Come prendersi cura di un cane disabile

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Anche i nostri i nostri fedeli amici a 4 zampe, nel corso della loro vita, possono incontrare difficoltà a livello sanitario. Vuoi per una malattia, vuoi per uno sfortunato incidente, il nostro Fido si può trasformare da un giorno all'altro in una creatura che dipende in tutto e per tutto da noi e non si intende solo a livello sentimentale. Nel caso succedesse una cosa del genere, vediamo come è possibile prendersi cura di un cane disabile.

25

Occorrente

  • carrellino apposito per cani
  • tanto amore
  • moltissima pazienza
35

Occuparsi di un cane disabile, può diventare un grosso problema, il tutto infatti è correlato alla stazza del nostro amico Fido e al suo livello dell'infermità. Va da se che, se la bestiola è di taglia piccola nonostante ci possano essere delle problematiche, con qualche piccolo accorgimento, accudirla diventa sicuramente più facile. I problemi sorgono quando il cane è di stazza molto grande, quindi difficoltoso da gestire a livello motorio. Quello che dobbiamo sapere però è che un cane, a differenza degli esseri umani, non percepisce il senso della sua disabilità. Non si dispera, non cade in depressione ripensando a ciò che ha perso, semplicemente accetta il discorso di non essere più in grado di svolgere determinati movimenti.

45

Il problema serio oltre che molto difficoltoso da affrontare, si presenta quando il nostro cane è affetto da disabilità completa. In questo caso il nostro coinvolgimento è davvero al massimo, infatti senza il nostro aiuto non potrebbe più sopravvivere. Un cane in queste condizioni, non è in grado di fare assolutamente nessun tipo di movimento, quindi necessita di qualcuno che lo imbocchi, che lo pulisca e che si prenda cura di lui al 100%. Anche le normali deiezioni devono essere effettuate a mano dal padrone stesso o di chi in quel preciso momento si prende cura dell'animale. Quello che però non devono mai mancare al di la del tipo di patologia che il cane ha in corso, sono le nostre dimostrazioni di affetto, quindi in tutto quello che facciamo per il nostro animale dobbiamo metterci tanto amore e tantissima pazienza e comprensione.

Continua la lettura
55

Anche la disabilità è suddivisa per gradi; per capirci meglio può essere il caso di un cane che riesce comunque ad effettuare qualche movimento, se non del tutto in autonomia, ma con l'aiuto di un particolare carrello le cui ruote si sostituiscono alle sue gambe, il quale gli permette di muoversi sia all'interno della casa che fuori. Questa tipologia di infermità, non comporta grandissimi sacrifici da parte nostra, dobbiamo solo dedicare al nostro amico un pochino di tempo al fine di farlo abituare al carrellino. Poi ci potrebbe essere la fase della disabilità transitoria, ovvero un certo periodo di inabilità che però può essere recuperato con sedute di fisioterapia. In questo caso, come padroni dobbiamo essere presenti al massimo facendo ripetere gli esercizi anche a casa, in maniera da accellerare la guarigione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come prendersi cura di un cane sordo

L'udito, insieme all'olfatto, è uno dei sensi più sviluppati che il nostro amico a quattro zampe possiede, infatti esso può percepire suoni fino a 60mila Hertz contro i 20mila Hertz che riusciamo a sentire noi umani. Se un cane sordo ha perso questa...
Cani

Prendersi cura di un cane anziano

I cani si sa, sono i migliori amici dell'uomo, e come tali vanno curati e cresciuto con amore e rispetto. Anche perché, nonostante la loro breve vita sono gli amici più fedeli che possiamo avere e molto spesso in vecchiaia cominciano ad avere problemi...
Cani

Come prendersi cura di un cane affetto da cimurro

Prendersi cura di un cane malato richiede tantissimo impegno e amore. Le patologie che possono colpirlo, infatti, sono numerose e di varia natura. Esistono le malattie di natura batterica, come può essere la rogna. Ma esistono anche malattie virali,...
Cani

Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l’uomo. Purtroppo è presente...
Cani

Come prendersi cura di un cane dopo la sterilizzazione

I motivi per i quali chi possiede un cane decide di ricorrere all'intervento della sterilizzazione per il suo amico pelosetto, sono essenzialmente due: uno di ordine sanitario, secondo il quale (specialmente per la femmina) si determina la prevenzione...
Cani

Come prendersi cura del cane papillon

Se avete in progetto di allargare la vostra famiglia adottando un tenero amico a quattro zampe, magari per accontentare le richieste di vostro figlio che da tempo desidera un compagno di giochi peloso con cui relazionarsi, ma che sia poco impegnativo...
Cani

Come prendersi cura dei cani

All'interno di questa guida andremo a occuparci di amici a quattro zampe e, nello specifico, di cani. Entreremo nel dettaglio rispetto a come prendersi cura dei cani nel modo giusto. Questa guida sarà composta da cinque passi differenti: il primo, ovvero...
Cani

Come prendersi cura di un Samoiedo

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori a capire come poter prendersi cura di un Samooiedo, nel modo migliore e con amore e passione vera ed infinita!Il Samoiedo è una razza di cane di origine siberiana che prende il nome dall'omonima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.