Come fare il nettare per i colibrì

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

I colibrì sono uccelli piccolissimi, dal piumaggio prevalentemente colorato; possiedono una lingua lunghissima ed estroflettibile, formata da due parti, costituenti un tubo adatto a succhiare nettare, polline, piccoli ragni ed insetti. Se si ha la passione per questi uccelli e si ha intenzione di attirarli verso il proprio giardino, è necessario sapere da cosa loro sono realmente attratti. Poiché questi uccelli hanno un metabolismo veloce, tendono a mangiare molto durante il giorno, perciò è possibile trovarli spesso a succhiare il nettare dai fiori e da alcuni insetti. Ad esempio, il nettare che è nelle mangiatoie, è possibile acquistarlo o farlo direttamente in casa. A tal proposito, nei passi successivi di questa guida, spiegherò come fare il nettare per i colibrì.

27

Occorrente

  • alimentatore
  • mezza tazza di zucchero
  • 1 tazza d'acqua
37

Acquistare un alimentatore

Anzitutto, acquistare un alimentatore: essi non sono affatto costosi e si trovano facilmente in qualsiasi negozio che vende il cibo per gli animali. È possibile acquistare alimentatori per colibrì che si appendono alle gabbie, oppure quelli che vengono applicati alle finestre o alle porta di vetro. In seguito, mescolare mezza tazza di zucchero ed una d'acqua in una brocca o un contenitore più grande ed assicurarsi che il tutto sia ben mescolato. Evitare di far bollire l'acqua prima di aggiungere lo zucchero, altrimenti quest'ultimo potrebbe non sciogliersi del tutto. Una volta creato il nettare, conservarlo in dei contenitori ermetici, specie se in casa ci sono dei bambini.

47

Riempire l'alimentatore con il nettare fatto in casa

Generalmente, i colibrì sono attratti dal colore rosso; questo, però, non è un buon motivo per introdurre del colorante nell'acqua, che potrebbe danneggiare gli uccelli. Piuttosto, acquistare un alimentatore di colore rosso, in modo da attirare comunque i colibrì al nettare. Riempire l'alimentatore con il nettare fatto in casa e conservare il resto in frigorifero. La quantità di nettare fatto in casa dovrebbe durare circa per due settimane.

Continua la lettura
57

Controllare periodicamente lo stato del nettare

Successivamente, inserire l'alimentatore in una zona ombreggiata del proprio giardino: se non si dispone di ombra, è possibile inserire l'alimentatore all'esterno, ma potrebbe essere necessario cambiare il nettare più spesso. Se, ad un certo punto, il nettare diventa torbido o se si forma la muffa nera, è necessario scaricare e lavare per bene l'alimentatore e riempirlo con del nettare fresco. Oltre a ciò, è possibile pulire l'alimentatore con acqua calda e qualche goccia di candeggina. A questo punto, non resta altro da fare che godersi l'alimentazione dei colibrì, non dimenticando mai di controllare periodicamente lo stato del nettare.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come riconoscere un albatros

La classificazione degli albatros viene considerata, da sempre, come una sorta di rompicapo anche per gli ornitologi più affermati. Questi splendidi uccelli pelagici, infatti, trascorrono gran parte della propria vita in mare, mentre fanno ritorno sulla...
Volatili

Come Distinguere Un Nandù Da Uno Struzzo

Quando ci si trova dinnanzi ad un nandù e a uno struzzo, a prima vista questi possono sembrare del tutto identici. Dunque, per cercare di comprendere le loro differenze, nella seguente guida vi sarà spiegato proprio come distinguere un nandù da uno...
Volatili

Tutto sul gabbiano reale

Tipico della costa mediterranea, il gabbiano reale, il cui nome scientifico è Larus michahellis, è ampiamente diffuso anche nelle coste dell'Eurasia, America settentrionale, con qualche colonia sparsa lungo le coste dell'Africa nord-occidentale. Uccello...
Volatili

Consigli di cura delle zampe dei canarini

Come tutti gli animali domestici, anche i canarini hanno bisogno di molte attenzioni. In particolare le loro zampe, che da sole possono essere portatrici di malattie e infezioni in grado di danneggiare la salute del nostro uccello. Quando questo succede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.