Come preparare il tartarugaio per il letargo

Tramite: O2O 15/07/2016
Difficoltà: media
16

Introduzione

Al giorno d'oggi, sono innumerevoli le passioni degli esseri umani e tra queste, è possibile trovare anche quelle per gli animali. In particolar modo, si sta sviluppando sempre di più la passione nei confronti dei rettili come le tartarughe. Come si sa, ogni animale ha bisogno di accortezze e in particolar modo i rettili che tendono ad andare in letargo per un certo periodo di tempo. In tal caso, se le tartarughe si trovano direttamente in casa, bisogna tener presente di dover preparare l'ambiente per il letargo nei periodi invernali delle stesse. A tal proposito, nella seguente guida, vi spiegherò come preparare il tartarugaio per il letargo. Vediamo quindi come procedere.

26

Verificare le condizioni delle tartarughe

Innanzitutto, la prima cosa che bisogna fare, è quella di capire le condizioni fisiche delle tartarughe per potere affrontare il letargo invernale. Innanzitutto, se ci si accorge che sono malate, debilitate o sottopeso non potranno certamente andare in letargo, ma è necessario invece, provvedere a stabilizzarle, tenendole al caldo per tutto l'inverno, affinché possano essere alimentate e curate come si deve. Se invece esse sono in condizioni ottimali e sono di taglia media, provvedete ad eliminare il cibo circa quattro settimane prima del letargo, se sono piccole terminate circa due settimane prima del letargo.

36

Misurare regolarmente peso e lunghezza

Successivamente, ricordatevi che non dovete lasciare andare in letargo una tartaruga che ha mangiato da poco, perché il cibo contenuto nel tratto digerente non potrà mai essere assimilato durante il letargo e potrà causare una vera e propria putrefazione. Diversamente, per quanto riguarda l'acqua, bisogna tenerla a disposizione delle tartarughe, fino a poco prima del letargo. Inoltre, per permettere alla tartaruga di andare in letargo, è necessario misurare regolarmente il suo peso e la sua lunghezza, per vedere se la crescita o l'accumulo di riserve di grasso sono adeguati a superare tutto l'inverno.

Continua la lettura
46

Lasciare una ciotola d'acqua

All'interno del contenitore, ossia il tartarugaio, ricordatevi di porre delle foglie secche e della paglia, possibilmente umide. Se la tartaruga viene posta in un luogo chiuso, allora sarà necessario fare attenzione anche alla temperatura, che non dovrà essere né eccessivamente alta, né bassa, ma costante, poiché gli sbalzi termici possono causare dei problemi alle tartarughe e si potrebbero risvegliare nel meglio del letargo. È di fondamentale importanza porre vicino agli animali una ciotola con d'acqua, che potranno utilizzare al momento del risveglio, essendo deboli dopo questo lungo periodo di riposo.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Il letargo nelle tartarughe mediterranee

Se siete degli appassionati di tartarughe o se possedete delle tartarughe mediterranee e vorreste capire un po' di più dei meccanismi che regolano il loro stile di vita, questa guida fa al caso vostro. Le tartarughe mediterranee sono tra le specie di...
Rettili e Anfibi

Tartarughe di terra: 5 cose utili da sapere

Le tartarughe di terra, o tartarughe di Hermann (Testudo Hermanni) sono dei rettili della famiglia delle testuggini. Sono animali molto intelligenti e molto longevi che non superano i 25 cm di grandezza in età adulta. Ma cosa si può sapere di questi...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una tartaruga di terra

Le tartarughe sono diffuse in tutto il mondo, limitatamente alle zone calde o temperate. Quella più comune in Italia è la tartaruga di Herman, lunga sino a 30 cm e pesante anche 2 Kg, caratterizzata dal carapace molto convesso. Al contrario di quanto...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga da terra

Se decidiamo di adottare una tartaruga terrestre, è importante informarsi sulle sue abitudini, le necessità, le cure, l'alimentazione e lo spazio di cui necessita. Abilissima ad arrampicarsi, è spesso orientata a tentare la fuga dalle zone protette,...
Rettili e Anfibi

Tartaruga di terra: costruire una vasca su misura

Testuggine hermanni, è questo il nome scientifico del rettile più conosciuto e più amato, la tartaruga di terra. Si tratta di una specie sempre più rara che vive naturalmente nell'habitat mediterraneo. In Italia vige il divieto assoluto di prelevare...
Rettili e Anfibi

Consigli per accudire una tartaruga

Se si decidete di allevare una tartaruga terrestre, è importante attenersi ad alcune regole ben precise, in modo da farla vivere bene e a lungo, visto che questo esemplare è molto longevo. In riferimento a ciò, ecco una lista in cui ci sono alcuni...
Rettili e Anfibi

Come accudire una tartaruga d'acqua dolce

La tartaruga d'acqua dolce è un animale simpatico e tenero da tenere. Spesso però, vedendo le tartarughe in un negozio d'animali, si è tentati d'acquistarne una, spesso senza conoscere le caratteristiche e le esigenze di questo particolare e delicato...
Rettili e Anfibi

Come calcolare l'età di una tartaruga

Capire l'età di una tartaruga è un'operazione piuttosto difficile e ardua, tutt'altro che semplice. Le motivazioni di questa difficoltà si devono a due fattori principali. Il primo fattore è relativo alla longevità di questi animali che possono vivere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.