Come nasce una farfalla

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La farfalla è un insetto che appartiene all'ordine dei Lepidotteri. Il suo corpo è diviso in tre parti: testa, torace e addome. Ha quattro ali, sei zampe e due antenne posizionate proprio sul capo. È inoltre dotata di una piccola proboscide con la quale succhia il nettare dai fiori. Le sue ali sono coloratissime ed esistono degli esemplari davvero stupefacenti. A determinare questi colori sono le moltissime scaglie che le ricoprono. In genere la vita di una farfalla è abbastanza breve (da qualche giorno a una o due settimane). La femmina generalmente muore subito dopo aver deposto le uova. Però questo meraviglioso insetto non nasce direttamente sotto queste sembianze: le raggiunge solo dopo un processo chiamato "metamorfosi". La metamorfosi della farfalla è una cosa molto frequente in natura. Ogni giorno nel mondo nascono davvero una quantità infinita di farfalle. Purtroppo però i nostri occhi non sono abituati a cogliere questo attimo davvero meraviglioso. Vedremo ora come nasce una farfalla.

27

La prima fase

La metamorfosi è in natura un'evoluzione che porta alla trasformazione di un corpo. La metamorfosi delle farfalle è una delle metamorfosi più conosciute ma non è l'unica. Per le farfalle la metamorfosi si suddivide in quattro step: 1) Uovo, 2) Bruco, 3) Crisalide (Pupa), 4) Adulto (Farfalla).
1) Si parte dall'uovo, la fase primordiale della farfalla. Fin dai primi giorni all'interno dell'uovo è presente e visibile il bruco.

37

La seconda fase

2) La seconda fase inizia alla schiusa dell'uovo. Da questo momento nasce il bruco, un esserino morbido e gelatinoso con delle zampe poste sotto l'addome che lo aiutano negli spostamenti. Dopo essersi nutrito a sufficienza, da un foro posizionato sulla bocca, comincia a fare uscire un filo di seta fino a creare una struttura intorno al suo corpo (bozzolo) che lo tiene saldamente vincolato allo stelo a cui si è attaccato.

Continua la lettura
47

La terza fase

3) Crisalide: il bruco dopo poco più di una settimana si è trasformato in crisalide (Pupa). La crisalide ha già delle caratteristiche che la fanno assomigliare alla farfalla. Sono già individuabili il capo, il torace e l'addome. La piccola crisalide quando rompe il bozzolo è già una farfalla con tutti i suoi colori.

57

La quarta fase

4) La quarta ed ultima fase è quella che vede la farfalla assumere le sembianze finali. La farfalla avrà delle ali ben formate e le zampe che gli permetteranno di spostarsi e volare di fiore in fiore a nutrirsi del loro nettare. Appena fuori dal bozzolo la farfalla non è subito in grado di volare in quanto le ali saranno ricoperte di liquido. Nel giro di un'ora percuotendole velocemente la farfalla se ne sarà liberata e sarà pronta a spiccare il volo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come Allevare Un Bombyx Mori Per Ottenere Il Filo Da Seta

In questi tempi di crisi enorme, la produzione propria delle materie prime è importante per risparmiare molto: avendo le conoscenze giuste, il materiale necessario ed un'ottima pazienza, riuscirete ad ottenere degli incredibili successi. Una cosa che...
Invertebrati e Insetti

Come Riconoscere Ed Evitare Il Contatto Con La Processionaria

Nonostante il nome richiami alla mente sensazioni di altro genere, la processionaria è un bruco che può rivelarsi abbastanza pericoloso per l'uomo e per i suoi amici a quattro zampe: basta toccarlo per avere fastidiose reazioni. Questo lepidottero...
Volatili

Come riconoscere un'upupa

L'upupa è un meraviglioso uccello di medie dimensioni, che presenta il becco lungo e sottile, ma ciò che lo caratterizza per poterlo riconoscere è il piumaggio formato da un ciuffo di penne sul capo. Il nome di questo animale rappresenta un'onomatopea...
Invertebrati e Insetti

Come rimuovere i bruchi tessitori dalle piante

Chi possiede un giardino di modeste dimensioni o anche un orto sa che vi è sempre presente una lotta contro i parassiti e gli insetti. Molti di questi tendono ad ammalare o addirittura far morire le piante o gli alberi su cui si appoggiano particolarmente...
Invertebrati e Insetti

Come mutano gli insetti

Quando un uccello nasce da un uovo, a poco a poco cresce e cambia di giorno in giorno, fino a diventare adulto. Un insetto invece cresce e cambia in fasi distinte; infatti, trasforma la fase di crescita che viene definita mutazione. Nei passi successivi...
Invertebrati e Insetti

I principali insetti con 4 ali

L'ordine degli imenotteri comprende molte specie di insetti e tra questi la maggior parte presenta quattro ali sul dorso. La parola imenottero deriva infatti da Hymen, ossia membrana, quella che forma le ali stesse di questi insetti. I benefici di questa...
Invertebrati e Insetti

Come allevare farfalle e falene

Sia le farfalle che le falene appartengono alla famiglia dei lepidotteri e ne esistono più di 150 mila specie, ma solo una piccola parte sono farfalle diurne, mentre tutte le altre vivono di notte (le falene). Entrambe le specie hanno una vasta gamma...
Invertebrati e Insetti

Come attirare le coccinelle e gli insetti utili nell'orto

Avete un giardino in casa? Vi piacerebbe coltivare un orto domestico, per poter mangiare con totale sicurezza alimenti sani e genuini, senza però usare insetticidi o pesticidi? Per fare ciò esistono diverse alternative, come ad esempio arricchire il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.