Come lavare un cane di piccola taglia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se non si prendono le dovute precauzioni, un semplice bagnetto può diventare un vero e proprio trauma per i nostri amici a quattro zampe, specialmente se sono alle loro prime esperienze. Una semplice disattenzione può far scivolare il cane nell'acqua saponata e procurargli danni anche molto seri. Il bagno non deve assolutamente essere una fonte di stress, ma un momento piacevole da condividere insieme. Vediamo quindi di seguito come lavare un cane di piccola taglia.

26

Occorrente

  • Spazzola
  • Shampoo per cani
  • Asciugamani
  • Tappetino antiscivolo di gomma
36

Eliminate i nodi nel pelo del cane

Come prima cosa spazzolate accuratamente il cucciolo. Con questa operazione rimuoverete un primo strato di sporco dal mantello, per non parlare dei peli morti, primo elemento di fastidio durante il lavaggio. Se il vostro cane è a pelo lungo, eliminate tutti gli eventuali nodi e i grovigli, in particolare nella zona delle orecchie, ascelle e sotto-coda, procedendo con estrema delicatezza. Scegliete poi il posto più adatto dove effettuare il bagnetto, tenendo a mente che i cani di piccola taglia possono sentirsi più comodi e sicuri se vengono immersi nel lavabo o in una bacinella posizionata per terra. Scelto il posto più adatto, non dimenticatevi di procurarvi un tappetino antiscivolo in gomma e di posizionarlo sul fondo del lavello.

46

Verificate la temperatura dell'acqua con la mano

Riempite il lavandino per un paio di centimetri con acqua calda. Tenete a portata di mano lo shampoo specifico per cani e una buona scorta di asciugamani. Prima di immergere il cagnolino, verificate la temperatura dell'acqua con la mano: deve essere piacevolmente calda ma non bollente. Posizionato il cane, partite dal retro della sua testa e spostatevi verso la parte anteriore lungo la schiena. Bagnate tutto il mantello, abbondando sulla coda, area particolarmente sporca. Soltanto successivamente potrete versare una noce di shampoo nel palmo della mano. Applicatelo sul pelo iniziando dal centro della schiena. Lavorate il prodotto con la punta delle dita distribuendolo uniformemente, facendo attenzione a non graffiare la pelle del vostro cane con le unghie.

Continua la lettura
56

Sciacquatelo delicatamente

Lasciate agire lo shampoo per un massimo di cinque minuti. Dato il lungo periodo di tempo, è molto probabile che il cane cominci a spazientirsi, cercando di divincolarsi e fuggire dal lavabo. Potete cercare di tranquillizzarlo mantenendo sempre le mani su di lui. Trascorso il tempo necessario, sciacquate accuratamente il pelo con lo spruzzino o una tazza. Verso la fine dell'operazione, l'acqua dovrà essere trasparente e priva di schiuma, quindi sarà molto importante sciacquare più volte. Rimuovete adesso il cane dal lavandino e avvolgetelo in un telo di spugna o un asciugamano. Massaggiatelo delicatamente fino a quando il mantello si sarà asciugato completamente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il vostro cane è a pelo lungo, eliminate tutti gli eventuali nodi e i grovigli, in particolare nella zona delle orecchie, ascelle e sotto-coda, procedendo con estrema delicatezza.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come prendersi cura di un gatto persiano

Il gatto persiano ha un pelo davvero folto e lungo e un musetto "schiacciato". Non è una razza sorta spontaneamente ma appartiene ad una specie voluta e selezionata dall'uomo. Proprio per questo non è dotata di difese innate per i piccoli "inconvenienti"...
Gatti

Come prendersi cura del pelo del gatto

In questo articolo vedremo oggi come prendersi cura del pelo del gatto. Esso è veramente molto importante, in quanto ha il compito di proteggere l'animale dall'umidità, dal freddo e dagli sbalzi della temperatura. Perciò, è fondamentale prendersi...
Gatti

Come eliminare le pulci dal gatto con rimedi naturali

I nostri amici a quattro zampe, specialmente quelli che vivono molto tempo fuori casa come i gatti, incorrono spesso in un problema fastidioso, quello delle pulci. Le pulci sono piccoli parassiti che possono insediarsi sul pelo del gatto, provocando prurito,...
Gatti

Gatti: come mantenere il pelo lucido

Quanto i gatti possano essere eleganti con loro andatura ed il loro passo felpato, possono saperlo solo i padroni che li tengono nella propria casa e ne osservano tutti i comportamenti e le posture. Anche il pelo del nostro micio, lungo o corto che sia,...
Cura dell'Animale

Come pulire il mantello dei cavalli grigi

Imparare a mantenere pulito il mantello di un cavallo è un passo fondamentale per aiutare a tenere equilibrato il suo livello di igiene. È un'operazione che va eseguita pressochè quotidianamente. Il mantello dei cavalli grigi, detti anche leardi, è...
Cura dell'Animale

Come fare il bagno al coniglio

Il coniglio è un animale estremamente pulito e, passa parte del suo tempo a pulirsi accuratamente, quindi non necessariamente dovremmo pulirlo, se non spazzolarlo ogni tanto per eliminare i peli morti, durante le mute (in primavera/estate e in autunno)....
Gatti

5 modi naturali per lavare il proprio gatto

Si sa, molte volta, lavare un gatto diventa una vera e propria impresa! Infatti, l'acqua irrita gli animali appartenenti alla categoria dei felini, tende a spaventarli e ad innervosirli, tanto da non riuscire a stare fermi una volta posti in acqua. Normalmente...
Animali da Compagnia

Come gestire un porcellino d'india

Il porcellino d'India potrebbe essere un ottimo amico di casa se noi siamo in grado di gestire la sua presenza ed essere per lui dei validi padroni. Proviamo ad esaminare se siamo pronti ad accoglierlo in famiglia. Sapevate che il porcellino d’India...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.