Come lavare e asciugare un gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi possiede un gatto sa quanto sia importante la pulizia e l'igiene, soprattutto se l'animale condivide casa, divani e poltrone col proprio padrone. Perché l'animale possa avere un buon rapporto con l'acqua è importante iniziare ad abituarlo fin da cucciolo. In questo modo l'animale, dopo tanta pazienza e tempo, non vedrà più il momento del bagnetto come qualcosa di stressante. In commercio sono presenti anche alcuni shampi secchi, ma per una pulizia più profonda e accurata è consigliabile procedere con acqua e i prodotti specifici per il pelo del gatto. Ma qual è il modo migliore per lavarlo senza traumatizzarlo? Nei passi seguenti vi daremo qualche consiglio su come lavare ed asciugare un gatto.

26

Occorrente

  • Shampoo apposito per gatti
  • Bacinella
  • Asciugamano
  • Asciugacapelli
36

La preparazione del bagnetto e del gatto

Per evitare che il micio si possa traumatizzare troppo è necessario procedere con molta cautela e delicatezza. Prima di iniziare è quindi consigliabila tranquillizzarlo con qualche carezza. Una volta accertato che si abbastanza calmo si può iniziare a preparare il bagnetto. Si deve prendere una catino o una bacinella abbastanza grande, in modo che il gatto non si senta troppo costretto al suo interno. Dovrà quindi essere riempita con dell'acqua tiepida, e mentre l'acqua scorre si può spalmare dell'unguento protettivo sugli occhietti dell'animale, in modo che non si irritino nel caso in cui lo shampoo dovesse entrare. Una volta che la bacinella si è riempita a dovere, si può inserire all'interno di essa il gatto, ricordandosi sempre di coccolarlo.

46

Come lavare il gatto

Dopo che il gatto ha iniziato a prendere confidenza con l'acqua, si può iniziare con il lavaggio vero e proprio. Si deve quindi spremere sulla propria mano una noce di shampoo apposito per i gatti, acquistabile nei negozi di animali, strofinandolo leggermente in modo da creare un po' di schiuma. Il prodotto deve quindi essere spalmato delicatamente sul pelo del gatto, passando i palmi delle mani come se lo si stesse accarezzando. Si devono infatti evitare di fare dei movimenti troppo bruschi, così da non fare agitare l'animale. Quando il gatto è ben insaponato e lo sporco è stato rimosso si può prendere una brocca d'acqua e, sempre delicatamente, iniziare a sciacquarlo cercando di evitare il muso e le orecchie. Questa operazione va realizzata con molta calma, così da non spazientire il micio e in modo tale da eliminare qualsiasi traccia di sapone.

Continua la lettura
56

Come asciugare il gatto dopo il bagnetto

A questo punto si può iniziare con l'asciugatura del pelo. Per farlo ci si deve armare di qualche asciugamano morbido ma non del tutto nuovo, in quanto tendono ad assorbire di meno l'acqua. Si deve quindi tamponare il pelo cercando di asciugarlo il più possibile per evitare di utilizzare il meno possibile l'asciugacapelli tanto temuto dai gatti. Solo dopo aver asciugato gran parte del pelo si può iniziare ad utilizzare il phon alla potenza più bassa possibile, in modo da non spaventarlo troppo. Questa operazione è necessaria solamente durante i periodi freddi. In estate, infatti, ci penserà il calore e il sole ad asciugare del tutto il pelo del gatto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • La delicatezza e le coccole sono fondamentali per mantenere il gatto calmo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come lavare un gatto

Si dice che i gatti non abbiano un buon rapporto con l'acqua ma è anche vero che sono tra degli animali che curano molto la propria pulizia. C'è da dire che il più delle volte basta passare un pettine nel pelo ma, se accidentalmente si sporcano con...
Gatti

5 consigli per lavare un gatto

Lavare un gatto può rivelarsi un'impresa non semplice. L'acqua irrita particolarmente i felini, li innervosisce e li impaurisce. Di norma, sono animali molto puliti. Dedicano quotidianamente parecchio tempo all'igiene personale. La lingua ruvida elimina...
Gatti

Come lavare un gatto a pelo lungo

I gatti hanno bisogno di cure, come qualsiasi altro animale e devono essere trattati proprio come i bambini; è necessaria infatti una pulizia quotidiana e un lavaggio, che può essere eseguito anche una volta a settimana oppure ogni due settimane. I...
Gatti

Come fare il bagno al vostro gatto persiano

Il gatto persiano è un gatto pregiato e molto delicato, che presenta un pel vaporoso e lungo, il quale necessita di molte cure per essere sempre splendente. Pertanto quando andreta a fare il bagno al vostro gatto persiano dovrete fare molta attenzione...
Gatti

Come lavare un gattino appena nato

Chi possiede animali in casa sa benissimo che l'amore incondizionato che loro riescono a dare è veramente strepitoso. Cani, gatti ed altre specie di animali domestici, riescono a dare enormi soddisfazioni al proprio padrone, oltre che rivelarsi dei veri...
Gatti

Come eliminare il cattivo odore dalla lettiera del gatto

Un gatto può essere davvero un compagno fantastico, un incredibile amico in grado di portare sempre molta allegria in ogni casa, con le sue fusa e con il suo modo di giocare coinvolgente. Sia che si viva da soli o che si abbia una famiglia, magari con...
Gatti

Rimedi naturali per la cura del pelo del gatto

Lavare un gatto non è la più semplice delle cose. Anzi si sa che i gatti odiano l'acqua, a meno che non siano stati abituati da piccolini al rito del bagnetto, ma anche in questa situazione non è detto che da grandi si lascino insaponare. In questo...
Gatti

Come preparare un gatto per un concorso di bellezza senza stressarlo

Se avete scelto di avere un gatto in casa, sicuramente sarete a conoscenza di quanto amore essi possano dare. Solitamente si crede che siano i cani gli animali più affettuosi, ma anche i gatti possono davvero stupire: nonostante il loro carattere autonomo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.