Come insegnare a parlare al merlo indiano

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Se volete una animale di compagnia, più del cane e del gatto, potreste provare ad allevare un merlo indiano. Il merlo indiano, vero nome Gracula Religiosa, è un uccello molto raffinato, elegante e socievole. Questo animale riesce ad imitare la voce umana ed è in grado di apprendere delle parole. Per cui, se avete un po' di tempo libera e tanta pazienza, potreste occuparvi di insegnargliene qualcuna. Gli esemplari di questa razza sono abbastanza grandi, possono misurare dai 24 ai 39 centimetri. Sono riconoscibili dal folto piumaggio nero carbone, dagli occhietti vispi e soprattutto dalle macchie gialle/arancioni presenti sul collo. Il prezzo di tale animale si aggira intorno ai 500€, quindi è tutt'altro che economico, ma riuscirà a stupirvi con le sue capacità. In questa guida vi mostreremo come insegnare a parlare al merlo indiano.

27

Occorrente

  • Merlo indiano
  • Tempo e pazienza
37

Insegnare la parola "ciao"

Per insegnare a parlare al merlo indiano, dovrete armarvi di pazienza. Non pensate di ottenere risultati con la fretta. Sappiate che il merlo indiano impara facilmente a dire "ciao". Tale parola è breve e ricca di vocali. Una volta riprodotta tale parola, probabilmente, tenterà di imitare la voce del padrone. Quindi, per insegnare al merlo il linguaggio, conviene che sia sempre la stessa persona. Tale persona, dovrà scegliere con cura quali termini insegnargli. Mi raccomando, la lezione la dovrete fare ogni giorno nel tardo pomeriggio. È il momento in cui il volatile è più attivo! Sul web, potreste adocchiare qualche acrobazia linguistica del suddetto volatile.

47

Svolgere quotidianamente la lezione

Prima di insegnare a parlare al merlo indiano, addomesticatelo. Poi avviate le vostre lezioni. Queste le dovrete svolgere quotidianamente. Mi raccomando, usate un tono di voce fermo e pacato!
Scandite bene. Pazientemente insegnategli una parola alla volta. Mi raccomando fategli ripetere sempre le parole apprese! Se non avete tempo, munitevi di una cassetta registrata. Qui ripeterete le parole e le frasi. Tra una frase e l'altra, inserite una lunga pausa di silenzio! Tuttavia, tale strumento, vi consiglio di adoperarlo raramente. Interagendo con il volatile, scoprirete che vuole socializzare!

Continua la lettura
57

Insegnare delle frasi

Se il vostro merlo cresce a stretto contatto con gli uomini, senza altri animali in casa, imparerà subito a comunicare. Alla fine, insegnategli a ripetere delle frasi intere. Magari composte da brevi e semplici parole. Successivamente ad imitare il timbro della voce del padrone.
Se preso da piccolo e addestrato fin da subito, potreste liberarlo, di tanto in tanto, dalla gabbia. Questa dovrà essere necessariamente grande almeno 70x80 cm. Altrimenti rischierete di stressarlo!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Pappagalli: 5 errori da evitare se vuoi insegnare a parlare

Il pappagallo è un animale da compagnia che sta sempre conquistando un posto in ogni famiglia che ama gli animali, specialmente quelle che amano gli uccelli. Uno dei motivi che spingono molte persone ad avere questo fantastico animale è per la sua capacità...
Volatili

Come insegnare a parlare ad un pappagallo

I pappagalli certamente sanno comunicare, ma non hanno quella capacità di linguaggio tipico degli esseri umani. Gli animali, e in questo casi i pappagalli, sono in grado di trasmettere informazioni utilizzando canali uditivi, olfattivi, tattili e anche...
Volatili

Come insegnare al pappagallo a parlare

I pappagalli sono stupendi e intelligenti uccelli che hanno un folto piumaggio colorato ed il becco ricurvo. Si muovono in modo molto aggraziato, quasi come a pavoneggiarsi per mostrare le loro bellissime piume variopinte. Alcune specie di pappagalli...
Volatili

Come scegliere la gabbia per il merlo

Il merlo è un uccello che ha bisogno di una gabbia abbastanza larga e senza particolari spigoli, in quanto ama svolazzare continuamente saltando da un trespolo all'altro. Se decidiamo di allevarne uno, è importante saper scegliere la dimensione giusta,...
Volatili

I migliori uccelli da compagnia

Ogni persona, nella sua vita, passa alcuni momenti di solitudine. Le cause potrebbero essere molteplici: i figli che se ne vanno di casa, un marito o una moglie assente parecchie ore, un lutto in famiglia, la perdita del lavoro, o semplicemente un brutto...
Volatili

Come riconoscere lo storno

Presente in oltre 100 Paesi, lo storno è una delle specie appartenenti alla famiglia degli Sturnidi più nota al mondo, in particolare per la sua spiccata adattabilità alla convivenza con l'uomo e la capacità di imitare perfettamente il verso di altri...
Volatili

Come addomesticare un pappagallo

Tra gli animali domestici più popolari, generalmente ricordiamo i cani ed i gatti. Ma anche gli uccelli occupano un posto rilevante tra quelli più amati dalle famiglie che decidono di prendersene cura. I pappagalli, in maggior misura rappresentano dei...
Volatili

Come riconoscere un albatros

La classificazione degli albatros viene considerata, da sempre, come una sorta di rompicapo anche per gli ornitologi più affermati. Questi splendidi uccelli pelagici, infatti, trascorrono gran parte della propria vita in mare, mentre fanno ritorno sulla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.