Come fare lo shampoo a secco a un gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Fra tutti gli animali domestici, il gatto è sicuramente quello più pulito in assoluto. Se ci soffermiamo a guardarlo attentamente, possiamo notare quanto tempo dedica per effettuare le sue continue pulizie personali. Se il nostro micio fosse un gatto che vive solo ed esclusivamente all'interno della nostra casa, questa procedura potrebbe essere considerata quasi sufficiente. Diventa invece un discorso completamente diverso se l'animale trascorre molto tempo fuori dalle mura domestiche. Se questa descrizione calza pennello al gatto di casa nostra, allora andiamo a vedere alcuni pratici consigli su come fare lo shampoo a secco al nostro piccolo amico.

25

Occorrente

  • shampoo secco
  • spazzola
35

Utilizzare lo shampoo a secco sul pelo

Esistono gatti che amano tuffarsi nell'acqua, giocare con essa e di conseguenza il momento del bagno viene considerato come un gioco quindi ben tollerato. Al contrario, ci sono invece bestiole che proprio non riescono a tollerare questo elemento e a quel punto, anche il solo pensiero di fare il bagno al gatto di casa, si può trasformare in un vero e proprio incubo. Per fortuna però in nostro aiuto arriva lo shampoo secco che ci permette di lavare, igienizzare il nostro micio e nello stesso tempo evitare un contatto diretto con i suoi artigli.

45

Pettinare il manto accuratamente

In commercio possiamo trovare numerosi prodotti, differenti tipologie di shampoo studiate appositamente a seconda del tipo di pelo del nostro gatto. In genere uno shampoo a secco equivale come ad un lavaggio con acqua, quindi, se il micio ha il pelo corto, una volta al mese è l'intervallo giusto, se invece il pelo è lungo e fitto, allora in questo caso può essere utile fare lo shampoo una volta alla settimana. Cominciamo con il posizionare il gatto all'interno della vasca da bagno oppure all'interno della doccia. Utilizzando la sua spazzola personale, pettiniamogli il manto accuratamente, in modo da eliminare qualsiasi tipologia di sporco come ad esempio la polvere e i peli morti.

Continua la lettura
55

Stendere lo shampoo in polvere sul manto del gatto

Quando questa operazione è terminata, procediamo a stendere lo shampoo in polvere sul manto del gatto. Durante questo passaggio facciamo attenzione a che la polvere non vada erroneamente all'interno degli occhi, della bocca o delle orecchie. Se notiamo che il micio diventa irrequieto, non costringiamolo a rimanere fermo a tutti i costi pur di finire il lavoro ma, al contrario, lasciamo che si muova un pochino e poi rimettiamolo delicatamente in posizione. Una volta stesa la polvere, con le mani frizioniamo il pelo avendo cura di far entrare in contatto lo shampoo anche con la cute sottostante. Lasciamo agire il prodotto per almeno una decina di minuti, dopodiché utilizzando una spazzola dalle setole morbide, procediamo ad eliminarlo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come lavare a secco il cane

Quando decidiamo di prendere in casa un animale, cane, gatto od altro, dobbiamo essere convinti della scelta appena fatta e pensare che questi esserini necessiteranno di essere accuditi. Cibo e bagnetto sono solo una parte delle cure necessarie per fare...
Cura dell'Animale

5 motivi per dare cibo secco al tuo cane

Scegliere la corretta alimentazione per il proprio cucciolo non è molto facile. Si ha paura di fare la scelta sbagliata e di andare a rovinare la sua salute. Esistono però degli accorgimenti per poter capire cosa è meglio per il nostro cane. In alcuni...
Cura dell'Animale

Come realizzare uno shampoo naturale per cani e gatti

In Italia, ogni anno vengono spesi circa 500 euro a testa per la cura dei nostri animali: veterinario, cibo e prodotti per la loro igiene. Non si tratta di cifre assolutamente basse: si potrebbe, perciò, pensare ad una soluzione per potere risparmiare...
Cura dell'Animale

Prodotti indispensabili per la cura del gatto

Avete un gatto come animale domestico, però lo trovate infelice? Magari sta male per qualche motivo che nemmeno il vostro veterinario riesce a capire. Spesso la risposta sta nelle piccole attenzioni da dare al proprio gatto, dal tipo di alimentazione...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella pulizia del gatto

Quando si parla di pulizia del gatto, ci si riferisce non solo all'igiene personale del gatto ma, anche a quello del luogo in cui dorme e della lettiera. Ricordiamoci che il gatto è un animale autosufficiente, e che provvede quotidianamente alla sua...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un gatto siamese

Se vogliamo occuparci di un gatto, dobbiamo tenere conto del fatto che un animale domestico ha bisogno di molte attenzioni e cure giornaliere. I gatti sono una buona alternativa ai cani. Si tratta di animali abbastanza indipendenti, anche se bisogna occuparsene...
Cura dell'Animale

5 motivi per portare il gatto dal veterinario

Avere un gatto in casa è una fonte di gioia incredibile. Tutti i padroni di gatti sanno quanta allegria danno con il loro gironzolare per le stanze sempre alla ricerca di un nuovo gioco da inventare. Ma avere un gatto è anche una responsabilità. Se...
Cura dell'Animale

5 cose da fare quando si trova un cane o un gatto abbandonato

Molto spesso ci si imbatte in ritrovamenti che stringono il cuore. È il caso di quando si trova un cane o un gatto abbandonato. In questi casi, occorre utilizzare la strategia migliore per affrontare la situazione nel modo più giusto. Siate innanzitutto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.