Come lavare un gatto a pelo lungo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I gatti hanno bisogno di cure, come qualsiasi altro animale e devono essere trattati proprio come i bambini; è necessaria infatti una pulizia quotidiana e un lavaggio, che può essere eseguito anche una volta a settimana oppure ogni due settimane. I gatti a pelo lungo, con la loro pelliccia morbidissima e di bella apparenza, possono essere un vanto per chi li possiede ma hanno anche bisogno di un po' più di attenzione rispetto a quelli a pelo corto. Questi felini, infatti, hanno bisogno di essere spazzolati frequentemente onde evitare la formazione della palle di pelo, le quali possono essere ingerite dai bambini o dall'animale stesso e possono causare vomito, disturbi digestivi cronici e malattie gastrointestinali. La cura del gatto dipenderà dal tipo e la consistenza del pelo, dall'età dell'animale, dallo stile di vita e dallo stato di salute. Nei passi della seguente guida vedremo in particolare come lavare un gatto a pelo lungo.

24

Spazzolatura

Lavare un gatto a pelo lungo, coinvolge diversi passaggi. Prima di fare il bagno, spazzolate il pelo con un pettine, facendolo passare per bene attraverso la pelliccia; dopo di che, utilizzate una spazzola e spazzolate delicatamente. Il pettine deve passare attraverso il pelo prima che il gatto venga bagnato, per evitare la formazione di nodi. La seconda cosa da fare è utilizzare una spazzola con cura, per aiutare a far brillare il pelo del gatto. Dopo una spazzolatura completa, è il momento di preparare il gatto per il bagno. Ricordate, che non tutti i gatti infatti reagiscono allo stesso modo al contatto con l'acqua. I gatti persiani, ad esempio, si lasciano lavare con tranquillità e dolcezza. Altre razze invece, possono essere molto aggressive al contatto con l'acqua.

34

Temperatura dell'acqua

L' acqua per il bagno deve essere tiepida e, per far stare il gatto più tranquillo possibile, è necessario che non gli arrivi mai sul mento, quindi la profondità dovrà essere a circa 3-4 cm. Utilizzate uno shampoo specifico per il lavaggio del pelo lungo dei gatti. Prendete il gatto in braccio e mettetelo delicatamente nell'acqua, introducendo prima le zampe, poi la coda e infine il corpo.

Continua la lettura
44

Asciugatura

Dopo aver risciacquato lo shampoo, mettete una piccola quantità di detersivo per piatti sul pelo (agisce come un condizionatore). Strofinate il detersivo e risciacquate.
Asciugate il gatto con un asciugamano (oppure utilizzate un asciugacapelli, sempre che non si infastidisca al suono). Dopo il bagno, se è possibile, portatelo in una stanza ben riscaldata e tenetelo lì almeno per un ora, poiché la pelliccia essendo lunga, potrebbe rimanere un po umida. Ricordate infine, di dare una dieta al vostro gatto ricca di fibre, in quanto aiutano a prevenire i nodi nel pelo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come profumare il tuo cane

Molti adorano i cani. Molti li adorano quando sono puliti, con il pelo liscio e profumato. Ma come far sprigionare un odore piacevole alla pelliccia del nostro amico a quattro zampe quando non gli si possono fare dei lavaggi frequenti? In effetti la cute...
Cura dell'Animale

Volpino: come curare la pelliccia

Se tra i vostri capi di abbigliamento avete un collo o una pelliccia di volpino, è importante prendersene cura per evitare che si rovini; infatti, si tratta di un capo soggetto a muffa e tarme ed è facilmente deformabile. Per curare in modo adeguato...
Cani

Come tagliare il pelo a uno Yorkshire

Avere un cane che scodinzola in giro per casa è la soluzione perfetta per portare l'allegria tra le nostre mura. Gli amici a quattro zampe ci offrono sempre deliziosi momenti di svago e di sincero affetto. Tuttavia, non bisogna pensare al cane come un...
Animali da Compagnia

Come fasciare la zampa al coniglio

Le lesioni del coniglio possono essere difficili da diagnosticare. Un coniglio non può vocalizzare il dolore come un cane ferito o un gatto. Se sospetti una lesione, dovrai esaminare fisicamente le zampe del coniglio per segni di irritazione, infiammazione...
Cani

Come tosare un cane

Avere cura del manto del proprio cane è una pratica importante, specialmente se la caratteristica del vostro amico peloso è quella di avere il pelo lungo facile ai nodi e alla sporcizia. Indispensabile è affidarlo alle mani di un esperto che sarà...
Cura dell'Animale

Come pulire il mantello dei cavalli grigi

Imparare a mantenere pulito il mantello di un cavallo è un passo fondamentale per aiutare a tenere equilibrato il suo livello di igiene. È un'operazione che va eseguita pressochè quotidianamente. Il mantello dei cavalli grigi, detti anche leardi, è...
Cani

Come curare un Terranova

Il Terranova è un cane di grossa taglia, forte, con spiccate attitudini funzionali, in origine impiegato come cane da lavoro per tirare le reti dei pescatori e trasportare legna dalle foreste. Molto adatto a lavorare in acqua come sulla terra, è un...
Altri Mammiferi

I mammiferi delle Alpi

L'ecosistema delle Alpi comprende circa 80 specie di mammiferi. Alcuni sono veri e propri simboli della montagna, come gli stambecchi. Altre, quali i pipistrelli, popolano habitat più vasti. Nel novero troviamo anche specie purtroppo a rischio di estinzione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.