Come prendersi cura di un cane sordo

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'udito, insieme all'olfatto, è uno dei sensi più sviluppati che il nostro amico a quattro zampe possiede, infatti esso può percepire suoni fino a 60mila Hertz contro i 20mila Hertz che riusciamo a sentire noi umani. Se un cane sordo ha perso questa straordinaria capacità a causa di una patologia o in seguito a maltrattamenti, è necessario comunicare con lui utilizzando un linguaggio nuovo e speciale. Comprensione e pazienza sono alla base del legame e della convivenza con un cane sordo. In questa breve guida illustrerò dettagliatamente come prendersi cura di un cane sordo in pochi e semplici passi. Vediamo come fare!

25

Creare un linguaggio gestuale

Ovviamente, ad un cane che non può fare affidamento sull'udito, non potremo dare ordini attraverso le parole; per tale ragione sarà necessario creare un linguaggio nuovo, fatto di segnali e gesti. Bisognerà affidarsi ai movimenti, alle posture ed ai piccoli gesti. Questo aiuterà a creare un legame stabile e stretto tra cane e padrone. Il cane osserverà il padrone con attenzione e sarà pronto ad imparare e poi successivamente interpretare i comportamenti del bipede (anche una semplice postura o un piccolo gesto per il cane potrà significare abbastanza). Bisognerà dare al cane carezze, ricompense (come piccoli pezzi di wrustel) e giochi per premiare ogni comportamento che riteniamo corretto.

35

Evitare di urlare

È assolutamente sconsigliato urlare al nostro cane, tanto egli non può sentire. Cercare di attirare l'attenzione sarà la parte più difficile e complicata per stabilire una connessione con il nostro amico quadrupede. In questi casi come bisogna comportarsi? La relazione deve basarsi su un altro senso, il tatto: carezze, indicazioni e gesti serviranno a stabilire una relazione sana e duratura. Occorrerà portarlo fuori con il guinzaglio e liberarlo solo in aree chiuse e recintate.

Continua la lettura
45

Usare luce laser

Per attirare l'attenzione di un cane sordo, può essere utile sfruttare un trucchetto di alcuni addestratori ed educatori: ovvero, impiegare un dispositivo a luce laser. Tale strumento sarà utile per comunicare al cane, sopratutto se accompagnato da gesti e carezze aiuterà il piccolo ad accettare questa forma di comunicazione visiva. È importante ricordarsi che il cane non ci sente arrivare quindi, prima di toccarlo o accarezzarlo, sarà bene mettersi davanti a lui e mostrargli la mano; se, invece, desideriamo svegliarlo è consigliabile posizionare la nostra mano davanti al suo naso, in questa maniera esso riconoscerà immediatamente il nostro odore e non si spaventerà. Per addestrarlo dovremo fare ricorso a comandi manuali, dunque a piccoli gesti veloci e significativi. Se saremo costanti e pazienti, il cane riuscirà benissimo a imparare anche venti segni all'anno.

55

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come prendersi cura di un cane disabile

Anche i nostri i nostri fedeli amici a 4 zampe, nel corso della loro vita, possono incontrare difficoltà a livello sanitario. Vuoi per una malattia, vuoi per uno sfortunato incidente, il nostro Fido si può trasformare da un giorno all'altro in una creatura...
Cani

Prendersi cura di un cane anziano

I cani si sa, sono i migliori amici dell'uomo, e come tali vanno curati e cresciuto con amore e rispetto. Anche perché, nonostante la loro breve vita sono gli amici più fedeli che possiamo avere e molto spesso in vecchiaia cominciano ad avere problemi...
Cani

Come prendersi cura di un cane affetto da cimurro

Prendersi cura di un cane malato richiede tantissimo impegno e amore. Le patologie che possono colpirlo, infatti, sono numerose e di varia natura. Esistono le malattie di natura batterica, come può essere la rogna. Ma esistono anche malattie virali,...
Cani

Come prendersi cura di un cane con la lesmaniosi

Con il periodo estivo e le imminenti vacanze al mare, anche dei nostri quadrupedi, si ripresenta puntuale il terrore della Leishmaniosi. La Leishmaniosi è una grave malattia infettiva che può colpire i cani e marginalmente l’uomo. Purtroppo è presente...
Cani

Come prendersi cura di un cane dopo la sterilizzazione

I motivi per i quali chi possiede un cane decide di ricorrere all'intervento della sterilizzazione per il suo amico pelosetto, sono essenzialmente due: uno di ordine sanitario, secondo il quale (specialmente per la femmina) si determina la prevenzione...
Cani

Come prendersi cura del cane papillon

Se avete in progetto di allargare la vostra famiglia adottando un tenero amico a quattro zampe, magari per accontentare le richieste di vostro figlio che da tempo desidera un compagno di giochi peloso con cui relazionarsi, ma che sia poco impegnativo...
Cani

Come capire se un cane è diventato sordo

Spesso abbiamo il dubbio che il nostro cane abbia perso l'udito. Infatti il fenomeno non è cosi raro nei cani e molte volte comportamenti strani o parole e comandi che prima venivano capiti velocemente iniziano ad non essere più eseguiti. Per cui iniziano...
Cani

Come comunicare con un cane sordo

Praticamente la sordità è una disfunzione dell'apparato uditivo molto frequente nella popolazione mondiale. Gli individui che ne sono assoggettati, non sentono i rumori esterni ma percepiscono le vibrazioni prodotte da questi. Come negli esseri umani,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.