Come mettere in incubazione le uova di tartaruga

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Le femmine di tartaruga dopo quattro o cinque settimane dall'accoppiamento, depositano le uova. La mamma prepara una buca in cui le nasconderà e provvederà a ricoprirle: questa pratica viene fatta con una tale oculatezza e precisione, che è difficile trovare il punto esatto nel terreno. Nel giro di novanta giorni gli embrioni si sviluppano e i piccoli forano il guscio per uscire a vedere la luce. Può capitare che degli imprevisti o la temperatura del terreno non adatta, blocchino questo processo. Si può, in questo caso, intervenire aiutando madre natura nel suo difficile compito. Vediamo insieme, allora, in questa breve guida, come mettere in incubazione le uova di tartaruga.

28

Occorrente

  • sabbia
  • contenitore
  • termometro
38

Prendere in considerazione la temperatura

La temperatura è la variabile fondamentale da prendere in considerazione, perché è in grado di ridurre i tempi di incubazione delle uova e di intervenire sulla distribuzione del sesso della nidiata. Se si vuole ottenere un'uguale percentuale tra i sessi, la temperatura del terreno deve essere di 30°C. Valori superiori a questa gradazione, daranno vita ad una prole prevalentemente femminile, mentre quelle inferiori favoriranno la nascita di tartarughe maschio.

48

Inserire un termometro al livello delle uova

Per monitorare costantemente questo parametro, è necessario inserire un termometro nel terreno, avendo l'accortezza di posizionarlo allo stesso livello delle uova deposte. Bisogna controllare almeno due volte al giorno la temperatura: alla mattina quando è più fresco e nelle prime ore pomeriggio quando fa più caldo. Questa semplice operazione consente di valutare le oscillazioni tra la temperatura minima e la massima del terreno e decidere se ricorrere o meno all'uso di un termostato.

Continua la lettura
58

Costruire una piccola incubatrice artigianale

Si può rivelare una buona soluzione quella di costruire una piccola incubatrice artigianale. Sarà sufficiente procurarsi un contenitore e riempirlo di sabbia o di vermiculite. Fatta questa prima operazione, si dovranno prendere con delicatezza le uova dal terreno e porle all'interno dell'incubatrice, sotto la sabbia, avendo cura di rispettare la profondità di interramento e l'orientamento che la madre aveva inizialmente dato alle uova. Per poter portare a termine correttamente questa operazione e non rischiare di far morire l'embrione, prima di spostare l'uovo, si deve segnare con un pennarello la parte rivolta verso l'alto. Le uova vanno comunque toccate e manipolate il meno possibile e, una volta sistemate nell'incubatrice, potranno essere monitorate più facilmente.

68

Assistere alla nascita

Se tutto verrà fatto con la precisione e l'attenzione dovuta, nel giro di una cinquantina di giorni le uova si schiuderanno e si potrà assistere ad una fantastica ed emozionante nascita, un vero e proprio spettacolo che solo la natura è in grado di offrire.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Manipolate con cura e delicatezza le uova nel momento dello spostamento dal terreno all'incubatrice

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga di terra

La tartaruga di terra è un simpatico e docile animaletto che, se trattato nel modo giusto e sempre rispettoso, può rivelarsi un ottimo animale da compagnia, amico di giochi perfetto per i più piccini ed anche per i più grandi. Una tartaruga di terra,...
Rettili e Anfibi

Consigli per accudire una tartaruga

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come calcolare l'età di una tartaruga

Capire l'età di una tartaruga è un'operazione piuttosto difficile e ardua, tutt'altro che semplice. Le motivazioni di questa difficoltà si devono a due fattori principali. Il primo fattore è relativo alla longevità di questi animali che possono vivere...
Rettili e Anfibi

Come allestire l'habitat per una tartaruga

Il modo più efficace per tutelare gli animali è di proteggerne l'habitat perché questo gli fornisce tutto il necessario per sopravvivere. Infatti, se decidiamo di allevare, per esempio, una tartaruga, dobbiamo innanzi tutto documentarci sulle sue abitudini,...
Rettili e Anfibi

Come fare se la tartaruga rompe il guscio

La tartaruga è un animale docile e sempre più persone la scelgono come animale domestico. Le sue doti principali? Ma lo sanno anche i bambini! La lentezza e la vita lunghissima! Ciononostante, la tartaruga può avere dei problemi. Il più grave è una...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

5 alimenti da non dare alla tartaruga d'acqua

Chi possiede una tartaruga d'acqua sicuramente saprà abbastanza bene quali sono gli alimenti adatti. Per farle crescere in forma e in ottima salute dobbiamo stare ben attenti a cosa somministriamo alle nostre piccole amiche. In questa guida vediamo quindi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.