Come nutrire una cinciallegra

Tramite: O2O 02/12/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

La cinciallegra è un piccolo uccello, lungo all'incirca dai 13,5 ai 15 centimetri. Si classifica nell'ordine dei passeriformi, data la sua forma analoga a quella dei passeri. Il suo piumaggio è allegro e colorato, con tinte giallastre nelle zone inferiori e verdastre in quelle superiori. Sul petto giallo mostra una linea longitudinale di colore nero, che arriva sino alla gola. E che si presenta poco più larga negli esemplari di genere maschile. Anche la testa è nera, con piccole gote bianche. La cinciallegra canta in modo armonico, tramite poche e limpide note. Questo volatile preferisce degli habitat di pianura o di collina, come boschi o parchi. Svolazza fra i rami degli alberi e vi si appende col capo all'ingiù. Poi, in questa posizione, becca le formiche e i pidocchi sui rami. Ma, per la sua facilità ad entrare in confidenza con l'uomo, si adatta ai centri cittadini. Il suo carattere territoriale può sfociare in aggressività verso altri uccelli simili. Arrivando addirittura ad ucciderli. Di contro, riesce ad accettare il cibo dall'uomo perfino dalle sue dirette mani. Una delle caratteristiche principali della cinciallegra è la sua voracità. Se occorre nutrire una cinciallegra, ecco come procedere.

27

Occorrente

  • Cinciallegra, frutta, semi di girasole, insetti vari.
37

Individuare il tipo di cibo adatto

La cinciallegra si nutre soprattutto di insetti e delle loro larve. La sua voracità la porta ad ucciderne ancora, nonostante sia sazia. In inverno costringe addirittura le api ad uscire dagli alveari. Tiene fermo il cibo con le zampe, mentre lo frantuma con il becco. In caso di cibo abbondante, crea delle riserve per i periodi più carenti. L'alimentazione della cinciallegra si compone di lombrichi, ragni, api e piccoli molluschi. Ma anche di semi, frutta e bacche.

47

Preparare un pastone

Per una cinciallegra in cattività si può preparare un pastone con ingredienti come semi di girasole, insetti vari e frutta. Si possono anche utilizzare le tarme della farina. Per ciò che riguarda la frutta, la cinciallegra gradisce molto la mela. Lo stesso tipo di pastone si può realizzare per ogni cinciallegra libera. Una volta inserito in una mangiatoia, si posiziona all'esterno.

Continua la lettura
57

Nutrire un piccolo di cinciallegra

Se un piccolo di cinciallegra non ha più la mamma, si può nutrire con insetti raccolti sui prati. Come, ad esempio, larve o camole del miele. Oppure ragni, cavallette, mosche, grilli, api, moscerini e farfalline. Anche un pastone di frutta frantumata è l'ideale. Il piccolo di cinciallegra apre il becco istintivamente. Poi, come farebbe la mamma, bisogna inserire il cibo delicatamente nella sua gola. Preferibilmente con l'aiuto di una pinzetta metallica. In commercio sono comunque reperibili degli mangimi adatti per la cinciallegra.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per evitare reazioni aggressive, non bisogna tenere insieme in cattività due o più esemplari di cinciallegra. Specialmente se adulti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come nutrire una rondine appena nata

Chi non ha mai trovato un povero uccellino caduto dal nido e dimenticato dalla mamma? Questo capita perché non appena si schiudono uova gli uccellini possono cadere dal nido posizionato in luoghi anche un po' scomodi e questo è sufficiente a determinarne...
Volatili

Come nutrire le quaglie

Allevare le quaglie è abbastanza semplice, e può essere anche produttivo: da questi animali si possono ricavare grandi quantità di uova e di carne. In una voliera abbastanza grande infatti possono entrare sino a 20 esemplari, di cui 15 femmine, e la...
Volatili

Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non...
Volatili

Come nutrire una ghiandaia

La ghiandaia è un volatile che predilige le foreste o i prati alberati che le circondando. La sua alimentazione in natura è molto varia; la ghiandaia è onnivora e si nutre sia di semi o frutta che di grossi insetti, lucertole, uova di uccelli, piccoli...
Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come allevare una gazza ladra

La gazza ladra è un uccello di medie dimensioni, fa parte della famiglia dei corvidi e si riconosce con grande facilità poiché è caratterizzata da una colorazione bianca e nera con riflessi blu e verdi e da una lunga coda graduata. Quando si decide...
Volatili

Come sfamare un uccellino

Con l'arrivo delle stagioni calde, primavera e soprattutto estate, è possibile trovarsi di fronte a piccoli esemplari di volatili, probabilmente caduti dal loro nido, che necessitano di aiuto. Riuscendo a mettere da parte l'indifferenza, possiamo imparare...
Volatili

Come alimentare un pettirosso

Capita di trovare un pettirosso in difficoltà perché è caduto dal nido o che per qualunque altro motivo non riesce più a mettersi in volo. I pettirossi sono dei tipici uccelli che si distinguono dai normali perché possiedono un particolare petto...