17

Come insegnare al cane il riporto, a dare la zampa e altri comandi base

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Nel gestire un cane bisognerebbe anche utilizzare un po' di disciplina, soprattutto con le razze di grandi dimensioni. Sarà sempre utile riuscire ad insegnare dei comandi di base, sufficienti per rendere la passeggiata più comoda, senza fughe o evitando comportamenti aggressivi verso terze persone. Vediamo allora come insegnare al cane i comandi base.

27

Occorrente

  • Cibo
  • pazienza
  • amore
  • guinzaglio
37

Eseguire l'approccio giusto

Per riuscire ad insegnare al cane i comandi base, dovremmo partire da un atteggiamento positivo e costruttivo che dovremmo instaurare col nostro cane. Se, mentre gli insegniamo i comandi, non ubbidisce, non dovremmo sgridarlo, ma semplicemente ignorarlo.
Quando eseguirà i nostri ordini, dovrà invece essere premiato con carezze, pacche e cibo, che dovrà essere differente dalla solita pappa. Esistono dei particolari bastoncini snack per cani, che saranno perfetti per rendere appetitoso il nostro gioco/addestramento.

Il primo comando da insegnare ad un cane è il cosiddetto “vieni” e serve per richiamarlo verso di sé. Per addestrare il cane ad avvicinarsi a noi quando viene chiamato, un buon metodo è quello di allontanarsi improvvisamente da lui e chiamarlo. Per le prime volte è meglio essere aiutati da un'altra persona che “trattenga” il cane.

47

Insegnare i comandi

Il comando “seduto”, è utile per evitare che il cane vada in giro da solo quando è senza guinzaglio o, nella peggiore delle ipotesi, possa “attaccare” o “azzuffarsi” con altri cani. L’obiettivo è di associare la parola “seduto” al fatto che il cane si immobilizzi accanto a noi. Per insegnare questo ordine sarà sufficiente avvicinarsi a lui con del cibo in una mano e farglielo annusare. Mentre sta annusando il cibo, l’altra mano dovrà essere messa prima sopra la sua testa e poi dietro di essa. Mentre facciamo questa operazione dovremmo dire la parola “seduto”. A questo punto il cane si siederà automaticamente. Quando lo farà, premiamolo con il cibo.

Continua la lettura
57

Insegnare i comandi più complessi

L’ultimo comando da insegnare è leggermente più complesso. Si tratta infatti del cosiddetto “piede” o “al piede”. In pratica è il comando che serve per far capire al cane che deve rimanere vicino a noi mentre passeggiamo, senza che ci sorpassi in avanti, resti indietro o si allontani. Per farlo è necessario l’utilizzo di un guinzaglio non troppo lungo. Quando inizieremo la passeggiata, dovremmo pronunciare la parola “piede” ed iniziare a camminare. Se il cane non resterà al nostro fianco, fermiamoci e non muoviamo il guinzaglio. Quando si sarà di nuovo avvicinato, riprendiamo a camminare.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non sgridiamo mai il nostro cane se non esegue subito i comandi.
  • Potremmo insegnare a farci dare la zampa, mostrando il premio nelle mani e imboccandolo quando avvicinerà la zampa alla nostra mano
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
16

Come insegnare il riporto al cane

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Addestrare un cane non è un compito semplice, soprattutto quando il padrone ha poca pazienza o non si rivolge all'animale in modo adeguato, senza spaventarlo e non forzandolo a compiere delle attività. Più il cane percepirà quanto sta facendo come un gioco, maggiori saranno le possibilità che porti a termine quanto richiesto. Tra le varie attività che possono essere richieste al cane, una delle più divertenti per quest'ultimo è rappresentata dal riporto. Nella presente guida, a tal proposito, verrà indicato come insegnarlo al cane velocemente.

