Come prendersi cura di un geco leopardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si parla di animali domestici il pensiero corre subito a cani e gatti, seguiti da pappagalli, conigli e pesciolini. Esistono però tanti altri animali, che molti di noi non hanno neanche mai sentito nominare, che fanno parte dei così detti animali da compagnia. Uno di questi è il geco leopardino, una razza particolare di geco proveniente dal deserto dell'Asia meridionale e oggi  diffuso anche in Italia, grazie ai tanti allevatori e appassionati di questa specie.  

26

Occorrente

  • Terrario in cui vivere; insetti vivi come alimentazione
36

Il terrario ideale

Dovete sapere che il geco leopardino appartiene alla famiglia dei sauri e può raggiungere una lunghezza di 20 cm e vivere fino a 20 anni. Come la maggior parte dei gechi, anche quello leopardino è un animale notturno e trascorre le ore diurne a dormire dentro alla tana al riparo da possibili predatori. A differenza però del geco comune, non è in grado di arrampicarsi alle pareti, ma vivono per terra e si muovono e si spostano sulle rocce grazie a delle piccole unghie. Il geco leopardino va tenuto dentro ad una teca abbastanza grande e arieggiata, fornita di coperchio; l'ideale sarebbe una teca di vetro 60x40x50. Se avete intenzione di prendere più gechi, la teca dovrà essere più grande. Al suo interno metterete un tappeto di erba sintetica, una serie di rocce e rami, diverse tane in cui potrà rifugiarsi e le ciotoline per il cibo e l'acqua. Evitate assolutamente la sabbia che potrebbe essere inghiottita dal geco e provocarne la morte.

46

Temperatura del terraio

Una cosa fondamentale da sapere è che per il benessere del geco leopardino occorre fare in modo che all'interno del terrario ci siano due zone con temperature diverse, in quanto il suo organismo richiede una zona più calda e una più fresca. Per riscaldare il terrario esistono dei tappetini termici o dei cavetti termici da mettere al suo interno. In questo modo il geco potrà usufruire di una temperatura di circa 30° e salendo verso l'alto potrà rinfrescarsi con qualche grado in meno.

Continua la lettura
56

Alimentazione

Altro fatto da non trascurare è l'alimentazione. Come tutti i gechi, anche il nostro geco leopardino si nutre di animaletti vivi e allora non vi resta che recarvi in un negozio per animali e acquistare blatte, tarme della farina, locuste e grilli. Inoltre è importantissimo somministrare del calcio e della vitamina D3 almeno una volta alla settimana. Per farlo, acquistate queste sostanze sotto forma di polvere (presso i negozi di animali) e distribuitene un pochino sopra gli insetti in modo che mangeranno tutto assieme. Come avete potuto vedere per prendersi cura di un geco leopardino basta seguire alcuni semplici consigli e anche voi potrete godere della compagnia di questo simpatico e piccolo sauro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non mettete mai della sabbia all'interno del terrario o rischiate di uccidere il vostro geco leopardino

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come curare un geco

Il geco è un rettile di piccole o medie dimensioni molto diffuso all'interno delle zone a clima temperato (in Italia è presente soprattutto lungo le zone costiere) che si caratterizza per la grandezza della testa rispetto al resto del corpo; quest'ultimo...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di tartarughe in miniatura

Avere un animale in casa è il sogno di tutti i bambini, ma spesso non dei genitori. Un animale richiede cure e attenzioni, nonchè dispendio di denaro. Tuttavia spesso ci si dimentica che non solo cani e gatti sono animali domestici. Negli ultimi anni...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una rana

La scelta tra gli animali domestici che decidiamo di avere in casa, può essere diversa al solito gatto, cane, pesciolino colorato o uccelli esotici; se infatti siamo alla ricerca di una compagnia un po' più particolare potremo optare per un anfibio....
Rettili e Anfibi

Caratteristiche e curiosità del geco

Il geco è un rettile di dimensioni piuttosto piccole che ama vivere in climi temperati, e dal punto di vista morfologico appartiene alla famiglia delle lucertole. Contrariamente a queste ultime, il colore però varia di tonalità anche se tendenzialmente...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga d'acqua

Allevare un animale in casa, è sempre un impegno che va portato avanti con enorme passione e pazienza, per consentirgli di vivere tranquillamente ed in ottima salute, ricreando al meglio il suo habitat naturale. In questa semplice e breve guida vedremo...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Serpente domestico, come prendersene cura

Il serpente è un animale impegnativo da tenere in casa, sia per la cura sia per quanto riguarda la questione economica, più di quanto si possa immaginare. Importantissima è la scelta del serpente, perché non possono essere allevati tutti allo stesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.