Come nutrire una ghiandaia

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La ghiandaia è un volatile che predilige le foreste o i prati alberati che le circondando. La sua alimentazione in natura è molto varia; la ghiandaia è onnivora e si nutre sia di semi o frutta che di grossi insetti, lucertole, uova di uccelli, piccoli roditori. Il suo cibo preferito, come il suo nome permette di intuire, sono le ghiande, che usa nascondere sotto le corteccie degli alberi come provviste per l'inverno. Ricordiamo che la ghiandaia è una specie a rischio ed è protetta: per la sua detenzione è necessario che sia anellata e certificata. E ora vediamo come nutrire una ghiandaia in cattività.

28

Occorrente

  • cereali e legumi
  • larve
  • frutta
  • ghiande a altre noci
  • acqua
38

Cereali e legumi

In una vaschetta mettere cereali e legumi misti, preferibilmente freschi (assolutamente non secchi, potrebbero iniziare a gonfiarsi nello stomaco dell'uccello), altrimenti ben cotti. In quest'ultimo caso vanno evitati quelli precotti perché conditi, basterà bollirli e lasciarli raffreddare.

48

Larve

Essendo le proteine animali parte dell'alimentazione della ghiandaia, sarebbe opportuno procurargliene anche in cattività. Le larve del coleottero tenebrio molitor, che sono le larve della farina, sono facili da allevare e sono nutrienti. Queste potranno essere fornite all'uccello con minor frequenza rispetto ai cibi vegetali.
Le lumache potrebbero essere un alternativa, in quanto in natura fanno comunque parte della sua dieta.

Continua la lettura
58

Frutta

Mele, fichi, uva, ciliegie, prugne, sono tutti frutti che la ghiandaia mangia con piacere; sono ricchi di vitamine, sali minerali e acqua; un po' di frutta ogni giorno, variando spesso, in modo da fornire all'animale un completo apporto di nutrienti. Non lasciare troppo a lungo i frutti nella voliera; se non vengono mangiati e inziano a marcire possono attrarre mosche o altri insetti, i quali potrebbero depositare uova nella frutta e causare problemi all'uccello.

68

Noci e ghiande

Fornire alla ghiandaia un piccolo tronco o un nascondiglio di altro tipo, in modo che possa nacodere le sue scorte, cioè le ghiande che non dovrebbero mai mancare, ma anche noci, castagne, nocciole e altri frutti secchi sono graditi. Non mischiarli mai con il cibo umido; se l'uccello dimostra di essere in grado di romperle con il suo becco (può farlo) non ci sarà nemmeno bisogno di aprirle.

78

acqua fresca

Lasciare sempre a disposizione dell'animale abbondante acqua fresca e pulita; cambiarla anche più di due volte al giorno se necessario. Spesso gli uccelli alevati, che hanno sempre acqua a disposizione, hanno il vizio di bagnarci il cibo per ammorbidirlo; di conseguenza l'acqua si sporca spesso e va sostituita altrettanto spesso.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • tenere sempre separati i cibi secchi da quelli umidi
  • il cibo nelle vaschette va sostituito giornalmente, perchè contaminato con saliva, bucce ecc

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

10 consigli per nutrire gli agapornis

Gli Agapornis, adorabili pappagallini di provenienza tropicale, subtropicale. Comunemente chiamati "gli inseparabili" per il tipico stile di vita familiare che adottano sin da cuccioli. Se avete deciso di adottare una coppia di questi dolcissimi uccellini...
Volatili

Come nutrire una rondine appena nata

Chi non ha mai trovato un povero uccellino caduto dal nido e dimenticato dalla mamma? Questo capita perché non appena si schiudono uova gli uccellini possono cadere dal nido posizionato in luoghi anche un po' scomodi e questo è sufficiente a determinarne...
Volatili

Come nutrire una cinciallegra

La cinciallegra è un piccolo uccello, lungo all'incirca dai 13,5 ai 15 centimetri. Si classifica nell'ordine dei passeriformi, data la sua forma analoga a quella dei passeri. Il suo piumaggio è allegro e colorato, con tinte giallastre nelle zone inferiori...
Volatili

Come nutrire le quaglie

Allevare le quaglie è abbastanza semplice, e può essere anche produttivo: da questi animali si possono ricavare grandi quantità di uova e di carne. In una voliera abbastanza grande infatti possono entrare sino a 20 esemplari, di cui 15 femmine, e la...
Volatili

Come Nutrire Gli Uccellini

Quando arriva l'inverno, può capitare che scarseggi il cibo per gli uccellini che vivono liberi all'aria aperta, pertanto, aiutarli dando loro da mangiare li aiuterà a sopravvivere e, inoltre, vi permetterà di osservarli da vicino. Attraverso i passaggi...
Volatili

Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non...
Volatili

Come nutrire gli uccelli selvatici

Quando si avvicinano le stagioni fredde, gli uccelli che sono stanziali, e quindi non migrano verso Paesi più caldi, incontrano notevoli difficoltà a reperire cibo per il sostentamento e la sopravvivenza. È facile, in inverno, trovare un uccellino...
Volatili

Come Riconoscere La Nocciolaia

I grandi appassionati di uccelli e volatili sanno quanto può essere soddisfacente essere in grado di riconoscere, a prima vista, tutte le specie di questi animali. In questa guida in particolare, vedremo come riconoscere la Nocciolaia. È un uccello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.