Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Tramite: O2O 05/04/2015
Difficoltà: media
17

Introduzione

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l?uomo. Purtroppo è presente in tutto il bacino del Mediterraneo e sempre più spesso vengono segnalati focolai in zone precedentemente indenni e lontane dal mare, questo a causa delle numerose movimentazioni di cani rispetto al passato e dell?aumento delle temperature. Vettore della Leishmaniosi è il Flebotomo o pappataceo, insetto che vive appunto sulle coste del Mediterraneo e che attraverso la puntura trasmette il Protozoo responsabile di questa malattia. Il contagio diretto da cane a cane non è possibile ma serve sempre l?interposizione del Flebotomo vettore. La Leishmaniosi è una patologia cronica, ha un periodo di incubazione che va da pochi mesi ad anni, coinvolge tutto l?organismo e può essere più o meno grave e addirittura asintomatica, grosso problema perché i soggetti infetti ma non ammalati rappresentano un grande serbatoio d?infezione. In questa guida vi spiegheremo come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi.

27

Occorrente

  • Collari antiparassitari
  • test di controllo
37

Conoscere la malattia

La Leishmaniosi è una malattia dai molteplici aspetti e può coinvolgere diversi apparati o organi. Ne consegue che i sintomi manifestati dai cani malati sono svariati comprendendo lesioni cutanee, dimagramento, polidipsia/poliuria (aumento della sete e della quantità di urina prodotta), astenia, zoppia, diarrea, epistassi (perdita di sangue dal naso), fotofobia ed epifora, cecità, vomito e ascite (presenza di liquido in addome). Alla visita clinica il cane affetto da Leishmaniosi può presentare linfoadenomegalia sistemica o regionale (aumento di volume dei linfonodi), anemia, splenomegalia e epatomegalia (aumento di volume della milza e del fegato), lesioni renali e oculari. Nella forma cutanea le lesioni sono molto caratteristiche; si tratta di una dermatite non suppurativa per niente pruriginosa che si manifesta con seborrea secca (forfora) e rarefazione o perdita completa del pelo (alopecia) in aree ben precise. Spesso nelle stesse zone si riscontrano anche lesioni ulcerative. In particolare risultano colpite la zona peri-oculare ("cane con gli occhiali"), il dorso del naso e la cute dell?orecchio. Inoltre a livello del dorso molti cani presentano una forfora a grosse scaglie. Tutto ciò conferisce al cane malato di Leishmaniosi un aspetto "vecchieggiante".

47

Iniziare una terapia adeguata

Per curare e accudire un cane affetto da leishmaniosi è necessario essere preparati psicologicamente alle sofferenze che il cane vivrà. Il costo delle cure non è eccessivo, anche se il nostro amico a quattro zampe deve sempre essere tenuto sotto controllo e sottoposto a visite mediche. Può tranquillamente socializzare con altri cani, poiché la malattia può essere trasmessa solo con la puntura d'insetto e non è trasmissibile da cane a cane e nè da cane a uomo. Avere un cane con la leishmaniosi, dunque, non necessita particolari tipi di allontanamento del cane da luoghi, da persone o da animali. Purtroppo attualmente non esiste una terapia efficace in grado di sconfiggere la Leishmaniosi, ma si può solo prevenire l?infezione o nei soggetti più sfortunati e contagiati controllarne i sintomi. Come prevenzione per prima cosa il consiglio è di trattare il vostro cane con un antiparassitario che sia registrato anche come repellente del Flebotomo. Esistono pipette o collari che funzionano molto bene, il vostro Veterinario saprà consigliarvi nel modo più giusto.

Continua la lettura
57

Effettuare annualmente il test per la leishmaniosi

Il periodo di incubazione della leishmaniosi è molto lungo e può addirittura durare anni (anche 7 o 8 anni) e in questo tempo può provocare diverse problematiche al cane. Dunque è bene fare almeno annualmente il test per la leishmaniosi, per eliminare ogni dubbio. A volte il vostro cane potrà sentirsi debole, nonostante i trattamenti: non preoccupatevi e non stategli troppo addosso; la cosa è normale, ma oramai l'aspettativa di vita dei cani malati è molto lunga. L'unico problema sarà l'individuazione della cura più adatta al cane, poiché, come nell'uomo, la risposta ai farmaci è molto soggettiva.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come prendersi cura di un cane sordo

L'udito, insieme all'olfatto, è uno dei sensi più sviluppati che il nostro amico a quattro zampe possiede, infatti esso può percepire suoni fino a 60mila Hertz contro i 20mila Hertz che riusciamo a sentire noi umani. Se un cane sordo ha perso questa...
Cani

Prendersi cura di un cane anziano

I cani si sa, sono i migliori amici dell'uomo, e come tali vanno curati e cresciuto con amore e rispetto. Anche perché, nonostante la loro breve vita sono gli amici più fedeli che possiamo avere e molto spesso in vecchiaia cominciano ad avere problemi...
Cani

Come prendersi cura di un cane affetto da cimurro

Prendersi cura di un cane malato richiede tantissimo impegno e amore. Le patologie che possono colpirlo, infatti, sono numerose e di varia natura. Esistono le malattie di natura batterica, come può essere la rogna. Ma esistono anche malattie virali,...
Cani

Come prendersi cura del cane lupo cecoslovacco

Il cane lupo cecoslovacco è sicuramente una razza impegnativa, dotata di un istinto meraviglioso e di un carattere forte da dominare, ma la sua propensione alla guardia, all'obbedienza, il suo coraggio nel difendere il territorio quando subisce un'invasione...
Cani

Come prendersi cura di un Samoiedo

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter prendersi cura di un Samooiedo, nel modo migliore e con amore e passione vera ed infinita!Il Samoiedo è una razza di cane di origine siberiana che prende il nome dall'omonima...
Cani

Come Prendersi Cura Di Un Cocker Inglese

Il cocker inglese è un cane da caccia appartenente al gruppo degli spaniels adatti per la cerca e il riporto. La piccola taglia (tra gli 11 e i 13 chili di peso) gli consentono di addentrarsi con facilità nelle forre e tra i rovi. È un cane attivo,...
Cani

Come prendersi cura di uno Schnauzer

Lo Schnauzer è una razza di origine tedesca che comprende tre tipi di taglia: nana, media e gigante, con  tre possibili colori: nero, sale e pepe, nero argento, bianco. Il termine Schnauzer corrisponde al termine italiano mustacchi, ed è il modo con...
Cani

Come prendersi cura di un criceto raffreddato

Così come accade per gli esseri umani, anche i mammiferi come il criceto possono andare incontro a patologie da raffreddamento. Il problema non va mai sottovalutato perché nel criceto, un semplice raffreddore, può spesso evolvere in stati febbrili...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.