Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non ancora capaci di volare sono davvero "orfani". Bisogna sapere che più comuni uccellini stanno nel loro nido per circa due/tre settimane dopodiché si allontanano cercando di spiccare il volo, ma ciò non significa che i genitori non se ne prenderanno più cura; è infatti una cosa comune vedere come questi ultimi continuino a nutrirli e a proteggerli anche fuori dal nido. In questo caso, intervenire potrebbe segnare negativamente il destino dell'uccellino.
Vediamo, prima di tutto, in quale caso si può intervenire, dopodiché vi spiegherò come fare per nutrire un uccellino caduto dal nido.

26

Verificare l'età del volatile

Prima di intervenire è necessario capire se il volatile abbia davvero bisogno del nostro aiuto; per capirlo basta guardarlo. Se questo è "nudo", ovvero privo di piumaggio, significa che è nato da pochi giorni e che è caduto dal nido magari spinto dai fratelli, quindi il nostro intervento è necessario per la sua sopravvivenza; in questo caso è possibile rimetterlo nel suo nido ma questo non garantirebbe la sua salvezza, infatti, i fratelli più forti potrebbero spingerlo nuovamente giù.
Se invece è ricoperto da piume, è importante verificare che i genitori non si stiano prendendo cura di lui. Come capirlo? Bisognerà semplicemente mettersi in disparte e aspettare l'arrivo della madre che a intervalli regolari gli porterà il cibo.
Nel caso in cui l'uccellino sia ferito è possibile prelevarlo e successivamente portarlo da un veterinario specializzato nella riabilitazione dei volatili che se prenderà cura e lo metterà in libertà appena raggiunta la completa maturità delle ali e dopo averlo adeguatamente curato.
È importante sapere che un uccellino appena nato ha pochissime probabilità di sopravvivenza e richiede molta cura e dedizione quindi sarebbe più opportuno prendersene cura solo nel caso in cui non vi sia possibile raggiungere o mettervi in contatto con gli enti sopracitati.

36

Ogni quanto nutrire un uccellino

Dopo aver recuperato l'uccellino bisogna sapere quando nutrirlo ma ci sono degli aspetti da verificare:
Se il volatile ha ancora gli occhi chiusi dovrà mangiare ogni 15-20 minuti dall'alba al tramonto, invece dopo l'apparizione delle prime piume, ovvero quando i suoi occhi saranno aperti, dovranno passare 30-45 minuti. Solo a distanza un paio di giorni si possono aumentare le dosi e allungare i tempi tra un pasto e l'altro.

Continua la lettura
46

Cosa dargli da mangiare

La maggior parte dei volatili segue un regime alimentare altamente proteico e quindi a base di insetti e vermi; altri, invece, si cibano di bacche e semi. È necessario capire che tipo di volatile abbiamo difronte per evitare di dargli del cibo errato. Nel caso in cui si abbia a che fare con un uccellino appena nato è meglio optare per cibarlo di composti appositi che si possono trovare nei negozi di animali. Quando il volatile ha appena aperto gli occhi, bisogna agevolare la sua digestione inumidendo, con pochissima acqua, dei croccantini per cani o gatti fino a renderli spugnosi e sminuzzando delle piccole quantità di uova sode e vermi della farina (acquistabili online o nei negozi di animali).

56

Come cibare l'uccellino

Per permettergli la sopravvivenza bisognerà imboccarlo attraverso l'uso di forcipi in plastica o di una pinzetta; se non dovreste avere questi due attrezzi, dovrete puntare sull'utilizzo di un bastoncino abbastanza piccolo capace di stare nella bocca dell'uccellino. Se quest'ultimo non presenta l'istinto di aprire la bocca dovrete, con l'attrezzo che usate per imboccarlo, picchiettare leggermente sul suo becco; nel caso in cui questo metodo non dovesse funzionare è sufficiente aprire molto delicatamente il becco e inserire al suo interno il cibo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come salvare un uccellino caduto dal nido

Salvare un animaletto in difficoltà è sempre una meravigliosa azione da compiere: è sempre bello salvare una qualsiasi vita in difficoltà. Talvolta la faccenda può risultare difficile, magari non si sa come fare e cosa fare prima e durante il salvataggio,...
Volatili

10 consigli per nutrire gli agapornis

Gli Agapornis, adorabili pappagallini di provenienza tropicale, subtropicale. Comunemente chiamati "gli inseparabili" per il tipico stile di vita familiare che adottano sin da cuccioli. Se avete deciso di adottare una coppia di questi dolcissimi uccellini...
Volatili

Come costruire un abbeveratoio per uccellini

Un numero sempre crescente di persone sta iniziando a prendersi cura di uccellini, che siano essi liberi o in gabbia. Spesso si costruiscono nel proprio giardino abbeveratoi e mangiatoie anche per volatili di passaggio, in modo che abbiano la possibilità...
Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come rimuovere un nido di uccelli

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di ritrovarci un nido di uccelli in un piccolo spazio esterno della nostra abitazione come un giardino, un sottotetto, un balcone o una finestrella poco utilizzata. È importante rimuovere questo nido in...
Volatili

Come costruire un nido per rondini

Costruire un nido per rondini è un atto di amore verso questi uccelli e in generale la natura, per rendere più facile il loro ritorno dalle migrazioni. Questi animali, infatti, con l'inverno si spostano verso zone più calde, e tornano nel nostro territorio...
Volatili

Come preparare un nido per oche

Quando le oche depongono le loro uova, diventa necessario realizzare un nido che possa ospitare questi animali in uno dei momenti di certo più importanti e delicati della loro vita. Dedicate a questi simpatici animali tutto il vostro supporto. Occorrerà...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.