Come nutrire un cucciolo di capriolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nutrire un cucciolo di capriolo non è un'impresa così facile come sembra, ma quando è necessario per salvargli la vita bisogna cercare di accudirlo al meglio. In effetti, può capitare di trovare un capriolo sperduto durante le varie escursioni in montagna che di solito gli umani intraprendono per divertimento. Infatti le femmine di capriolo tra maggio e giugno fanno nascere i loro cuccioli, massimo tre, che per qualche periodo stanno al riparo ed immobili fra i cespugli. Ecco perché si consiglia in ogni caso di non accarezzarli in quanto la madre dei piccoli sentendo un odore diverso poi li abbandona. La mamma capriolo infatti si allontana poco dai suoi cuccioli per ritornare subito dopo e allattarli. Ed è proprio per questo motivo che il fattore nutrimento così naturale ed automatico in natura diventa più complicato se è l'essere umano a nutrire il piccolino. Quindi, ecco cosa fare in caso di ritrovamento e come nutrire un cucciolo di capriolo.

26

Occorrente

  • Latte di capra, mangime secco
36

Accudire il cucciolo di capriolo

Quando si trova nei boschi un cucciolo di capriolo bisogna innanzitutto non accarezzarlo e se è possibile non prenderlo con sé. In effetti per legge non è consentito tenere un animale selvatico in giardino. Se invece il piccolo è ferito e ha un bisogno evidente di attenzioni è bene portarlo in un centro specializzato.

46

Nutrire il piccolino

Un cucciolo di capriolo deve essere nutrito in modo giusto ed appropriato, scegliendo del latte leggero ed equilibrato, soprattutto nelle prime settimane di vita. Quindi non bisogna nutrirlo con latte vaccino in quanto per lui è molto difficile da digerire. Inoltre, ha bisogno di diverse poppate, di solito ogni tre ore, e anche di notte. Si preferisce quindi optare per il latte di capra che sembra adeguato e di facile reperibilità. Ma dopo questo periodo di allattamento bisogna iniziare lo svezzamento, sempre in modo graduale. Infatti, è bene nutrire il piccolo capriolo passando dal latte al mangime secco fino a quando diventerà autonomo.

Continua la lettura
56

Allevarlo o restituirlo quasi subito

Per allevare un cucciolo di capriolo occorre fare molta attenzione dato che non deve abituarsi alla presenza di un essere umano e questa circostanza rende il tutto più difficile. In effetti, il capriolo non è un cane o un gatto, di conseguenza se si addomestica sarà poi impossibile liberarlo in quanto il piccolo si affeziona e si abitua senza problemi all'uomo e al suo habitat. Tuttavia, una volta diventato grandicello, e rimesso in libertà, dovrà abituarsi nuovamente ad uno stile di vita completamente diverso e molto più pericoloso. Ecco perché si consiglia di affidarlo fin da subito al centro di recupero animali più vicino che si prenderà cura di lui nel modo giusto, sia dal punto di vista del nutrimento che del comportamento.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si precisa che questa guida è solo un'indicazione e quindi si consiglia fin da subito di seguire il parere di un specialista sanitario

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Come riconoscere uno stambecco

Lo stambecco è caratterizzato dalle corna molto grosse e incurvate all'indietro. Compare raramente, principalmente negli stemmi di famiglie o comunità alpine. Come animale araldico lo stambecco è un carico araldico e di norma viene rappresentato alla...
Altri Mammiferi

L'allevamento del petauro dello zucchero

Il petauro dello zucchero è un piccolo mammifero marsupiale australiano della famiglia dei Petauri. Viene denominato anche "scoiattolo volante", per via della sua particolare caratteristica: è capace di spiccare lunghi salti e di planare per mezzo di...
Altri Mammiferi

Consigli per allevare un toporagno

Il toporagno è una specie appartenente alla famiglia dei Soricidi, un' ordine di mammiferi molto simili ai topi. Questa specie è caratterizzata da un lungo muso appuntito e da una soffice pelliccia dalle tonalità marroni e grigie. A differenza dei...
Altri Mammiferi

Come aiutare una mucca a partorire

La nascita è sempre un motivo di gioia, sia che si tratti di un bambino, sia quella di un cucciolo. Se siamo i fortunati possessori di una fattoria, e all'interno di questa vi sono mucche gravide in procinto di dare alla luce il loro vitellino, è possibile...
Altri Mammiferi

Come aiutare animali in via d'estinzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare di animali. Nello specifico, in questo caso, ci dedicheremo agli animali in via d'estinzione. Cercheremo di rispondere a quest'interrogativo: come si possono aiutare gli animali in via d'estinzione?Un interrogativo...
Altri Mammiferi

Le caratteristiche della iena

Le iene hanno mascelle molto potenti e denti forti; quelle maculate vivono in grandi gruppi chiamati clan, che possono includere fino a 80 iene. Le iene cacciano in gruppi più piccoli e utilizzano varie tecniche per attaccare diversi tipi di animali....
Altri Mammiferi

Come prendersi cura di una scimmietta

Sono tantissimi gli italiani che amano avere accanto a sé la presenza di un animale da compagnia. Tutti noi conosciamo almeno una persona che possiede un animale. Noi stessi, spesso e volentieri, siamo proprietari e responsabili di amici pelosi. Da diversi...
Altri Mammiferi

Tutto sull'orca marina

L'orca marina, chiamata con il nome originale di "Orcinus Orca" è un mammifero che, abita nelle acque di oceani e mari, come è intuibile facilmente dal suo nome. Questa orca fa parte della famiglia dei Delfinoidi. Trattasi di animali che hanno imponenti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.