Come far sverminare il gatto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si adotta un gatto appena nato o già piuttosto grande, bisogna innanzitutto sverminarlo. Questo serve per tutelare l'igiene e il benessere fisico del gatto, ma anche per garantire la sicurezza e la pulizia dell'ambiente casalingo dove verrà ospitato l'animale. I parassiti intestinali possono infettare un gatto in diverse maniere. Generalmente, i vermi contaminano il felino randagio quando entra in contatto con delle pulci infette, dei piccoli roditori o dei vermi delle feci infestate di ulteriori animali. Il gatto di casa rischia di prendere i vermi soltanto quando cammina all'aperto o si espone alle pulci. I parassiti intestinali più comuni nel gatto che richiedono l'immediata sverminazione sono le ascaridi, le tenie e gli anchilostomi. I segni rilevanti della loro presenza sono il vomito, la perdita di peso, la diarrea, la pancia gonfia e il sangue o muco nelle feci. Far sverminare il gatto in tempo risulta abbastanza importante per non farlo ammalare. Nella seguente guida sul mondo animale, quindi, vi spiegherò come si deve procedere correttamente.

27

Occorrente

  • Farina fossile commestibili (come la terra di diatomee)
  • Vermifugo a base di erba di assenzio
  • Semi di zucca cruda
  • Farina fossile commestibile
37

Cibare il gatto con farina fossile commestibile

In caso di segni di parassiti intestinali, dovete far sverminare il gatto alimentandolo con una piccola quantità di terra di diatomee commestibile. Questo elemento è composto dai resti fossili di microscopiche conchiglie in grado di uccidere i vermi con i loro bordi taglienti. Naturalmente, questa pratica sarà completamente innocua per il benessere fisico del gatto. Basterà mescolarne due cucchiaini nel cibo umido del felino, due volte al giorno e per un minimo di 30 giorni. Questo consentirà di eliminare i parassiti intestinali e i vermi in modo semplice, rapido e non invasivo.

47

Alimentare il gatto con semi di zucca macinati

Per far sverminare il gatto in modo naturale, vi basterà lasciarlo consumare dei semi di zucca cruda macinati. Questi sono degli antiparassitari ricchi di preziose sostanze nutritive non soltanto per l'uomo, ma anche per i felini. Occorrerà impiegare un frullatore o piccolo tritatutto, allo scopo di macinare finemente i semi di zucca. Mescolatene un cucchiaino nel cibo umido del vostro gatto per alcuni giorni, affinché vengano uccisi tutti i vermi presenti nell'intestino del felino.

Continua la lettura
57

Tenere il più possibile a casa il gatto e portarlo dal veterinario

Per far sverminare il gatto ed evitare che il problema dei parassiti intestinali si presenti di nuovo, dovete tenerlo dentro casa per la maggior parte del tempo subito dopo la sverminazione iniziale. In questo modo, la possibilità che il felino venga infestato ancora dai vermi e dai parassiti intestinali si riduce notevolmente. Mi raccomando di controllare sempre le feci del vostro gatto, in cerca di eventuali segni di vermi. In ogni caso vi consiglio di portare l'animale dal veterinario di fiducia, prima di intraprendere qualsiasi tipologia di soluzione casalinga.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come fare se il pelo del gatto è stato trascurato

Il gatto è un'animale molto autonomo e di per se molto pulito. Infatti i gatti dedicano molto tempo alla pulizia del loro pelo. Allo stesso tempo però a causa della vivacità e lo spirito di avventura possono rovinare il loro pelo. In questa guida ci...
Gatti

5 consigli per mantenere in forma il tuo gatto

Il gatto è un animale che dorme tantissimo. Il suo riposo quotidiano può contare dalle 12 alle 16 ore di sonno. Per sua natura, il gatto tende alla pigrizia, e il gatto abituato a tutti i comfort casalinghi rischia di mettere su qualche chilo di troppo....
Gatti

10 cose che fanno vivere più a lungo il tuo gatto

Il gatto, insieme al cane, è l'animale da compagnia più apprezzato. Gli amanti del gatto amano in particolare la sua indole indipendente. Il suo carattere un po' schivo e allo stesso tempo curioso lo rende una creatura particolare. Prendersi cura di...
Gatti

Come fare ingrassare un gatto

Chi possiede un gatto normalmente è molto attento alla sua alimentazione e cerca, per quanto possibile, di evitare che esso ingrassi troppo: questo perché l'aumento smodato di peso nel gatto comporterebbe una sterilizzazione e castrazione. Ma ci sono...
Gatti

10 segnali che dimostrano che il gatto ti ama davvero

Il gatto è un animale domestico molto enigmatico. Non sempre riuscite a cogliere i sentimenti e l'emozioni che sta provando. In questa guida vedrete molto brevemente quando il gatto dimostra il suo amore per voi. Vediamo, quindi in maniera molto semplice,...
Gatti

10 consigli per un gatto stressato

Devi sapere prima di tutto che puoi riconoscere se il tuo gatto è stressato da vari sintomi, come quando ad esempio perde l'appetito oppure fa i bisogni al di fuori della propria lettiera. Inoltre, un gatto può essere stressato quando tende ad essere...
Gatti

Come insegnare al gatto a fare il morto

Sono sempre di più le persone che hanno in casa un animale domestico. Questi piccoli amici ci danno affetto incondizionato e ci rallegrano la vita. Può essere molto divertente poi addestrare un gatto a fare cose che stupiranno i nostri amici. Molti...
Gatti

Gatto che sporca fuori dalla lettiera: 5 consigli

Il gatto è uno dei più affascinanti esemplari del regno animale; un piccolo felino domestico. Sono molti, infatti, coloro che possiedono un gatto nella propria abitazione, anche perché è risaputo che, tra i vari animali, il gatto è molto pulito....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.