Come profumare il tuo gatto

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi possiede un animale domestico sa bene quanto la propria casa possa diventare sede di peli e sporcizia. Spesso purtroppo gli animali domestici hanno anche un odore molto forte, che può risultare spesso nauseante o fastidioso. C'è chi dice che però i gatti siano animali molto puliti. Ciò è in parte vero ma i cattivi odori sono all'ordine del giorno anche per i nostri amici felini. Può essere utile quindi provare a profumare il proprio gatto. Questo non crea nessun problema all'animale. Ecco una guida per capire come profumare il tuo gatto.

26

Occorrente

  • Shampoo per gatti
  • Acqua e sapone
  • Spugnetta
36

La lettiera

La prima accortezza da avere è quella di pulire la lettiera: esistono alcune sabbiette che assorbono gli odori (anche se mai totalmente, l'odore della pipì è “penetrante”!), ma pulire costantemente la lettiera è fondamentale per l'igiene del gatto. Il motivo è molto semplice, in questo modo non rimetteranno le zampine nei punti in cui hanno già fatto i loro bisogni.
Armati di paletta e sacchettino ma non solo, pulisci spesso anche il contenitore in cui metti la sabbietta, la lettiera in senso stretto. Puliscila con una spugnetta, dell'acqua tiepida e del sapone apposito, possibilmente profumato.

46

Lo shampoo

Di shampoo per gatti ce ne sono infiniti. Al cocco, al muschio bianco, al latte, esistono anche con estratti botanici dalle qualità deodoranti, antinfiammatorie e antisettiche.
Da non molto esistono anche profumi per gatti, veri e propri spray e lozioni con note di testa, di cuore e di fondo. Alcuni sono approvati dai medici veterinari ma anche se non fanno male alla loro salute possono comunque dargli fastidio: un buon bagno farà profumare il tuo gatto abbastanza e non manderà in tilt i recettori neuronali del loro naso, più sensibili di quelli umani (si sa, possono sentire un'eventuale preda anche a chilometri di distanza). È importante risciacquare con cura dopo.

Continua la lettura
56

Il bagnetto

Anche se i gatti non amano il bagnetto, esso è spesso importante anche per la loro salute. Massimo uno ogni due settimane, non di più, e l'acqua e il sapone laveranno via lo sporco, i parassiti e il pelo morto. E poi è questo il miglior modo per riuscire a profumare il tuo gatto: spazzola con cura il micio per eliminare ogni eventuale nodo (e forfora, anch'essa causa di cattivo odore), mettilo nella vasca o nel lavandino (sul fondo appoggiate un asciugamano per non farlo scivolare), bagnalo con un po' d'acqua calda mista a shampoo (per gatti) e ricordati di massaggiarlo a fondo per permettere al prodotto di penetrare fra il pelo. Poi risciacqua, sempre con acqua calda, usando un rubinetto da doccia o un recipiente.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evitate di lavare troppo spesso il vostro gatto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come deodorare la lettiera degli animali

Quante volte, entrando nelle case di chi ha un animale domestico, si avverte quella "fragranza", tutt'altro che invitante, provenire dalla lettiera dei piccoli amici a quattro zampe, che si sparge per gran parte della casa? Per quanto vi sforziate di...
Cura dell'Animale

5 modi naturali per lavare il proprio cane

Se avete degli animali domestici ed in particolare un cane, è importante lavarlo periodicamente sia per tenere il pelo pulito che per scongiurare la proliferazione di acari e parassiti. In commercio ci sono molti prodotti chimici che spesso non sono...
Cani

Pelo del cane: come rinforzarlo

Un pelo rado, sfibrato, debole e spento, condiziona la bellezza della pelliccia di un cane, ma soprattutto è sintomo di problemi si salute dell'amico a quattro zampe.Ricordiamoci che il pelo è lo specchio della salute degli animali, ed in particolare...
Cura dell'Animale

Come prendersi cura di un gatto siamese

Se vogliamo occuparci di un gatto, dobbiamo tenere conto del fatto che un animale domestico ha bisogno di molte attenzioni e cure giornaliere. I gatti sono una buona alternativa ai cani. Si tratta di animali abbastanza indipendenti, anche se bisogna occuparsene...
Invertebrati e Insetti

10 consigli per allontanare le cimici

Se la vostra casa è soggetta ad attacchi di cimici, magari perché avete un giardino che la circonda, potete intervenire usando prodotti di facile reperibilità. Si tratta infatti di modi davvero efficaci per allontanare definitivamente questi pericolosi...
Cani

10 consigli per addestrare un cane da tartufo

La ricerca dei tartufi è un'attività molto redditizia ma anche decisamente complicata se non si ha al proprio fianco un buon animale da fiuto. Il cane, che per il suo grande fiuto si contraddistingue da millenni, è generalmente molto indicato per questa...
Gatti

10 cose da sapere sulle lettiere per gatti

Uno dei vantaggi nel possedere un gatto anzichè un cane sta nell'uso della lettiera da parte dei mici. Il padrone di un gatto non ha bisogno di portarlo fuori regolarmente per fargli fare i suoi bisogni. E non deve neanche passare mesi e mesi ad addestrarlo...
Gatti

Gatti: quale lettiera scegliere

I gatti sono tra gli animali da compagnia, per l'uomo, preferiti insieme ai cani. Prendersi cura di un gatto necessita, sicuramente, di una buona dose di affetto e di passione. È necessario prestare la massima attenzione all'alimentazione di questo animale,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.