Come prendersi cura di un maine coon

Tramite: O2O 27/03/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il Maine Coon è un gatto estremamente affascinante capace di colpire grandi e piccini sia per il suo aspetto maestoso che per il suo carattere riflessivo ma allo stesso tempo giocoso.
Nonostante il lungo pelo e le grandi dimensioni possano far pensare ad un animale bisognoso di molte cure ed attenzioni ma in realtà non è così. Nella seguente guida vedremo come prendersi cura di un Maine Coon e vi forniremo alcune notizie sulla razza, in modo tale da conoscere ogni trucco e metodo per dare loro le giuste cure.

25

Caratteristiche della razza

Il Maine Coon è sicuramente un gatto di grandi dimensioni: gli esemplari adulti possono raggiungere in media dai 7 kg ai 15 kg.
È un gatto che ha origine in luoghi molto freddi: nasce nel nord America e la sua mutazione genetica causata dal suo luogo di provenienza, ha comportato lo sviluppo di un pelo semi-lungo e molto folto, le zampe sono lunghe e muscolose e le dita dei piedi ricche di pelo gli permettono di non sprofondare nella neve.
Il tratto caratteristico di questi animali è sicuramente il mantello che è costituito da uno strato di morbido e sottile sotto-pelo e da uno strato superiore semi-lungo più corto sulle spalle e più lungo nella zona dei fianchi, del collo e della lunghissima coda.

35

Carattere

Il Maine Coon è un gatto curioso, intelligente ed equilibrato ed è capace di adattarsi sia alla vita d'appartamento ma sicuramente si trova molto bene se si ha a disposizione un terrazzo o un piccolo giardinetto in cui possa scorrazzare liberamente.
Presenta un carattere forte ed indipendente ma è capace di affezionarsi moltissimo all'intera famiglia e, una volta affezionato, instaura con il padrone un rapporto paritetico e duraturo che lo porta ad assumere la routine della persone con cui passa la maggior parte del tempo.
È di ottima compagnia per gli anziani ma messo a contatto con dei bambini è capace di scatenarsi e giocare insieme a loro.

Continua la lettura
45

Cura

Essendo una razza naturale e non artificiale il Maine Coon non soffre di specifici disturbi genetici e non richiede particolari cure. Il suo pelo idrorepellente gli permette di stare all'aperto anche durante le piogge e lo tiene protetto anche durante le giornate più fredde.
La naturale untuosità del pelo evita anche l'insorgere di fastidiosi nodi e, per questo motivo, il gatto nella maggior parte dei casi riesce a liberarsi dei peli morti in autonomia. Un minimo di attenzione andrà quindi prestato solo nel periodo della muta, periodo durante il quale è bene aiutare il gatto a liberarsi del pelo morto spazzolandolo con un pettine a maglie larghe almeno un paio di volte al mese.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come prendersi cura di un gattino

Prendersi cura di un gattino non è affatto semplice, in particolare se lo si adotta molto piccolo. In questo caso bisognerà tener conto delle cure neonatali di cui necessita e di come portarlo allo svezzamento per poterlo immettere poi gradualmente...
Gatti

Come prendersi cura di un gatto persiano

Il gatto persiano ha un pelo davvero folto e lungo e un musetto "schiacciato". Non è una razza sorta spontaneamente ma appartiene ad una specie voluta e selezionata dall'uomo. Proprio per questo non è dotata di difese innate per i piccoli "inconvenienti"...
Gatti

Come prendersi cura del pelo del gatto

In questo articolo vedremo oggi come prendersi cura del pelo del gatto. Esso è veramente molto importante, in quanto ha il compito di proteggere l'animale dall'umidità, dal freddo e dagli sbalzi della temperatura. Perciò, è fondamentale prendersi...
Gatti

Come prendersi cura di un gatto abbandonato

La scelta di adottare un animale è un passo molto importante in quanto il cucciolo scelto entrerà a far parte della famiglia. Tra gli animali domestici più conosciuti vanno annoverati senza dubbio i cani e i gatti: questi ultimi spesso vengono abbandonati...
Gatti

Come prendersi cura di un cane raffreddato

Alcuni sintomi quali tosse, starnuti e naso che cola non possono ingannare: per voi come per il vostro amico a quattro zampe, si tratta di raffreddore. Solitamente benigno, il raffredore può talvolta comportare, però, delle sgradevoli conseguenze, e...
Gatti

Come prendersi cura di un gatto sordo

Gli animali domestici sono da sempre un'ottima compagnia per noi umani all'interno delle mura di casa; attualmente le abitazioni italiane sono popolate in maggior misura da cani e gatti di varie razze e taglie. Purtroppo molti felini, nonostante se ne...
Gatti

Come riconoscere una frattura nel gatto e come si cura

Avere un animale domestico non è semplice. Come accade con i bambini molto piccoli, infatti, soprattutto quando uno di essi si trova in condizioni di salute precarie e non si sente molto bene, è davvero difficile capirlo e correre ai ripari. Scegliere...
Gatti

10 idee di nomi per gatti maschi

I gatti sono animali che affascinano per la loro indipendenza e quell'alone di mistero che si cela dietro le seducenti pupille ellittiche. Si adattano a qualsiasi condizione ambientale, sono ottimi compagni di gioco, amano stare al centro dell'attenzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.