Come nutrire le quaglie

Tramite: O2O 24/10/2017
Difficoltà: media
18
Introduzione

Allevare le quaglie è abbastanza semplice, e può essere anche produttivo: da questi animali si possono ricavare grandi quantità di uova e di carne. In una voliera abbastanza grande infatti possono entrare sino a 20 esemplari, di cui 15 femmine, e la deposizione delle uova inizia già al secondo-terzo mese di vita. Considerando che ogni femmina produce 4 uova a settimane... Fate voi il conto! Ovviamente questi uccelli possono anche essere allevate per altri scopi, ma questo è il più frequente. Vediamo ora come nutrire le nostre quaglie con una alimentazione adatta a loro.

28
Occorrente
  • Gabbia
  • Mangime
  • Acqua
  • Tempo da dedicare
38

Ovaiolo

Uno dei mangimi più diffuso (e facilmente reperibile) è quello con cui si nutrono i pulcini appena nati: l'ovaiolo. Si tratta di un mangime costituito da piccoli pezzettini di grano macinato, unito ad altre sostanze nutritive: ottimo quindi per la deposizione delle uova. Ovviamente, non va usato da solo: scopriamo gli altri alimenti.

48

Farina-Misto polli e Miglio

Il primo, un insieme di farina di grano tenero, granturco macinato e pellet di vario genere (che vi consiglio di tagliare in piccoli pezzi), è molto utile come aggiunta. Il miglio, o mangime per cocoriti, è un altro alimento molto gustoso ed apprezzato.... Provate voi stessi!

Continua la lettura
58

Integrazione

È importante però evitare di nutrire i nostri volatili con soli mangimi: di tanto in tanto potete dare loro degli "extra" come ad esempio scarti della casa: pasta, dolci, riso e verdure come la lattuga. Questi uccelli amano anche la carne, di tutti i tipi, anche se consiglio quella di manzo e/o coniglio, e soprattutto cruda, oltre che il pesce, ricco di omega 3 e Calcio, indispensabile per la formazione del guscio! Questo serve sia come integrazione, sia per variare ogni tanto la loro alimentazione... Cosa che i nostri amici pennuti gradiscono!

68

Da Evitare

Non possiamo però dare tutto quello che vogliamo: ci sono degli alimenti da evitare assolutamente! I principali sono: pane od altri alimenti lievitati, soprattutto se vogliamo che producano uova in maniera sana e costante; la carne, soprattutto se cotta e/o di maiale; larve di mosca, poiché irritano la loro mucosa gastrica; cibi grandi difficilmente sminuzzabili: le quaglie hanno un becco molto piccolo; infine la testa dei pesci, poiché il fiele in essa contenuto influirà negativamente sul colore e sul sapore delle uova.

78

Acqua

Ovviamente non dimenticatevi dell'acqua! Gli abbeveratoi vanno SEMPRE controllati, sia per il controllo della pulizia e sia, in inverno, per controllare che l'acqua non sia gelata. Consiglio di aggiungere mezzo cucchiaio di aceto di mele per ogni abbeveratoio: migliorerà la qualità delle piume e la digestione, ed inoltre terrà lontani vermi o altri parassiti. Se nella gabbia in cui tenete le quaglie ci sono altri animali, controllate sempre anche l'acqua di questi ultimi: le quaglie sono molto curiose e tendono a mettere il becco dove non dovrebbero.

88
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Prima di pulire la gabbia, assicuratevi che abbiano mangiato tutto: di solito tendono a sporcare tutto all'inizio, ma poi sono molto brave a razzolare tutti i semi che date loro!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

5 alimenti da non dare alle quaglie

Se intendiamo allevare delle quaglie per garantirci delle uova giornaliere che si rivelano molto più nutrienti di quelle di gallina, è importante che l'alimentazione sia adeguata, evitando soprattutto di somministrargli cibi non adatti, oppure elaborarli...
Volatili

10 consigli per nutrire gli agapornis

Gli Agapornis, adorabili pappagallini di provenienza tropicale, subtropicale. Comunemente chiamati "gli inseparabili" per il tipico stile di vita familiare che adottano sin da cuccioli. Se avete deciso di adottare una coppia di questi dolcissimi uccellini...
Volatili

Come nutrire una rondine appena nata

Chi non ha mai trovato un povero uccellino caduto dal nido e dimenticato dalla mamma? Questo capita perché non appena si schiudono uova gli uccellini possono cadere dal nido posizionato in luoghi anche un po' scomodi e questo è sufficiente a determinarne...
Volatili

Come nutrire una cinciallegra

La cinciallegra è un piccolo uccello, lungo all'incirca dai 13,5 ai 15 centimetri. Si classifica nell'ordine dei passeriformi, data la sua forma analoga a quella dei passeri. Il suo piumaggio è allegro e colorato, con tinte giallastre nelle zone inferiori...
Volatili

Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non...
Volatili

Come nutrire una ghiandaia

La ghiandaia è un volatile che predilige le foreste o i prati alberati che le circondando. La sua alimentazione in natura è molto varia; la ghiandaia è onnivora e si nutre sia di semi o frutta che di grossi insetti, lucertole, uova di uccelli, piccoli...
Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come allevare una gazza ladra

La gazza ladra è un uccello di medie dimensioni, fa parte della famiglia dei corvidi e si riconosce con grande facilità poiché è caratterizzata da una colorazione bianca e nera con riflessi blu e verdi e da una lunga coda graduata. Quando si decide...