Come fare in caso di puntura di scorpione

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Tutti noi conosciamo più o meno gli scorpioni e sappiamo che quelli presenti nella Penisola Italiana, chiamati "Euscorpius Italicus", non sono letali. Bisogna comunque prestare quel minimo di attenzione, in quanto la loro puntura vi potrà causare degli effetti negativi. Esempi sono i forti dolori, le eruzioni cutanee, la nausea, le vertigini, l'insensibilità articolare leggera o difficoltà respiratorie e stati di shock quando si ha un'allergia.
Fatta la seguente premessa, passiamo ad illustrare nel dettaglio la procedura relativa al come fare in caso di puntura di scorpione. Qualora vi trovate in una situazione del genere, vi consiglio di continuare nella lettura di questo articolo.

27

Occorrente

  • Calma
  • Medico di famiglia o guardia medica (eventuale)
  • Antidolorifico (opzionale)
  • Antistaminico
37

Disinfettare la puntura

Dovete innanzitutto ricordarvi di mantenere sempre la calma, poiché il veleno dello scorpione italiano provoca l'ansia nella vittima. Dunque cercate in ogni modo di non cadere in preda al panico.
Il veleno dello scorpione ha di solito un tasso di tossicità basso o moderato, ma nei bambini potrebbe causare fastidi di maggiore intensità. In quest'ultimo caso, vi suggerisco di disinfettare velocemente la puntura. Qualora ci sia del gonfiore, è preferibile chiamare il medico di famiglia o la guardia medica.

47

Applicare impacchi caldi e assumere antistaminici

Per contenere il dolore causato dalla puntura dello scorpione, dovrete applicare degli impacchi caldi o freddi e prendere eventualmente un medicinale antidolorifico.
Siete sensibili alle reazioni allergiche e notate come sintomi il battito cardiaco non regolare, il formicolio alle estremità o la respirazione difficoltosa? Vi consiglio di assumere immediatamente un antistaminico, in quanto il veleno dello scorpione italiano contiene l'istamina.

Continua la lettura
57

Valutare i sintomi

Il dolore potrebbe irradiarsi nel corpo umano anche qualche minuto dopo la puntura e viene percepito maggiormente alle articolazioni (ascelle e inguine). Esiste anche la possibilità che si presentino dei sintomi sistemici come: l'insensibilità del viso, della bocca o della gola; gli spasmi muscolari; la sudorazione; la nausea; il vomito; la febbre e l'irrequietezza.
Tutte le seguenti avvisaglie non sono comunque gravi o preoccupanti e dovrebbero attenuarsi nel giro di 2-3 ore. Tuttavia, la zona della puntura può restare dolorante o ipersensibile al tatto, al caldo e al freddo fino a 3 giorni.

67

Non applicare lacci emostatici

Non applicate dei lacci emostatici, perché le tossine sono in quantità molto bassa e si spostano velocemente. Un laccio emostatico non applicato in modo corretto, quindi, potrebbe causare più danni che benefici.
Non praticate alcuna incisione sulla ferita e non cercate di succhiar fuori il veleno, in quanto correrete due rischi. Provocare un'infezione maggiore o far entrare la sostanza tossica nella circolazione sanguigna di chi tenta di rimuoverla.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come trattare le punture d'insetti nel cane

Non è raro vedere un cane che viene punto da insetti. D'estate, soprattutto, si può dire che le punture degli insetti, principalmente api e calabroni, siano fonte di numerosi problemi. È necessario quindi che tu sappia come intervenire in situazioni...
Cani

Come curare la leishmaniosi canina

La leishmaniosi è una malattia canina grave ed insidiosa, dovuta all'infestazione delle cellule della pelle e delle mucose da parte del protozoo flagellato Leishmania. Il periodo di incubazione ha una durata assai variabile, da alcune settimane a qualche...
Cani

Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l’uomo. Purtroppo è presente...
Cani

Come lenire le irritazioni della pelle nei cani

La bella stagione è il momento perfetto per andare a fare delle lunghe passeggiate con i propri cani. Spesso però esistono molti fattori, come erba o insetti, che possono causare delle irritazioni fastidiose alla pelle dei cani. In questa guida vi insegneremo...
Cani

Come trattare un eczema canino

Molti cani, specie se vivono all'aperto o in compagnia dei loro simili, sono soggetti ad una forma di eczema chiamata proprio "canina". Si tratta infatti di una comune affezione cutanea, che tuttavia può essere curata, senza necessariamente (salvo forme...
Cani

Come ottenere il microchip per animali

Mettere il microchip al proprio animale domestico è, da alcuni anni, un atto diventato obbligatorio per legge e perseguibile penalmente. Non sta quindi a noi decidere se dotare o meno i nostri animali di tale accessorio. Ma come si ottiene e quanto costa...
Cani

Come Curare Il Cane Morso Da Una Vipera

Il morso di vipera è uno degli incidenti più temuti dai cacciatori. Questi, dovendo recarsi per le loro battute di caccia in posti di montagna o comunque luoghi selvatici o di campagna, si ritrovano molto spesso a contatto con le specie animali autoctone,...
Cani

Come comportarsi quando il cane si agita durante il temporale

Il temporale per il cane è un vero e proprio incubo. L'animali non sopporta i tuoni, li teme, ne ha paura. Alcuni studi però dimostrano che questa fobia sia più diffusa solo in alcune razze, ma certo è che i cani sono animali conosciuti per la loro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.