Come ottenere un contributo dopo l'adozione di un cane del canile

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Adottare un cane consiste in un gesto assolutamente generoso, che denota un grande spirito di solidarietà. Molto spesso la gente preferisce acquistare dei cani di razza per svariati motivi. Quello principale è il prestigio di avere un cosiddetto cane "puro sangue". Le associazioni in favore degli animali lottano, molto spesso, per sostenere la causa a favore dei meticci abbandonati e non voluti, in grado di trasmettere un affetto incredibile, pari a quello dei cagnolini di razza. Soventemente i cani adottati dai canili si trovano in cattive condizioni di salute e necessitano, pertanto, di ricevere cure anche relativamente. Basta considerare che una semplice visita presso un centro veterinario costa più di trenta euro, e che soltanto l'antipulci costa una ventina di euro. Quindi si comprende che è necessario pensarci molto bene, prima di prendersi a carico un cucciolo. Ovviamente è necessario accertarsi di possedere tutti i risparmi sufficienti per farlo in maniera ottimale. Alcune Regioni Italiane e purtroppo non tutte, danno un contributo a chi adotta un cane dal canile a titolo di risarcimento delle spese sostenute per curare l'animale che è stato sottratto dalla strada. Inoltre, c'è da precisare che il contributo varia a seconda dell'età dell'animale. In questa semplice ed esauriente guida, pertanto, vi forniremo tutte le principali informazioni affinché si possa scoprire come riuscire ad ottenere un contributo dopo l'adozione di un cane del canile.

24

Nel caso in cui avete adottato un cane dal canile municipale convenzionato, si può iniziare il proprio percorso, domandando presso il comando della polizia municipale se la città in cui si vive è abilitata al rilascio di questo contributo. Si dovrà chiedere, pertanto, se vengono parzialmente risarcite le spese sostenute per curare il cucciolo che è stato portato a casa. Le spese che possono essere detratte, generalmente, sono quelle veterinarie oppure quelle per il suo mantenimento.

34

I responsabili del canile nel quale è stato adottato l'animale, avranno precedentemente comunicato il proprio nominativo ai vigili municipali che sicuramente terranno a propria disposizione la lista ormai obbligatoria per legge. Il contributo, nel caso in cui la propria città di appartenenza lo rilascia, non è uguale per tutti quanti i possessori dei cani, ma varia a seconda dell'età dell'animale. Ad esempio, se è stato adottato un cucciolo di pochi mesi, possono essere risarciti circa 500 euro. Invece se l'animale che avete adottato presenta un'età superiore ai sei anni di età, il contributo potrebbe essere di circa 600 euro. Ribadiamo che stiamo facendo un semplice esempio per farvi comprendere la differenza che può sussistere.

Continua la lettura
44

Le somme indicate, inoltre, verranno erogate soltanto quando la polizia municipale avrà constatato l'effettivo stato di benessere del cane. Se, infatti, il cane è affetto da una grave patologia costosa da curare, generalmente la cifra è superiore rispetto ad altre spese da sostenere. Una volta che è stato ricevuto il denaro, non rimane altro da fare che portare il proprio cane dal veterinario per effettuare le prime e le obbligatorie visite di controllo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

5 cose da sapere per adottare un cane in canile

Se amiamo gli animali e decidiamo di adottare ad esempio un cane, possiamo recarci in un canile municipale, per trovarne uno che corrisponde alle nostre aspettative. In merito a ciò, è tuttavia doveroso precisare che per adottarlo, ci sono 5 cose importanti...
Cani

Procedura per adottare un cane dal canile

Se avete pensato di prendere un cane con voi, nella vostra casa e con la vostra famiglia, avete certamente fatto una delle scelte più belle ed importanti che si possano operare nella vita. E se, nell'ambito di questa scelta, piuttosto che comprarlo avete...
Cani

Come diventare volontario in un canile

Amare gli animali non significa che per forza occorre averne uno in casa. Per diversi motivi, cioè ad esempio la scarsa disponibilità economica, il poco spazio, il poco tempo per accudirli, non tutti possono permettersi di avere un piccolo amico a quattro...
Cani

Come aiutare un canile di zona

Quando decidiamo di adottare un animale e di farlo vivere insieme a noi, dobbiamo prima chiederci se potremo curarlo alla perfezione, dargli da mangiare e dedicargli quotidianamente un po' del nostro tempo. Sono frequentissimi i casi di persone che prendono...
Cani

Cosa fare quando si trova un cane abbandonato

Purtroppo quando arriva la bella stagione, sulle strade e nelle varie campagna si possono incontrare degli animali domestici abbandonati dai loro padroni per negligenza o cattiva volontà di accudirli. Il primo impatto sicuramente è quello di fermarci...
Cani

Come salvare un cane abbandonato

Abbandonare un Cane è una delle cose più disumane che una persona possa fare. Infatti l'amore che una persona ha per gli animali è sempre proporzionale al suo livello di civiltà. Ma sempre più spesso ci capita di imbatterci in cani adulti abbandonati...
Cani

Cosa fare in caso di ritrovamento di un cane

Forse alcuni di voi hanno vissuto la terribile esperienza della scomparsa del loro cane. Allora sicuramente questi sapranno quanto sia grande il sollievo nel ricevere la telefonata da qualcuno che ha visto il loro compagno che vagava tutto solo, poi ha...
Cani

Come scegliere un cane di piccola taglia

"Io ho almeno due migliori amici". Questo è quello che dice qualsiasi persona abbia un cane in casa. Tante altre persone che non lo hanno vorrebbero che un cane facesse parte della propria vita. Tuttavia, non sempre è facile ospitare un cane grande,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.