsi un rapporto di vera amicizia, è un divertimento vedere cane e gatto giocare e dormire insieme, cercarsi in continuazione fino a non potere più fare a meno l'uno dell’altro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come inserire in famiglia un cucciolo di gatto se si ha già un cane

Quando sia ha già un cane in famiglia, è inevitabile chiedersi come si comporterà di fronte all'arrivo di un cucciolo di gatto. I principali timori riguardano la gelosia e la paura di reazioni improvvise difficili da gestire. Ci sono però alcuni "trucchetti"...
Gatti

Come fare accettare al gatto un nuovo cucciolo

Il gatto è uno degli animali cosiddetti "da affezione" più diffusi nelle case degli italiani. Rispetto al cane, il gatto è sicuramente più indipendente ed è in grado di vivere tranquillamente anche all'interno di un appartamento, senza avere l'assoluta...
Gatti

Come far convivere cane e gatto nella stessa casa

È difficile immaginare i due animali nemici per antonomasia riuscire a convivere pacificamente sotto lo stesso tetto. Nell'immaginario collettivo, infatti, questa convivenza viene subito sostituita da immagini di cani che scorrazzano devastando ogni...
Gatti

Le 5 patologie più pericolose per il gatto

Il gatto è uno degli animali domestici più affascinanti. Solitario ma al tempo stesso coccolone, non esterna la sua gratitudine scodinzolando come il cane ma ama quando ci prendiamo cura di lui. Seppur discreto nella sua convivenza con gli umani, il...
Gatti

Come capire se un gatto è triste

Avere un gatto in casa è sicuramente una realtà che migliora le giornate. Gli amanti del gatto sono in continua ascesa e sono sempre di più le adozioni di questi curiosi felini. I gatti sono animali particolari, dall'indole territoriale e indipendente....
Gatti

Come fare con un gatto stressato

Il vostro gatto negli ultimi tempi ha comportamenti strani che non ha mai avuto prima? Pensate che ci sia qualcosa che non va in lui ma non sapete cosa fare? Volete cercare di capire se è stressato o ha solo un comportamento che è conseguenza di una...
Gatti

Come scegliere il collare più adatto per il gatto

Se avete deciso di adottare un gatto, è importante sapere che può indossare un collare sia per un fattore estetico, che per collegarvi le bretelle da passeggio come il cane. In commercio sono disponibili svariate tipologie di collari, per cui nei passi...
Gatti

10 cose che fanno vivere più a lungo il tuo gatto

Il gatto, insieme al cane, è l'animale da compagnia più apprezzato. Gli amanti del gatto amano in particolare la sua indole indipendente. Il suo carattere un po' schivo e allo stesso tempo curioso lo rende una creatura particolare. Prendersi cura di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.