Come nutrire una rondine appena nata

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi non ha mai trovato un povero uccellino caduto dal nido e dimenticato dalla mamma? Questo capita perché non appena si schiudono uova gli uccellini possono cadere dal nido posizionato in luoghi anche un po' scomodi e questo è sufficiente a determinarne l'abbandono della madre sia perché non riconosce più l'odore sia perché orai debole e difficile da crescere. In particolare durante la stagione primaverile è facile trovare delle piccole rondini appena nate agli angoli delle strade. Potete aiutarle! Ecco la guida su come nutrire una rondine appena nata.

26

Occorrente

  • Insetti
  • Acqua
  • Nido artificiale
36

Procurarsi gli insetti giusti

Una delle prime considerazioni da fare è quale tipo di insetto procurarsi. Spesso la gente pensa che un uccello insettivoro possa mangiare tutti i tipi di insetti. Sbagliatissimo! Ogni uccello insettivoro ha i suoi insetti " preferiti " per cui andrebbero procurati solo quelli. Assolutamente da evitare sono tutti gli insetti col pungiglione come calabroni, vespe e mosche carnaie ma ricordate che anche i bigatti sono da scartare. Molti pensano che i bigatti siano gli insetti ideali da dare all'uccellino, perché piccolo, liscio quindi facilmente ingoiabile e facile da procurare ma in realtà questi provocano seri danni al vostro uccellino di qualsiasi razza si tratti. Per essere sicuri di comprare gli insetti Giusi perle vostre piccole rondini potete recarvi in alcuni negozi per rettili, o articoli da pesca oppure collegarvi online nei siti specializzati e prenotarli direttamente da internet.

46

Provvedere alla somministrazione di acqua

Per quanto riguarda l'idratazione della vostra piccola rondine va sfatato un mito, ovvero quello che le rondini o gli uccellini in generale, non abbiano bisogno di acqua perché la assumono direttamente dal rigurgito della mamma. Sbagliatissimo! Ed è questo uno dei motivi più diffusi di morte precoce della vostra rondine. I cuccioli di rondine in particolare hanno bisogno di almeno 5-6 gocce di acqua tiepida da far scivolare direttamente lungo il cavo orale dopo aver stimolato l'apertura del becco. Dopo un po saprete riconoscere tutti i segnali tipici del vostro animaletto, per esempio quando l'acqua è sufficiente inizierà a scrollare la testa e quindi sarà facilmente intuibile che vada interrotta la somministrazione delle gocce.

Continua la lettura
56

Preparare la pappa

Per preparare la pappa potete utilizzare i consigli che trovate nei forum specializzati, quello che vi consiglio io è di unire agli insemini anche qualche altro alimento. Dovete creare come una sorta di impasto in cui unire gli insemini, gli omogeneizzati e ogni tanto anche del rosso di uovo sono. Non somministrate l'uovo ad ogni pasto e preferite gli omogeneizzati di manzo. Create un impasto e poi potete somministrarlo a piccole dosi utilizzando una piccola siringa priva di ago, quella da insulina sarebbe l'ideale. Caricate la siringa e poi picchiettando ai lati del becco fate in modo che la rondine apra il becco, a questo punto inserite la siringa nel cavo orale ma fate molta attenzione alla profondità che raggiungete per evitare lesioni. Somministrate la pappa con almeno tre round, non somministrate tutta la siringa in una volta sola perché rischiate di fare rigurgitare l'uccellino.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Abbiate tanta pazienza perché dopo un pò di pratica riuscirete a nutrire la vostra piccola rondine nel modo più giusto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

10 consigli per nutrire gli agapornis

Gli Agapornis, adorabili pappagallini di provenienza tropicale, subtropicale. Comunemente chiamati "gli inseparabili" per il tipico stile di vita familiare che adottano sin da cuccioli. Se avete deciso di adottare una coppia di questi dolcissimi uccellini...
Volatili

Come nutrire una cinciallegra

La cinciallegra è un piccolo uccello, lungo all'incirca dai 13,5 ai 15 centimetri. Si classifica nell'ordine dei passeriformi, data la sua forma analoga a quella dei passeri. Il suo piumaggio è allegro e colorato, con tinte giallastre nelle zone inferiori...
Volatili

Come nutrire le quaglie

Allevare le quaglie è abbastanza semplice, e può essere anche produttivo: da questi animali si possono ricavare grandi quantità di uova e di carne. In una voliera abbastanza grande infatti possono entrare sino a 20 esemplari, di cui 15 femmine, e la...
Volatili

Come Nutrire Gli Uccellini

Quando arriva l'inverno, può capitare che scarseggi il cibo per gli uccellini che vivono liberi all'aria aperta, pertanto, aiutarli dando loro da mangiare li aiuterà a sopravvivere e, inoltre, vi permetterà di osservarli da vicino. Attraverso i passaggi...
Volatili

Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non...
Volatili

Come nutrire gli uccelli selvatici

Quando si avvicinano le stagioni fredde, gli uccelli che sono stanziali, e quindi non migrano verso Paesi più caldi, incontrano notevoli difficoltà a reperire cibo per il sostentamento e la sopravvivenza. È facile, in inverno, trovare un uccellino...
Volatili

Come nutrire una ghiandaia

La ghiandaia è un volatile che predilige le foreste o i prati alberati che le circondando. La sua alimentazione in natura è molto varia; la ghiandaia è onnivora e si nutre sia di semi o frutta che di grossi insetti, lucertole, uova di uccelli, piccoli...
Volatili

I principali uccelli migratori

Gli uccelli migratori sono alcuni speciali volatili che durante il corso dell'anno, nel passaggio tra le stagioni, decidono di spostarsi dai luoghi troppo freddi in cui vivono verso le zone più calde, allo scopo di portare avanti i processi riproduttivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.