Come far accoppiare le tartarughe

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo in particolare delle tartarughe e del come gestire una fase molto delicata del loro ciclo vitale: la riproduzione. Andiamo subito a vedere come far accoppiare le nostre tartarughe.

25

Procuratevi un esemplare maschio ed uno femmina

Sembra una banalità, ma se abbiamo intenzione di far accoppiare le nostre tartarughe dobbiamo prima assicurarci di avere almeno un esemplare maschio e un esemplare femmina. Per distinguerli dobbiamo osservarli attentamente. In generale, le tartarughe maschio sono più socievoli e colorati e il loro piastrone è piatto o concavo. Nel caso di tartarughe femmina invece il piastrone si presenterà piatto o convesso. Questa forma è necessaria per poter accogliere al suo interno le uova. Un'ulteriore distinzione si basa sul genere d'acqua o terra. Nel primo caso i maschi presentano dimensioni ridotte e unghie più lunghe sulle zampe anteriori. Nel secondo caso i maschi sono riconoscibili per avere la coda più grossa e l'ano separato dal carapace. È fondamentale ricordarsi anche che per potersi riprodurre devono prima raggiungere la maturità sessuale. Negli esemplari acquatici i maschi la raggiungono a tre anni di età. Le tartarughe femmine, invece, la raggiungono a cinque. Nelle specie terrestri invece la maturità viene raggiunta da entrambi i sessi a cinque anni.

35

Rispettate i tempi fisiologici

Influisce sul buon esito dell'accoppiamento delle tartarughe anche il letargo. È infatti consigliabile far accoppiare le nostre tartarughe rispettando i loro fisiologici ritmi vitali. Nel caso di tartarughe acquatiche, il corretto periodo va da Gennaio a Febbraio, mentre per quelle di terra si va da Dicembre a Febbraio. Le temperature ideali da mantenere si aggirano fra i 10° e i 15° per le prime. Per le seconde, invece, devono fermarsi a un massimo di 12° per le seconde. Fornite loro comunque del cibo perché continueranno a nutrirsi, seppur con molta più lentezza.

Continua la lettura
45

Aumentate lo spazio a disposizione

Altra cosa importante è provvedere che abbiano spazio abbastanza per muoversi. Questo aumenterà la qualità della vita delle tartarughe. Questo aumenta notevolmente le possibilità di far accoppiare le tartarughe. Non siate impazienti. Se lo ritenete opportuno, potrete aggiungere una nuova femmina. Ciò aiuterà a mantenere equilibrio fra i maschi che potrebbero lottare per l'unica femmina presente. Vi consigliamo anche di costruire, all'interno della recinzione, uno spazio accogliente.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: 5 cose utili da sapere

Se in casa abbiamo deciso di allevare delle tartarughe d'acqua, è importante sapere che per farle vivere a lungo e crescere bene, sono necessari alcuni fondamentali accorgimenti. Si tratta infatti, di quelli strettamente strutturali, ma anche funzionali...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.