Come far smettere di piangere il gattino

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gli animali domestici, per molte persone, una volta arrivati a casa diventano in poco tempo parte della famiglia. Cani e gatti sono una grande compagnia e fonte di gioia, anche se a volte possono combinare piccoli guai in casa. La cosa più importante da tenere a mente, però, è il fatto che loro hanno solo noi e dipendono in tutto e per tutto dalle nostre azioni. A volte può succedere che i nostri amici a quattro zampe stiano male e che piangano: in questa guida ci sono quindi alcuni ottimi consigli su come far smettere di piangere il gattino.

25

Pianto da separazione

Spesso il gatto, quando è ancora cucciolo, può piangere per via della separazione dalla mamma e dalla sua cucciolata: succede spesso la notte e il gattino si lamenta senza apparente motivo. Per provare a a far star meglio il gatto ed evitare che questi episodi si verifichino, si può ritagliare un pezzo di stoffa della coperta che veniva usata dal gattino e la sua famiglia naturale e metterlo vicino alla lettiera. Così facendo si può far in modo che il gattino senta l'odore della famiglia e si senta meglio.

35

il pianto che non si ferma

Il pianto persistente può essere un metodo adottato dal gatto per comunicarci la propria fame e per richiamare la nostra attenzione. Allo stesso modo, se sentiamo i lamenti del gatto in piena notte, dovremo interpretare tale atteggiamento come una richiesta per migliorare il giaciglio notturno: in tal caso sarebbe meglio aggiungere coperte e cuscini per assicurare al gatto ogni comfort. Se nonostante tutti questi accorgimenti, sentiamo che i miagolii del gatto restano tristi e malinconici, sarebbe bene prendere in considerazione l'opportunità di recarsi da un veterinario. Se dopo il consulto risulta tutto apposto, dovremo cercare di modificare il nostro abituale atteggiamento nei confronti del gattino.

Continua la lettura
45

il pianto da mancanza di affetto

Può capitare che il micio, soprattutto nei primi tempi, abbia qualche difficoltà d'ambientamento. Per uscire da questa situazione bisogna dare tante attenzioni all'animale, instaurando subito un clima giocoso basato sull'affetto. Bisogna fornirgli coccole e carezze per garantirgli la massima tranquillità e di conseguenza farlo smettere di piangere. Anche il fattore cibo, potrebbe essere una valida soluzione, poiché è noto che i gatti amano mangiare, anche se non bisogna eccedere per evitare che possa ingrassare. Meglio però non dare al gatto prodotti con molti zuccheri, perché potrebbero portare delle carie ed accentuarne il pianto, stavolta per un dolore fisico.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

10 consigli pratici per far ambientare il nuovo gattino

Se in casa per la gioia dei nostri bimbi abbiamo deciso di introdurre un gattino, è importante fare in modo che si ambienti il più possibile. Per ottimizzare il risultato, ci sono quindi una serie di accorgimenti da adottare, ed è per questo motivo...
Gatti

Come accudire un gattino di un mese

Quando si adotta un gattino di un mese, occorre prendersene cura senza alcuna riserva, dedicandosi totalmente a lui ed accudendolo passo dopo passo. Oltre a ciò, è necessario sapere che il primo mese di vita è quello più delicato. In questo caso,...
Gatti

Come prendersi cura di un gattino

Sia gli amanti degli animali che tutti gli altri, dovrebbero sapere che nel momento in cui si decide di tenere un gattino in casa, ed in generale un qualsiasi altro animale, bisognerà prendersi ben cura di lui. Sarà necessario infatti anche avere numerose...
Gatti

Gattino appena nato: consigli su latte e cure

Soprattutto per chi abita in campagna, ma ormai anche nei centri cittadini, è molto facile trovare dei gattini neonati che non hanno più la loro mamma a prendersi cura di loro e che necessitano di nutrimento e attenzioni. Molto spesso i gatti randagi...
Gatti

Come educare un gattino in casa

Chi di voi non ha mai sognato di aver a che fare con un gattino durante l'arco della vostra vita? Sembrerebbe che continua ad esistere qualcuno che nutre un po' di timore o di astio nei confronti degli amici a quattro zampe, ma probabilmente il tutto...
Gatti

Come alimentare un gattino orfano

Ci sono tanti gatti di strada che se la cavano ogni giorno. I più fortunati si ambientano in colonie all'interno di un parco, quelli più a rischio invece stanno vicino ai cassonetti. Questi ultimi, sono sempre esposti alle auto e può succedere che...
Gatti

Come accudire un gattino di pochi giorni che ha perso la mamma

Purtroppo ogni tanto capita di trovare un piccolo gattino rimasto solo. Questo può essere causato da più di un motivo: qualcuno lo ha abbandonato, la mamma lo ha perso oppure lo ha abbandonato perché debole. Come comportarsi allora in questi casi?...
Gatti

Come aiutare un gattino pauroso

Fin da cuccioli, i gatti mostrano un'innata curiosità, voglia di esplorazione dell'ambiente che hanno attorno. Tuttavia, può capitare di dover gestire un gatto che abbia timore di un nuovo ambiente dove non riesce a integrarsi nel migliore dei modi....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.