Come insegnare al Labrador a non mordere

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Un buon padrone deve sempre essere in grado di educare nel modo corretto il proprio cane. Il buon comportamento di questo animale dipende infatti da ciò che il padrone è in grado di insegnargli, soprattutto durante i primi anni di vita. Tra le razze canine di maggior fascino e bellezza, vi è senza dubbio quella del labrador, cane affettuoso e fedele per antonomasia ma che spesso, manifesta  il proprio affetto con eccessiva esuberanza. Se ciò non vi procura fastidio, nessun problema. Ma, in tutti gli altri casi, ecco come si può agire per limitare il disagio. In questa guida vogliamo dunque illustrarvi come insegnare al Labrador a non mordere.

26

Occorrente

  • Pazienza, severità, piccole porzioni di cibo
36

Valutate il comportamento

Diciamo innanzitutto che la razza labrador ha quasi innata la tendenza ad afferrare con la bocca qualsiasi tipo di oggetto per poi riportarlo al padrone in senso di affetto e riconoscenza. In taluni casi, tuttavia, soprattutto quando il morso è orientato verso le mani del padrone o verso qualche oggetto della casa, è bene educare il labrador a non mantenere negli anni questo atteggiamento. Vediamo qual è la tecnica migliore per farlo desistere da questo suo frequente comportamento. Dunque, innanzitutto si tratterà di valutare con attenzione il comportamento del labrador.

46

Pronunciate un secco no

Per prima cosa occorrerà perciò osservare il cane. Se questo verrà verso di voi afferrando con la bocca le vostre mani o qualsiasi altra parte del vostro corpo (di solito, le gambe o i piedi), dovrete bloccarlo emettendo con la bocca un "no" secco, deciso e a voce piuttosto alta. Dovrete poi far seguire a questa negazione, un'opportuna azione delle vostre mani che dovranno spostare energicamente il muso del cane, orientandolo verso un'altra posizione. Il labrador imparerà così a non ripetere l'azione di mordere. Ovviamente le prime volte, non sarà facile farlo desistere da quella che è una sua peculiare caratteristica comportamentale, ma con il tempo e se si insisterà con il rimprovero sopra descritto, i risultati saranno davvero positivi.

Continua la lettura
56

Date uno scossone al cane

Ma l'addestramento non dovrà limitarsi a questo. Per far si che il cane non morda, occorrerà infatti anche concentrare la sua attenzione verso oggetti che, invece, il cane possa mordere, come ad esempio i suoi giochi, una pallina o qualcosa anche di simile. Non va dimenticato infatti, che l'azione di mordere, come già accennato, rappresenta un'azione caratteristica del labrador e come tale non deve essere eliminata completamente. Quindi, ricapitolando: quando il cane si avvicina per mordervi, pronunciate un secco "no", allontanate l'animale con un energico scossone e mostrategli i suoi giochi da mordere. Quando l'animale prenderà in bocca il suo gioco, allora gratificatelo con un "bravo" o con qualche piccola porzione di cibo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Quando il cane tenterà di mordervi, pronunciate un secco "no" e spostate il muso dell'animale con uno piccolo scossone

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come allevare cuccioli di Labrador

Decidere di allevare dei cani in modo da poterne vendere i cuccioli o semplicemente perché siamo appassionati ad una razza è sempre una decisione da prendere dopo una lunga riflessione. L'allevamento amatoriale di cuccioli va infatti affrontato solo...
Cani

Tutto sul Labrador Retriever

Chi possiede un animale domestico sa bene che, se da un lato adottare un cane è sicuramente una grossa responsabilità, dall'altra è una esperienza veramente unica e ricca di gratificazioni. Quando decidiamo di prenderci cura di un cucciolo, infatti...
Gatti

5 modi per insegnare a un gatto a non mordere e graffiare

Il gatto è, dopo il cane, l'animale da compagnia preferito dalla maggior parte delle persone. Sebbene il gatto sia una creatura dall'indole indipendente non disdegna coccole e giochi. Ma a volte il "gioco" diventa molesto e le sue unghie possono graffiare....
Cani

I migliori cani da riporto

La guida che leggerete a breve avrà come soggetto fondamentale delle argomentazioni che seguiranno il cane. Infatti, come avrete compreso leggendovi il titolo della guida, ora vi offriremo una panoramica sui migliori cani da riporto. Possiamo incominciare...
Animali da Compagnia

Come insegnare ad un furetto a non mordere

Tra i moltissimi animali da compagnia poco convenzionali che abitano le nostre case, fa la sua comparsa il furetto, un mustelide carnivoro molto simile alla puzzola. Vista l'indole a volte aggressiva di questo piccolo animale, la domanda che spesso sorge...
Cani

Guida alle razze di cani più vendute al mondo

L'arrivo di un cane in casa è un evento speciale, in grado di portare gioia e tenerezza. Questi animali riescono sempre a farsi amare ed a ricambiare i sentimenti che proviamo per loro, diventando parte integrante della famiglia di chi li accudisce....
Cani

Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento...
Cani

Come insegnare al cane a non mordere

I cani per istinto ma soprattutto se si sentono in pericolo, tendono a mordere, ma tuttavia è importante sapere che c'è la possibilità per noi padroni di insegnarli a non farlo. Tutto ciò richiede però un addestramento specifico che va fatto quando...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.