Come lavare la cuccia dei tuoi animali domestici

Tramite: O2O 24/03/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per garantire il benessere dei tuoi animali domestici e di conseguenza anche la tua salute, è necessario cercare di mantenere il più possibile pulite le loro cucce e gli ambienti in cui circolano regolarmente. Le cucce, in modo particolare, possono divenire ricettacolo di parassiti, pulci, acari e in casi estremi anche di vermi, che potrebbero diffondersi nella tua casa o nel tuo giardino rendendo non solo l'ambiente poco igienico, ma possono anche causare numerose infezioni e patologie cutanee e a carico dell'apparato respiratorio. Per evitare che questa situazione possa verificarsi è necessario prendere fin da subito alcune precauzioni ed essere costanti con gli interventi di igienizzazione, effettuandoli almeno ogni 15 - 20 giorni. Ovviamente bisogna tenere presente il fatto che esistono diversi tipi di cucce, pertanto i consigli per la loro pulizia differiscono a seconda che la cuccia sia in stoffa o in plastica. Andiamo quindi a vedere meglio come procedere per lavare correttamente la cuccia dei tuoi animali domestici.

26

Occorrente

  • Acqua, possibilmente calda
  • Detergenti delicati e inodori (sapone di Marsiglia o prodotti specifici per la pulizia delle cucce)
  • Spugnetta
  • Oli essenziali
  • Spray antiparassitario
  • Secchio
36

Pulire la cucce non sfoderabili

Se il nostro animale utilizza una cuccia in plastica o una brandina con tela non sfoderabile, bisogna innanzitutto pulire nel modo corretto tutte le componenti in stoffa, come imbottiture, cuscini o stuoie. Solo successivamente si potrà procedere al lavaggio delle pareti e del fondo. Nel caso in cui si possedesse un giardino si può lavare bene la cuccia con un potente getto della pompa per riuscire a eliminare il grosso dello sporco. In casa, invece, si può effettuare questo primo lavaggio ponendo la cuccia all'interno della vasca da bagno e facendo scorrere l'acqua con un getto potente. In seguito è bene effettuare un lavaggio con spugna e detergente delicato, come ad esempio il sapone di Marsiglia inodore, assicurandosi poi di risciacquare bene; durante questa fase è importante strofinare accuratamente in corrispondenza delle pieghe del tessuto o di eventuali macchie, così da rimuoverle del tutto. Successivamente si può passare alla pulizia della plastica, utilizzando una spugna imbevuta di aceto di mele o di alcol.

46

Pulire le cucce sfoderabili

Se la cuccia del nostro animale è in stoffa sfoderabile, occorre portarla all'aria aperta, svuotarla e sbattere tutte le sue parti: fodere, materassino, coperte, cuscini ecc. Prima di questo passaggio, però, potrebbe anche essere utile utilizzare un potente aspirapolvere per rimuovere in modo efficace il grosso dei peli che l'animale domestico avrà di sicuro perso all'interno del suo giaciglio. Nel caso in cui le cucce non fossero molto sporche, può essere sufficiente esporle al sole per alcune ore, ma comunque è bene effettuare, quando possibile, anche un lavaggio con acqua calda e sapone; a tale proposito, è bene scegliere un prodotto non troppo aggressivo e profumato, in quanto potrebbe irritare la cute delicata del nostro animale domestico o, peggio ancora, i cui residui potrebbero essere ingeriti. Se si tratta di tessuti in cotone, si può lavare il tutto anche in lavatrice, a 60 gradi, senza utilizzare l'ammorbidente. Per altri tipi di tessuto sarà necessario attenersi sempre alle indicazioni sull'etichetta per evitare infeltrimenti o restringimenti.

Continua la lettura
56

Pulire le cucce in plastica

Infine, per pulire le cucce da esterno o le componenti in plastica di quelle sfoderabili, è necessario utilizzare una pompa o un secchio d'acqua per rimuovere lo sporco evidente, per poi procedere con una spugna e del detergente per smacchiare le superfici e renderle perfettamente igienizzate. Una volta che sono state ripulite correttamente tutte le parti componenti la cuccia bisogna assicurarsi che sia tutto perfettamente asciutto e che niente abbia assorbito forti odori, prima di rimettere il giaciglio a disposizione del nostro amico. L'utilizzo da parte dell'animale di una cuccia umida, infatti, potrebbe favorire il diffondersi di cattivi odori. Come tocco finale si possono spruzzare nella cuccia alcune gocce di olio essenziale, come ad esempio eucalipto, lavanda o timo con potere fungicida e anti parassitario: questo garantirà un odore gradevole per noi, ma non fastidioso per l'animale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' molto importante utilizzare detergenti ecologici, biodegradabili e il più possibile naturali per evitare reazioni allergiche e accidentali ingerimenti. Si sconsiglia anche l'utilizzo di prodotti troppo profumati che potrebbero creare nell'animale il rifiuto della cuccia.
  • Dissuadete il vostro animale dal consumare i pasti o di trasportare e nascondere del cibo all'interno della cuccia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come curare gli animali domestici in maniera naturale: i traumi

Spesso e volentieri molti di noi scelgono, fin da piccoli, di accudire in casa degli animali domestici che finiscono con il diventare parte della nostra famiglia, specialmente se per tanti anni rimangono insieme a noi, nel nostro ambiente.Come per le...
Cura dell'Animale

Come fare un'assicurazione per animali domestici

Imprevisti ed incidenti sono all'ordine del giorno, in particolare quando si parla di animali. Un morso oppure un graffio a persone estranee possono comportare azioni legali e quindi ingenti somme da pagare. È per questo importante tutelarci da possibili...
Cura dell'Animale

10 consigli per prendersi cura degli animali domestici

Chi di noi non ha mai desiderato avere un animale domestico e prendersene cura? Infatti, quasi tutti da bambini, ma anche da grandi, ne abbiamo desiderato uno e di sicuro i nostri genitori o parenti ci hanno accontentato. Avere un animale domestico comporta...
Cura dell'Animale

5 consigli per pulire la cuccia del cane

Accogliere in casa un cucciolo di cane significa dargli l'affetto e le cure di cui ha bisogno; dobbiamo quindi informarci riguardo a tutte le attenzioni da avere nei confronti del cane per assicurargli una crescita sana. Oltre alle vaccinazioni, il cibo...
Cura dell'Animale

Come costruire una cuccia ecologica con i pallet

I pallet a quanto sembra sono l'invenzione del secolo, perché si sono rivelati come una fonte inesauribile di materia prima per la realizzazione di simpatici a volte utilissimi oggetti di bricolage. Presentano, infatti, una caratteristica versatilità...
Cura dell'Animale

Come creare detergenti per animali in casa

Se in casa abbiamo degli animali ed intendiamo periodicamente lavarli, possiamo creare dei detergenti fai da te che possono essere liquidi o a secco. Si tratta di soluzioni ottimali in quanto oltre a rivelarsi funzionali, ci consentono anche di risparmiare...
Cura dell'Animale

5 modi naturali per lavare il proprio cane

Se avete degli animali domestici ed in particolare un cane, è importante lavarlo periodicamente sia per tenere il pelo pulito che per scongiurare la proliferazione di acari e parassiti. In commercio ci sono molti prodotti chimici che spesso non sono...
Cura dell'Animale

Come proteggere le galline dagli animali selvatici

Le galline possono essere molto vulnerabili ai predatori come volpi, coyote e altri carnivori in cerca di un pasto facile. Proteggere le galline richiede un po' di accortezza e un po' di manutenzione periodica e monitoraggio per garantire che essi siano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.