26

perche insegnarlo

Innanzitutto, è opportuno indicare come il riporto sia un'attività che può spingere anche un cane molto pigro ad eseguire esercizio fisico; oltre che per divertimento, comunque, viene anche utilizzato nell'addestramento di cani da salvataggio. In pratica, il riporto consiste nel lanciare un oggetto (che può essere, ad esempio, una pallina o un semplice ramo) in una zona lontana da quella in cui si trova il cane. L'animale dovrà raggiungere l'oggetto e riportarlo al padrone, lasciandolo nelle sue mani o a terra, davanti a lui. Per poter insegnare tale gioco saranno sufficienti un paio di giorni di addestramento.

36

i passi principali

Inizialmente, per facilitare l'approccio del cane, il suggerimento è di usare due giochi diversi; il primo verrà lanciato verso lo stesso animale, mostrandogli successivamente il secondo (tenendolo tra le mani), in modo da renderlo curioso e farlo tornare dal padrone per entrare in possesso di tale secondo oggetto. Pertanto, lanciare una pallina a pochi metri dal cane e, nel frattempo, tirare fuori il secondo oggetto (tenuto nascosto in precedenza in tasca). Se l'animale non si è mosso, cercare di favorire il movimento incitandolo (usando, ad esempio, il comando vocale "Prendi"). Potrebbe anche accadere che, raggiunta la palla, il cane decida di fermarsi sul posto e giocare da solo, ignorando il padrone o, altrimenti, abbandonare la pallina senza degnarla di interesse.

Continua la lettura
46

qualche consiglio utile

Anche in questo caso, per indurre il cane a tornare dal padrone, un comando come "Vieni" può facilitare le cose; accompagnare tale comando con il gesto di una mano. A questo punto mostrargli il secondo giocattolo. È importante, però, che alla vista di quest'ultimo il cane non abbandoni la pallina trovata in precedenza; nel caso ciò accada, ripetere l'esercizio. Ad ogni modo, non superare i 40 minuti al giorno, per non stancare inutilmente il cane; il rischio è anche quello di annoiarlo, vista la ripetitività del gioco. Quando l'animale dimostra di aver compreso perfettamente quanto insegnatogli dal padrone, sarà possibile svolgere lo stesso esercizio anche lontano da casa; un parco pubblico è il luogo ideale nel quale mostrare a tutti la bravura del proprio cane.

56

altri trucchi

Mettetevi davanti il cane che sta seduto o di fronte a voi, non si dovrebbe iniziare l'allenamento con un manichino di addestramento del cane. Esempi di oggetti appropriati per iniziare la formazione: con un guanto o un giornale arrotolato. Tenere l'oggetto di fronte il muso del cane. Fare clic quando il cane è curioso e intenta eventualmente leccare l'oggetto. Quando il cane sta aprendo la sua bocca sopra l'oggetto, spostare l'oggetto un po 'lontano dal cane. Fare clic se il cane abbraccia o eventualmente segue e afferra l'oggetto nuovo. Fare clic quando il cane è afferrate al'oggetto e tenendolo saldamente per circa un mezzo secondo. Fare attenzione a non fare clic quando il cane sputa fuori l'oggetto. Questo è il passo più difficile. Questa volta si lascerà che il cane tenere l'oggetto per 2 a 4 secondi. E 'importante fare clic esattamente al momento giusto. Quando il cane può tenere l'oggetto per circa 4 secondi, il peggio è passato. Aumentare il tempo a poco fino a quando il cane sta tenendo l'oggetto per 10 secondi. Non mettere mai l'oggetto nella bocca del cane; il cane deve afferrarlo da solo. È ora di lasciare che il cane afferra l'oggetto da terra! Non ci dovrebbero essere problemi con questo passaggio. Se il cane ha difficoltà, si può continuare a dare l'oggetto al cane dalla tua mano, ma muovere la mano a poco a poco più vicino alla terra ogni volta. Insegnare il vostro cane a non far cadere l'oggetto prima di chiederlo. Se il cane è ancora in mano l'oggetto, fare clic! Muovere la mano 20 centimetri di fronte al cane per tenere l'oggetto durante il movimento.

66

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.